Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La priorità deve essere mettere al sicuro le persone e non può essere messa in discussione da rimpalli tra paesi europei. Il diritto d’asilo è un diritto che in nessun caso può essere sottoposto a “vincoli quantitativi”. Servono corridoi umanitari, e cioè vie d’accesso sicure, legali, trasparenti attraverso cui evacuare più persone possibili.

«Pri­ma di par­la­re di quo­te di ripar­ti­zio­ne, dob­bia­mo par­la­re di opzio­ni sicu­re per i rifu­gia­ti nei pres­si dell’Afghanistan». Que­sta la linea det­ta­ta dal­la can­cel­lie­ra Mer­kel nell’approccio alla cri­si uma­ni­ta­ria che si pro­fi­la tra le pri­me con­se­guen­ze del­la pre­sa di Kabul da par­te dei tale­ba­ni. Tra­du­cen­do: in pri­mo luo­go biso­gna coo­pe­ra­re e dare sup­por­to ai pae­si con­fi­nan­ti (vedi il Paki­stan) e sola­men­te in un secon­do momen­to sarà pos­si­bi­le valu­ta­re un’accoglienza per quo­te nei pae­si dell’Unione europea. 

Un approc­cio fal­la­ce per diver­se ragio­ni. La pri­ma ragio­ne è che la coo­pe­ra­zio­ne nell’accoglienza di rifu­gia­ti in pae­si ter­zi è una buo­na cosa sola­men­te se vie­ne rispet­ta­ta una con­di­zio­ne fon­da­men­ta­le, e cioè che il pae­se ospi­tan­te non ven­ga defi­ni­to a prio­ri come sicu­ro. È infat­ti bene ricor­da­re che nel deter­mi­na­re lo sta­tus di rifu­gia­to non con­ta una gene­ri­ca qua­li­fi­ca­zio­ne del pae­se ospi­tan­te o di pro­ve­nien­za, ma la sto­ria per­so­na­le di colui che richie­de pro­te­zio­ne. In uno stes­so pae­se, infat­ti, ci pos­so­no esse­re per­so­ne che lo sta­to è in gra­do di tute­la­re e per­so­ne che inve­ce lo sta­to non è in gra­do di tute­la­re, o per cui gli appa­ra­ti sta­ta­li sono una minaccia.

I pae­si euro­pei e l’Unione euro­pea non han­no fino­ra dato il buon esem­pio. I casi più ecla­tan­ti sono gli accor­di con la Libia e con la Tur­chia. Quest’ultimo, nato con l’intento di met­te­re un bloc­co al tran­si­to di rifu­gia­ti lun­go la rot­ta bal­ca­ni­ca, pre­ve­de di fat­to respin­gi­men­ti siste­ma­ti­ci dall’Europa ver­so la Tur­chia. Se l’impegno euro­peo ver­so i pae­si che si tro­va­no «nei pres­si dell’Afghanistan» doves­se esse­re quel­lo di repli­ca­re con il Paki­stan (che pro­ba­bil­men­te sarà il pri­mo pae­se in cui mol­te per­so­ne cer­che­ran­no sicu­rez­za) lo stes­so accor­do rag­giun­to con la Tur­chia ci tro­ve­rem­mo di fron­te all’ennesimo fallimento. 

Oltre ai siste­ma­ti­ci respin­gi­men­ti, l’accordo con la Tur­chia si è rive­la­to fal­li­men­ta­re anche per altri moti­vi, e venia­mo così alla secon­da ragio­ne per cui l’approccio euro­peo rischia di esse­re fal­li­men­ta­re. Da quan­do è in vigo­re, il flus­so sul­la rot­ta bal­ca­ni­ca si è cer­ta­men­te ridot­to, ma allo stes­so tem­po non è scom­par­so e non sono scom­par­se le per­so­ne in tran­si­to su quel­la rot­ta. Han­no sola­men­te bat­tu­to nuo­vi per­cor­si, tro­va­to nuo­vi pas­sa­to­ri, cer­ca­to vie di pas­sag­gio sem­pre più rischio­se per arri­va­re in Europa.

Ter­za ragio­ne: le quo­te di ripar­ti­zio­ne. Sia­mo tut­ti d’accordo che l’Unione euro­pea dovreb­be agi­re in manie­ra soli­da­le nel momen­to in cui affron­ta cri­si uma­ni­ta­rie, ma dovrem­mo esse­re tut­ti d’accordo anche su altre due que­stio­ni. In pri­mo luo­go, la prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Anche su que­sto fron­te i pre­ce­den­ti non sono favo­re­vo­li all’Unione euro­pea e al nostro pae­se, basti guar­da­re quan­to avvie­ne nel Medi­ter­ra­neo. In secon­do luo­go il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Non stia­mo par­lan­do di migra­zio­ni frut­to di libe­ra scel­ta, ma di per­so­ne in fuga, minac­cia­te e in pericolo.

Tut­ti que­sti argo­men­ti non pos­so­no che soste­ne­re l’opzione dei cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne pos­si­bi­li. Il rea­li­smo ci dice che sarà neces­sa­rio dare prio­ri­tà alle per­so­ne più vul­ne­ra­bi­li, ma la vul­ne­ra­bi­li­tà non può e non deve esse­re il risul­ta­to di un solo para­me­tro, come si sen­te ripe­te­re da più par­ti: «sì le don­ne e i bam­bi­ni, no gli uomi­ni» è un para­me­tro assur­do e ingiu­sto, che non tie­ne con­to del­la vul­ne­ra­bi­li­tà (appun­to), del­lo sta­to di neces­si­tà, del­la tute­la dell’integrità fami­lia­re e quin­di del mino­re, e di un sac­co di altri fat­to­ri. Sfug­gi­re a que­sti ele­men­ti è sola­men­te l’ennesimo modo per rac­cat­ta­re voti sul­la pel­le altrui. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.