Il nuovo solito patto con la Libia

Un nuovo patto che nei fatti non cambierebbe nulla, se non andando a rafforzare un percorso che conosciamo bene, e che ogni giorno ci allontana sempre di più dalla fine della tragedia umanitaria che da anni si consuma ai nostri confini.

«Pat­to con la Libia», «Nuo­vo par­te­na­ria­to». Tito­la­no così i gior­na­li di oggi, annun­cian­do una “nuo­va” part­ner­ship tra Unio­ne euro­pea e Libia. Clau­dio Tito su Repub­bli­ca evi­den­zia i tre pun­ti car­di­ne di que­sta “nuo­va” col­la­bo­ra­zio­ne, in par­te anti­ci­pa­ti dal­la recen­te visi­ta di Dra­ghi a Tri­po­li. Il pri­mo pila­stro sareb­be la defi­ni­zio­ne di un vero e pro­prio accor­do di par­te­na­ria­to, pro­ba­bil­men­te ripar­ten­do dal­l’ac­cor­do sot­to­scrit­to dal nostro pae­se nel 2008. La sostan­za non sarà quin­di dis­si­mi­le da quan­to visto fino­ra: sol­di e beni (mili­ta­ri e non) in cam­bio del con­trol­lo del­le coste e del bloc­co del­le par­ten­ze. Tito fa nota­re che potreb­be esse­re riat­ti­va­ta una misu­ra, in par­ti­co­la­re, e cioè il «tele­ri­le­va­men­to» del­le fron­tie­re libi­che. Secon­do pila­stro: met­te­re in sicu­rez­za (leg­ga­si: chiu­de­re) la fron­tie­ra sud del­la Libia. Evi­den­te­men­te la stes­sa fron­tie­ra “già mes­sa in sicu­rez­za” dal­l’al­lo­ra mini­stro Min­ni­ti, quan­do si van­tò di aver sigla­to un «pat­to di san­gue» con i “sin­da­ci” del­le cit­tà che insi­sto­no in quel­la zona. Altret­tan­to evi­den­te­men­te non ha fun­zio­na­to. Ter­zo pila­stro: col­la­bo­ra­zio­ne coor­di­na­ta e con­ti­nua­ti­va con la “guar­dia costie­ra” libi­ca. Pila­stri già visti, già masti­ca­ti e già dige­ri­ti, che non han­no pro­dot­to i risul­ta­ti spe­ra­ti ma che han­no per­mes­so il per­pe­tuar­si di tut­to quel che sap­pia­mo: cen­tri di deten­zio­ne, traf­fi­ci di esse­ri uma­ni, stu­pri, tor­tu­re, respin­gi­men­ti. Una voce, però, si è leva­ta. E’ quel­la del­la mini­stra Lamor­ge­se: «Le pro­po­ste con­te­nu­te nel nuo­vo pat­to euro­peo per l’im­mi­gra­zio­ne e l’a­si­lo non sono sod­di­sfa­cen­ti per Ita­lia». Ma non illu­dia­mo­ci. Lamor­ge­se spe­ci­fi­ca: «Un altro capi­to­lo cen­tra­le del con­tra­sto all’immigrazione ille­ga­le è l’organizzazione dei rim­pa­tri: chi non ha tito­lo per entra­re nel nostro Pae­se deve esse­re rim­pa­tria­to, ma l’attuazione di que­sto prin­ci­pio è resa dif­fi­ci­le dal­la com­ples­si­tà tec­ni­ca del­la pro­ce­du­ra. In tale set­to­re rite­nia­mo essen­zia­le un mag­gio­re sfor­zo dell’Ue sia nel nego­zia­re nuo­vi accor­di di rim­pa­trio sia nel soste­ner­ne finan­zia­ria­men­te l’implementazione da par­te degli Sta­ti mem­bri impe­gna­ti in tale eser­ci­zio». Un nuo­vo pat­to che nei fat­ti non cam­bie­reb­be nul­la, se non andan­do a raf­for­za­re un per­cor­so che cono­scia­mo bene, e che ogni gior­no ci allon­ta­na sem­pre di più dal­la fine del­la tra­ge­dia uma­ni­ta­ria che da anni si con­su­ma ai nostri confini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.