Nessun compromesso è accettabile sul ddl Zan: è solo il primo passo verso l’uguaglianza

I diritti, le libertà, la dignità e i corpi delle persone LGBTI+ non sono merce di scambio politico, strumenti di tatticismi che spesso guardano ad altre questioni e hanno tutt'altri obbiettivi.

Le pro­po­ste di modi­fi­ca di Ita­lia Viva al DDL ZAN, uni­te alle dichia­ra­zio­ni di Farao­ne e Ren­zi che striz­za­no l’occhio alla Lega, sono irri­ce­vi­bi­li, per­ché frut­to di una stra­te­gia poli­ti­ca ai dan­ni del­la digni­tà del­la comu­ni­tà LGBTI+ e in par­ti­co­la­re del­le per­so­ne trans che, tra tut­te e tut­ti, in que­sti anni sono sta­te peren­ne­men­te e volu­ta­men­te dimen­ti­ca­te ed esclu­se. Non reg­ge più la favo­la dei com­pro­mes­si e del­le media­zio­ni, del­la con­ver­gen­za ampia: la Lega non ha alcu­na volon­tà di appro­va­re il DDL ma di svuo­tar­lo e se pos­si­bi­le affos­sar­lo. Non può esser­ci con­ver­gen­za con la destra oscu­ran­ti­sta, radi­ca­le e con­ser­va­tri­ce che ogni gior­no nega la digni­tà del­le per­so­ne LGBTI+. Dal 13 luglio il DDL Zan arri­va in aula gra­zie al voto del­la capi­grup­po che cer­ti­fi­ca l’esistenza di una mag­gio­ran­za sul testo, la stes­sa del­la Came­ra e del soste­gno al gover­no Con­te Bis. A que­sto pun­to la par­ti­ta ven­ga gio­ca­ta a car­te sco­per­te: Ita­lia Viva dovrà pren­der­si la respon­sa­bi­li­tà di fron­te a tut­tǝ noi di soste­ne­re il testo, come ha già fat­to, o di affos­sa­re una leg­ge, pre­sen­tan­do emen­da­men­ti e ripor­tan­do indie­tro l’iter. Non dimen­ti­chia­mo che il testo uni­fi­ca­to pas­sa­to alla Came­ra dei Depu­ta­ti è già una media­zio­ne. Media­zio­ne volu­ta tra l’altro pro­prio da Ita­lia Viva e alcu­ni cen­tri­sti. Da lì arri­va il famo­so arti­co­lo 4 che riba­di­sce la liber­tà di opi­nio­ne, quel­la stes­sa che vie­ne mil­lan­ta­ta dal­la destra come impo­si­zio­ne del pen­sie­ro gen­der-uni­co. Ma que­sto ora non basta più: si aggiun­ge la bat­ta­glia per can­cel­la­re l’identità di gene­re e con essa la digni­tà del­le per­so­ne trans, che anche sta­vol­ta dovreb­be­ro esse­re l’oggetto (il ter­mi­ne non è scel­to a caso per­ché trop­po spes­so que­sta è la con­ce­zio­ne de-uma­niz­za­ta che si ha di que­ste per­so­ne) del sacri­fi­cio. Beh, ci vuo­le mas­si­ma chia­rez­za: non c’è nul­la di con­tro­ver­so nel­la defi­ni­zio­ne di “iden­ti­tà di gene­re” che è già pre­vi­sta nel­le sen­ten­ze inter­na­zio­na­li, nel­le posi­zio­ni del­la CEDU, nel dirit­to euro­peo e — sor­pre­so­na — anche nel dirit­to ita­lia­no. Sem­pre per chia­rez­za, a que­sto aggiun­gia­mo che non è per nul­la oltrag­gio­so nem­me­no inse­ri­re nel DDL l’importanza dell’educazione e del lavo­ro nel­le scuo­le, luo­go da cui è pos­si­bi­le costrui­re una nuo­va socie­tà capa­ce di aprir­si, cono­sce­re e acco­glie­re la diver­si­tà. Nega­re l’a­spet­to del­l’i­den­ti­tà di gene­re e del lavo­ro nel­le scuo­le svuo­ta il sen­so del DDL e signi­fi­ca che non si vuo­le com­pren­de­re che il con­tra­sto all’odio è una bat­ta­glia siste­mi­ca. Che non esi­ste immu­ni­tà dal­le discri­mi­na­zio­ni, che ser­ve par­ti­re dall’educazione del­le nuo­ve gene­ra­zio­ni e dal­le scuo­le. Inol­tre le modi­fi­che sbu­giar­da­no anche il lavo­ro dei depu­ta­ti e del­le depu­ta­te ren­zia­ne alla Came­ra, come Lucia Anni­ba­li, che ha lavo­ra­to pro­prio sull’articolo 1, che ora magi­ca­men­te non va più bene e va cam­bia­to nel­le sue defi­ni­zio­ni. I dirit­ti, le liber­tà, la digni­tà e i cor­pi del­le per­so­ne LGBTI+ non sono mer­ce di scam­bio poli­ti­co, stru­men­ti di tat­ti­ci­smi che spes­so guar­da­no ad altre que­stio­ni e han­no tut­t’al­tri obbiet­ti­vi. Ora si gio­chi dav­ve­ro a car­te sco­per­te e si dica se si voglio­no soste­ne­re le fem­mi­ni­ste radi­ca­li — che, con buo­na pace di chi vuo­le impor­ci un’altra nar­ra­zio­ne, sono solo una par­te resi­dua­le del fem­mi­ni­smo che è, inve­ce, a fian­co del­la comu­ni­tà T* — e la destra — che con la scu­sa del­la fan­to­ma­ti­ca liber­tà di espres­sio­ne e opi­nio­ne vuo­le bloc­ca­re l’approvazione di una leg­ge di civil­tà. Le per­so­ne LGBTI+, inol­tre, sono in gra­do di auto­de­ter­mi­nar­si, anche poli­ti­ca­men­te, e di pren­de­re paro­la. Di occu­pa­re lo spa­zio del dibat­ti­to anche quan­do non vie­ne loro con­ces­so. Per que­sto è assur­do che anco­ra oggi a par­la­re per loro sia­no per­so­ne che dall’alto del loro pri­vi­le­gio spie­ga­no l’arte del­la media­zio­ne a chi da sem­pre è oppres­so dall’odio, dal­le discri­mi­na­zio­ni, da una socie­tà ete­ro-patriar­ca­le. Pri­vi­le­gio che coin­ci­de spes­so con il fat­to di esse­re un uomo bian­co, cisgen­der, alto-bor­ghe­se. Chi pen­sa che le per­so­ne LGBTI+ non sia­no abba­stan­za nem­me­no per par­la­re di se stes­se sba­glia di gros­so, come appa­re evi­den­te dal­le maree che anche in que­sti gior­ni han­no ani­ma­to Pri­de sem­pre più vis­su­ti, sem­pre più tumul­tuo­si, sem­pre più par­te­ci­pa­ti da per­so­ne di ogni orien­ta­men­to e iden­ti­tà di gene­re. Per­so­ne che han­no smes­so, come abbia­mo smes­so noi, di esse­re zen (Mat­teo Ren­zi cit.): sia­mo deci­sa­men­te inca***tǝ. Nel Pae­se euro­peo con il più alto nume­ro di vit­ti­me trans, dove i gio­va­ni LGBTI+ rischia­no anche solo uscen­do di casa con una bor­sa arco­ba­le­no, dove l’escalation di aggres­sio­ni e vio­len­ze cre­sce ogni gior­no non sono accet­ta­bi­li media­zio­ni sul DDL Zan. Se l’obiettivo è svuo­ta­re la leg­ge non potre­mo accet­ta­re che qual­cu­no si van­ti del poco rispet­to a nien­te, per­ché die­tro quel nien­te ci sono le per­so­ne trans. Abbia­te il corag­gio di guar­dar­le negli occhi e dire loro che, anche sta­vol­ta, sono il nul­la per il poco, per assi­cu­ra­re un pri­vi­le­gio anche tra gli ulti­mi. Bri­cio­le con­ces­se ma “ven­du­te” come suc­ces­si elet­to­ra­li. No, #NotIn­My­Na­me, our name. Con Pos­si­bi­le con­ti­nue­re­mo a soste­ne­re che il DDL Zan va appro­va­to così sen­za modi­fi­che o com­pro­mes­si al ribas­so. Per que­sto, tra­mi­te la nostra Cam­pa­gna tema­ti­ca Pos­si­bi­le LGBTI+ abbia­mo anche sot­to­scrit­to la lettera/appello pro­mos­sa da Rete Len­ford e tan­tis­si­me asso­cia­zio­ni. Per riba­di­re che nes­su­na media­zio­ne è pos­si­bi­le e accet­ta­bi­le su una leg­ge che è solo un pri­mo pas­so ver­so la pie­na ugua­glian­za dei dirit­ti. Per­ché voglia­mo mol­to più di Zan, chie­dia­mo matri­mo­ni, ado­zio­ni, supe­ra­men­to del­la 164/82 e tan­to altro.

Giu­sep­pe Civati

Gian­mar­co Capogna

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?