Stefano Catone

La crisi climatica sta colpendo e colpirà tutti, spesso con estrema violenza. Come sempre le persone più esposte saranno quelle più vulnerabili. Le responsabilità sappiamo tutti dove stanno.
La priorità deve essere mettere al sicuro le persone e non può essere messa in discussione da rimpalli tra paesi europei. Il diritto d’asilo è un diritto che in nessun caso può essere sottoposto a “vincoli quantitativi”. Servono corridoi umanitari, e cioè vie d’accesso sicure, legali, trasparenti attraverso cui evacuare più persone possibili.
82,4 milioni. Nonostante la pandemia, nonostante le limitazioni agli spostamenti attuate in numerosi paesi, il 2020 fa segnare un nuovo record al numero di persone costrette ad abbandonare le proprie case a causa di persecuzioni, violazioni dei diritti umani ed eventi che hanno pregiudicato gravemente l'ordine pubblico.
Se in alcuni paesi le conseguenze sono già apprezzabili, in altri no, ma ancora per poco. Se le cause dell'emergenza climatica hanno chiare responsabilità, le sue conseguenze non risparmieranno nessuno. Certo, i primi a essere colpiti sono curiosamente i meno responsabili e coloro che hanno meno risorse per tamponare ma, subito dopo, toccherà anche a noi. E a quel punto non ci saranno altri pianeti sui quali rifugiarsi. 
Il dato del Friuli Venezia Giulia - una delle tappe per chi percorre i Balcani e si dirige verso il centro Europa - dice che «il 75% delle persone scomparse è minorenne, contro una media nazionale del 50%»
Un nuovo patto che nei fatti non cambierebbe nulla, se non andando a rafforzare un percorso che conosciamo bene, e che ogni giorno ci allontana sempre di più dalla fine della tragedia umanitaria che da anni si consuma ai nostri confini.
Realtà strutturate, che agiscono alla luce del sole, che non temono di dichiararsi per quel che sono: fascisti. Rivendicano di «rappresentare la continuità col fascismo», deridono chi lottò e cadde per la liberazione e, allo stesso tempo, chiedono di superare la antistorica divisione tra fascisti e antifascisti. Alcuni siedono già nelle istituzioni, altri mirano a entrarvi per cancellarle, le istituzioni della Repubblica, perfettamente «in continuità col fascismo».
Dai documenti in possesso dei giornalisti emergerebbe qualcosa di nuovo, e cioè che il percorso che ha portato alla criminalizzazione delle Ong (ricorderete tutti l'estate del 2016) non fu casuale e non fu estemporaneo.
Oggi - anzi: l'altroieri - non succederà un cazzo. Il governo continuerà a sostenere che la Guardia costiera libica "salva" persone in mare, continuerà a utilizzare strumentalmente l'argomento dei corridoi umanitari, continuerà con politiche di collaborazione (commerciale, soprattutto, si legga: vendita di armi) con dittatori "utili" e necessari - vuoi per bloccare le persone migranti, vuoi per interessi strategici ed energetici. 
Definire lo "ius soli" irrinunciabile è molto semplice, quando non c'è alcun pericolo che arrivi nemmeno sul tavolo, ma il Viminale potrebbe, perlomeno, smettere di contare col pallottoliere le Ong che blocca? In questi termini, tornare ai livelli di Salvini sarebbe già un piccolo traguardo.