Quaderni

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

European Greens: “Choose Courage” (e la rivoluzione generazionale)

Da Lio­ne un solo gran­de slo­gan: “Choo­se Cou­ra­ge” (e la rivo­lu­zio­ne gene­ra­zio­na­le) La paro­la d’ordine del Con­gres­so dei Ver­di Euro­pei che si è tenu­to a Lio­ne dal 2 al 4 feb­bra­io è sta­ta: CORAGGIO. Corag­gio di fare scel­te eco­lo­gi­che e soste­ni­bi­le net­te. Corag­gio di com­bat­te­re aper­ta­men­te la destra radi­ca­le e ogni for­ma di fasci­smo. Coraggio …

Euro­pean Greens: “Choo­se Cou­ra­ge” (e la rivo­lu­zio­ne gene­ra­zio­na­le) Leg­gi altro »

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.

In difesa della democrazia Costituzionale: premierato e autonomia differenziata. Le ragioni del no

Rin­gra­zio l’or­ga­niz­za­zio­ne di que­sta occa­sio­ne che è pre­zio­sa e neces­sa­ria. Anche tra­la­scian­do il ben più lun­go dibat­ti­to sul regio­na­li­smo, que­sta spe­ci­fi­ca discus­sio­ne sull’autonomia dif­fe­ren­zia­ta nel 2024 ha l’età per anda­re a scuo­la: sono pas­sa­ti sei anni dall’accordo del 2018 di Vene­to, Lom­bar­dia ed Emi­lia Roma­gna. Gover­no Gen­ti­lo­ni, a pochi gior­ni dal voto, pro­prio in questo …

In dife­sa del­la demo­cra­zia Costi­tu­zio­na­le: pre­mie­ra­to e auto­no­mia dif­fe­ren­zia­ta. Le ragio­ni del no Leg­gi altro »

L’evasione fiscale si affronta con la tracciabilità dei pagamenti

Stan­do all’aggiornamento pub­bli­ca­to lo scor­so 2 gen­na­io, nel com­ples­so l’evasione fisca­le e con­tri­bu­ti­va nel 2021 risul­ta pari a 83,6 miliar­di di euro, di cui cir­ca 73,2 miliar­di di man­ca­te entra­te tri­bu­ta­rie e 10,4 miliar­di di man­ca­te entra­te con­tri­bu­ti­ve. Per dare una misu­ra dell’entità di tali cifre, la mano­vra finan­zia­ria 2024 vale cir­ca 24 miliar­di, finan­zia­ta con un extra defi­cit di 15,7 miliar­di. L’evasione è pari a 3,5 vol­te la manovra.

L’ispezione all’Ospedale Careggi voluta da Gasparri è un odioso attacco al diritto alla salute delle persone trans*

L’attacco di Gaspar­ri al repar­to di endo­cri­no­lo­gia dell’Ospedale Careg­gi è l’ennesima mos­sa per dele­git­ti­ma­re, iso­la­re e pri­va­re le per­so­ne trans* dei dirit­ti basi­la­ri. L’azione di que­sto gover­no si rive­la sem­pre più per­se­cu­to­ria nei con­fron­ti del­la comu­ni­tà LGBT e mira a col­pi­re in par­ti­co­lar modo le fasce più vul­ne­ra­bi­li, come i mino­ri trans*.  Al Careg­gi è presente …

L’ispezione all’Ospedale Careg­gi volu­ta da Gaspar­ri è un odio­so attac­co al dirit­to alla salu­te del­le per­so­ne trans* Leg­gi altro »

DCA: ammalarsi non è una scelta, limitare le cure sì

Il 19 gen­na­io scen­de­re­mo nel­le piaz­ze ita­lia­ne insie­me alla Fon­da­zio­ne Fioc­chet­to Lil­la e a tut­te le asso­cia­zio­ni che la sosten­go­no, per­ché di distur­bi del com­por­ta­men­to ali­men­ta­re si muo­re oggi più di ieri. E se non fac­cia­mo nul­la, doma­ni si mori­rà più di oggi.

Un Piemonte Possibile. Verso le regionali 2024

A giu­gno le cit­ta­di­ne e i cit­ta­di­ni del Pie­mon­te dovran­no sce­glie­re come sarà la regio­ne dei pros­si­mi cin­que anni. Abbia­mo visto come la destra che gover­na la regio­ne sia imper­mea­bi­le all’ur­gen­za del­la cri­si cli­ma­ti­ca, nono­stan­te l’e­vi­den­za degli even­ti estre­mi che col­pi­sco­no il nostro ter­ri­to­rio con sem­pre mag­gio­re fre­quen­za, e i dati impie­to­si sul­l’in­qui­na­men­to e i …

Un Pie­mon­te Pos­si­bi­le. Ver­so le regio­na­li 2024 Leg­gi altro »