Non dire imposta di successione

Ancora oggi, il solo accennare la necessità di reintrodurre una modesta tassazione sui passaggi ereditari della ricchezza scatena reazioni viscerali.

Cosa suc­ce­de ai segre­ta­ri del PD quan­do diven­ta­no segre­ta­ri del PD?

La doman­da mi è sor­ta osser­van­do ester­re­fat­to (ma nean­che trop­po) l’ennesimo guaz­za­bu­glio crea­to­si nel dibat­ti­to poli­ti­co ita­lia­no un minu­to dopo che Enri­co Let­ta ha pro­fe­ri­to quel­le paro­le così invi­se agli allea­ti di gover­no (eh già). Impo­sta di suc­ces­sio­ne è l’alter ego del­la patri­mo­nia­le. Mai dire impo­sta di suc­ces­sio­ne. Sem­pre che tu non ne sia con­vin­to sino in fon­do, ovvia­men­te. Noi di Pos­si­bi­le lo sia­mo e lo ripe­te­re­mo in ogni ango­lo del­le vie (appe­na si potrà cir­co­la­re liberamente).

L’imposta di suc­ces­sio­ne in pra­ti­ca nel nostro pae­se non esi­ste. L’ha ridot­ta ai mini­mi ter­mi­ni il mini­stro Tre­mon­ti nel 2001. Ma pos­so dir­vi che Giu­lia­no Ama­to, ulti­mo pre­si­den­te del Con­si­glio del­la sta­gio­ne dell’Ulivo di Pro­di e Vel­tro­ni, die­de loro una gros­sa mano intro­du­cen­do una leg­ge, col­le­ga­ta alla Finan­zia­ria, che esen­ta­va dal paga­men­to dell’imposta gli ere­di in linea ret­ta, figli e coniu­gi, per i patri­mo­ni fino a 350 milio­ni di lire. Inu­ti­le dire che da quel momen­to il get­ti­to rac­col­to diven­ne irrisorio.

Nem­me­no il gover­no dell’Unione riu­scì a rein­tro­dur­re un ade­gua­to pre­lie­vo sul­le suc­ces­sio­ni: si sta­bi­lì una fran­chi­gia mol­to ele­va­ta, a 1 milio­ne di euro, in com­bi­na­zio­ne con ali­quo­te mol­to bas­se (gli ere­di in linea ret­ta paga­no il 4% sul­la quo­ta eccedente).

Insom­ma, l’Italia è il para­di­so fisca­le del­le ere­di­tà, un pae­se dina­sti­co: i beni dei padri pas­sa­no in suc­ces­sio­ne ai figli, e quel­li dei figli ai figli dei figli e così via, nei seco­li e nei seco­li. Una dina­mi­ca ben descrit­ta dal lavo­ro di Gugliel­mo Baro­ne e Sau­ro Mocet­ti, due ricer­ca­to­ri di Ban­ca d’Italia, in un wor­king paper del 2016 inti­to­la­to La mobi­li­tà inter­ge­ne­ra­zio­na­le nel lun­ghis­si­mo perio­do: Firen­ze 1427–2011. I due han­no valu­ta­to il coef­fi­cien­te di ela­sti­ci­tà inter­ge­ne­ra­zio­na­le dei red­di­ti ma soprat­tut­to del­le ric­chez­ze a Firen­ze nel perio­do che va dal XV seco­lo all’inizio del XXI, sco­pren­do che nul­la è cam­bia­to in qua­si sei­cen­to anni. Ita­lia Ancien Régime.

Anco­ra oggi, il solo accen­na­re la neces­si­tà di rein­tro­dur­re una mode­sta tas­sa­zio­ne sui pas­sag­gi ere­di­ta­ri del­la ric­chez­za sca­te­na rea­zio­ni visce­ra­li. Una del­le prin­ci­pa­li cri­ti­che è rela­ti­va al fat­to che l’imposta di suc­ces­sio­ne si con­fi­gu­re­reb­be come una ulte­rio­re tas­sa­zio­ne di beni già tas­sa­ti, frut­to del duro lavo­ro dei padri (ovvia­men­te) che han­no tut­to il dirit­to di lascia­re ai pro­pri ere­di quan­do accu­mu­la­to in una vita di sacri­fi­ci. Que­sta nar­ra­zio­ne ha sen­so di esi­ste­re solo in una con­ce­zio­ne asso­lu­ti­sti­ca del dirit­to di pro­prie­tà, sacro e intan­gi­bi­le. Qual­co­sa che ci fa tor­na­re improv­vi­sa­men­te indie­tro di quat­tro seco­li, visto che si trat­ta di con­ce­zio­ni pro­prie del­la dot­tri­na poli­ti­ca di John Loc­ke (1689), men­tre stia­mo igno­ran­do del tut­to un prin­ci­pio car­di­ne del­la nostra stes­sa Costi­tu­zio­ne (la più bel­la del mon­do, o no?), dove, all’articolo 42, sta­bi­li­sce che «la pro­prie­tà pri­va­ta è rico­no­sciu­ta e garan­ti­ta dal­la leg­ge, che ne deter­mi­na i modi di acqui­sto, di godi­men­to e i limi­ti allo sco­po di assi­cu­rar­ne la fun­zio­ne socia­le e di ren­der­la acces­si­bi­le a tutti».

La fina­li­tà del­la tas­sa di suc­ces­sio­ne è di per­met­te­re un futu­ro miglio­re a tut­ti i figli, in modo che pos­sa­no istruir­si e ave­re pari oppor­tu­ni­tà di rea­liz­zar­si negli stu­di e nel lavo­ro. Anche in que­sto modo si assol­ve a quel­la fun­zio­ne socia­le descrit­ta dall’articolo 42.

Pec­ca­to che la pro­po­sta di Enri­co Let­ta di tra­sfor­ma­re il get­ti­to rac­col­to in una ‘dote’ per i gio­va­ni sia nien­te­me­no che la soli­ta ripro­po­si­zio­ne del­la for­mu­la del bonus. Una tan­tum da spen­de­re in for­ma­zio­ne e istru­zio­ne. Fate voial­tri. Come se lo Sta­to non si occu­pas­se di quel­le cose, di for­ma­zio­ne e istru­zio­ne, che sono quin­di ridot­te a fat­to pri­va­to, a una scel­ta — ancor­ché obbli­ga­ta — dei sin­go­li indi­vi­dui. No, caro segre­ta­rio, quel get­ti­to andreb­be spe­so in inve­sti­men­ti per scuo­le e uni­ver­si­tà pub­bli­che. Que­sto ci sarem­mo aspet­ta­ti di sen­ti­re. Del resto, però, si trat­ta pur sem­pre di una pro­po­sta per il futu­ro, mica per l’odierno. Ver­rà appro­va­ta quan­do? Quan­do sare­te al gover­no? Come se così non fos­se già ora.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.