Davide Serafin

#

31 Ott: No, il Decreto Clima non è un Green New Deal – #IlFirmamento

Dovremmo accettare supinamente che un’etichetta come quella del Green New Deal, che significa in poche parole molto denaro in investimenti pubblici e privati per cambiare – in senso ecologista e neutrale in termini di emissioni di gas climalteranti – il modo di produzione, sia energetico che manufatturiero, nonché incidere profondamente sulle competenze e quindi il sistema educativo, sia ridotta ai contenuti del cd. Decreto Clima o a qualche promessa fatta durante la formazione del governo Conte bis?

  •  
  •  
  •  
  •  
#

25 Giu: Accordata la cassa integrazione per gli operai Pernigotti

Dopo l’errore macroscopico nella compilazione dei moduli per la richiesta della cassa integrazione straordinaria, l’azienda si era accordata con i sindacati per anticipare le somme non erogate: ai circa 35 lavoratori rimasti senza occupazione e non reintegrati dall'azienda è stata assegnata una somma prendendo parte del tfr, delle ferie, delle tredicesime e della quattordicesima di ogni lavoratore.
#

20 Giu: Migranti climatici che non esistono

Crisi climatica significa soprattutto crisi del modello di vita associata che gli uomini hanno evoluto soprattutto negli ultimi due secoli. Una crisi che comporta l’abbandono forzato della terra in cui si è nati, per cercare rifugio altrove, nella fascia temperata, che a sua volta si sposta e si riduce lungo i meridiani.
#

10 Giu: Chi inquina paga ma non abbastanza

Nel complesso, le tasse ambientali valgono 50 miliardi di euro l’anno, una discreta somma, pensereste. Peccato che il gettito raccolto non abbia una destinazione congrua rispetto al principio che lo genera. L’ISTAT attesta che solo l’1% circa del gettito delle imposte ambientali è destinato a finanziare spese per la protezione dell’ambiente.
#

22 Apr: Salario minimo arenato al Senato

Nonostante i proclami e pur essendo compreso fra le materie del ‘contratto’ di governo, il progetto di legge sul salario minimo è arenato in Commissione Lavoro al Senato e, molto probabilmente, dopo le elezioni europee potrebbe giacére sul campo di battaglia come principale vittima del conflitto fra 5 stelle e Lega. Perché?