A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si chia­ma il report che si chie­de se Pari­gi 2024 sarà anco­ra più cal­da dell’Olimpiade record di calo­re di Tokyo 2021. Intan­to, alcu­ne zone del pae­se sono di nuo­vo sott’acqua dopo le allu­vio­ni di mag­gio e giu­gno e tre per­so­ne sono mor­te in un giorno.

È in que­sto cli­ma par­ti­co­la­re, non solo in sen­so atmo­sfe­ri­co, che si apro­no le urne per il pri­mo tur­no del­le ele­zio­ni legi­sla­ti­ve fran­ce­si. Fin dall’annuncio che le for­ze di sini­stra del pae­se si sareb­be­ro pre­sen­ta­te con un pro­gram­ma uni­ta­rio abbia­mo soste­nu­to il Nou­veau Front Popu­lai­re, gra­zie all’impegno del nostro comi­ta­to Pos­si­bi­le Pari­gi. Abbia­mo orga­niz­za­to una due gior­ni di incon­tri pro­prio sul fini­re del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le, non solo per rag­giun­ge­re la comu­ni­tà ita­lia­na a Pari­gi, che è atti­vis­si­ma e pie­na di ini­zia­ti­va, ma per­ché la sfi­da del­la Fran­cia ci riguar­da tut­te e tut­ti. E ne sono consapevoli. 

I mani­fe­sti a soste­gno di NFP tap­pez­za­no la cit­tà, men­tre altri denun­cia­no la pro­pa­gan­da di destra rilan­cia­ta dai media.

E poi ci sono le can­di­da­te che abbia­mo incon­tra­to, Pau­li­ne Rapil­ly Fer­niot e Fran­ce­sca Pasquini. 

Pau­li­ne ha ven­tot­to anni, è con­si­glie­ra di mino­ran­za nel suo Comu­ne, Bou­lo­gne-Bil­lan­court, dove è can­di­da­ta nel NFP per Les Éco­lo­gi­stes-EELV. Sul retro del suo volan­ti­no c’è la foto di un diva­no blu, che lei siste­ma in mez­zo alla piaz­za prin­ci­pa­le per far inter­ve­ni­re le per­so­ne al micro­fo­no duran­te le assem­blee. Una vol­ta acco­mo­da­te, ci ha chie­sto di rac­con­ta­re cosa sia suc­ces­so in Ita­lia nel 2022, per­ché abbia vin­to la destra, e che cosa è cam­bia­to dopo. Abbia­mo rias­sun­to il cre­scen­do di nostal­gie fasci­ste a cui assi­stia­mo, alla vio­len­za del­la poli­zia che man­ga­nel­la stu­den­ti e mani­fe­stan­ti, e quel­la poli­ti­ca, alla luce del sole, come l’aggressione agli stu­den­ti di sini­stra a Roma. Abbia­mo par­la­to degli attac­chi omo­le­sbo­bi­tran­sfo­bi­ci, del­la vio­len­za di gene­re, del­la repres­sio­ne del dis­sen­so, del­la lot­ta con­tro la liber­tà di scel­ta sui cor­pi e sul­la mater­ni­tà, del­la discri­mi­na­zio­ne sul­la pel­le del­le per­so­ne raz­zia­liz­za­te. Del­le cen­su­re ai gior­na­li­sti, del­l’in­chie­sta di Fan­pa­ge sul­la gio­ven­tù melo­nia­na che è ovun­que ma non sui media tra­di­zio­na­li. Di come per il cli­ma non si fac­cia più nul­la, per­ché al gover­no ci sono i nega­zio­ni­sti cli­ma­ti­ci (in com­pen­so si par­la mol­to di Pon­te sul­lo Stret­to). Di come sui temi socia­li non vada meglio, con il sala­rio mini­mo boc­cia­to, il red­di­to di cit­ta­di­nan­za can­cel­la­to. Del­le rifor­me per accen­tra­re il pote­re e spac­ca­re il paese. 

Di come sia­no tut­ti pro­ces­si che arri­va­no da lon­ta­no e per ognu­no di essi vedia­mo che l’inerzia di anni di chi si dice pro­gres­si­sta sia sta­ta deci­si­va: il sala­rio mini­mo, la leg­ge con­tro l’omolesbobitransfobia, l’ac­ces­so all’aborto, l’abolizione del­la Bos­si-Fini, solo per citar­ne alcu­ne, sono tut­te cose che il cen­tro­si­ni­stra non ha mai risol­to. E ad uno stes­so pro­ble­ma, se non arri­va una rispo­sta di sini­stra, ne arri­ve­rà una di destra. Sul­la pel­le di tut­te e tutti.

Fran­ce­sca inve­ce è una depu­ta­ta uscen­te di Génération.s ed è can­di­da­ta ad Asniè­res e Colom­bes. L’abbiamo incon­tra­ta l’ultimo gior­no di cam­pa­gna, tra una serie di appun­ta­men­ti ser­ra­tis­si­mi che sono cul­mi­na­ti con la sua assem­blea di chiu­su­ra. È cari­ca per la sfi­da, ma mol­to pre­oc­cu­pa­ta per la posta in gio­co: per la Fran­cia, per il lavo­ro che ha fat­to e impo­sta­to in que­sti anni di legi­sla­tu­ra e per la fine che potreb­be fare se vin­ces­se la destra. Anni di pro­get­ta­zio­ne per i dirit­ti dei bam­bi­ni vit­ti­me di vio­len­ze e mole­stie dome­sti­che e per attrez­za­re le scuo­le a far fron­te all’emergenza cli­ma­ti­ca (una del­le urgen­ze su cui abbia­mo lavo­ra­to anche noi, con “La scuo­la di Gre­ta”) che, in caso dell’arrivo del­la destra, noto­ria­men­te aller­gi­ca a que­sti temi, cer­ta­men­te fini­ran­no in un cesti­no o subi­ran­no ritar­di che non pos­sia­mo permetterci.

In tut­te le con­ver­sa­zio­ni che abbia­mo avu­to, anche quel­le all’Isola, ospi­ta­ti con entu­sia­smo e gene­ro­si­tà da Gui­do, pun­to di rife­ri­men­to del­la comu­ni­tà ita­lia­na a Pari­gi, c’è il timo­re per quel­lo che la destra potreb­be fare del­la Fran­cia come pae­se in cui il pro­gres­si­smo ha sem­pre avu­to cit­ta­di­nan­za e la diver­si­tà è sta­ta sem­pre un valo­re riconosciuto. 

Anche Fran­ce­sca ci chie­de degli effet­ti del­la destra al gover­no, del­la rispo­sta del­la sini­stra. A lei chie­dia­mo come ha vis­su­to la discus­sio­ne velo­cis­si­ma per la for­ma­zio­ne del NFP, aven­do­la anche vis­su­ta da un pun­to di osser­va­zio­ne pri­vi­le­gia­to, l’Assemblea Nazio­na­le. Ci ha spie­ga­to che l’accordo si è rag­giun­to in fret­ta per­ché c’era la con­sa­pe­vo­lez­za che da soli nes­su­no sareb­be sta­to abba­stan­za, e i van­tag­gi dal pun­to di vista del pro­gram­ma e del con­sen­so sono sta­ti giu­di­ca­ti da tut­ti più rile­van­ti del­le dif­fi­col­tà a fare con­vi­ve­re sto­rie poli­ti­che diver­se. E, aggiun­ge, per­ché ci sono sta­te per­so­ne che, come lei, da depu­ta­te, con­si­glie­re, sem­pli­ci mili­tan­ti, han­no tenu­to viva e fun­zio­nan­te l’unità sui ter­ri­to­ri, man­te­nen­do ciò che già era sta­to fat­to in pre­ce­den­za e allar­gan­do anco­ra. In que­sto modo, a par­ti­re dai ter­ri­to­ri in cui il lavo­ro comu­ne ha con­ti­nua­to a fun­zio­na­re, il NFP non si pro­po­ne come un car­tel­lo elet­to­ra­le mes­so insie­me all’ultimo, anche se i tem­pi sono sta­ti mol­to stret­ti. Ma un impe­gno uni­ta­rio su temi fon­da­men­ta­li, con l’urgenza di evi­ta­re che la destra dila­ghi, ma anche, come dovreb­be esse­re, con la for­za del­le pro­po­ste pro­gram­ma­ti­che, radi­ca­li, precise. 

Intan­to, a urne aper­te, la sfi­da del­l’af­fluen­za sem­bra esse­re sta­ta vin­ta: al momen­to, i dati par­zia­li dico­no che è la più alta dal 1978, già ampia­men­te oltre a quel­la di sole tre set­ti­ma­ne fa per le europee.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui