L’evasione fiscale si affronta con la tracciabilità dei pagamenti

Stando all’aggiornamento pubblicato lo scorso 2 gennaio, nel complesso l’evasione fiscale e contributiva nel 2021 risulta pari a 83,6 miliardi di euro, di cui circa 73,2 miliardi di mancate entrate tributarie e 10,4 miliardi di mancate entrate contributive. Per dare una misura dell’entità di tali cifre, la manovra finanziaria 2024 vale circa 24 miliardi, finanziata con un extra deficit di 15,7 miliardi. L’evasione è pari a 3,5 volte la manovra.

La reto­ri­ca è sem­pre la mede­si­ma: meno tas­se per tut­ti. La flat tax è infi­la­ta un po’ ovun­que, per testi­mo­nia­re l’impegno elet­to­ra­le del­la mag­gio­ran­za al gover­no. L’im­po­sta sui red­di­ti del­le per­so­ne fisi­che vede il suo get­ti­to con­ti­nua­men­te ero­so da regi­mi sosti­tu­ti­vi straor­di­na­ri, detra­zio­ni e altre tax expen­di­tu­res che modi­fi­ca­no la natu­ra già scar­sa­men­te pro­gres­si­va del­la strut­tu­ra del­le ali­quo­te. Lo sce­na­rio, lo capi­re­te, è quel­lo che è.

Che fare quin­di? Come si affron­ta, ad esem­pio, l’evasione mon­stre che afflig­ge da sem­pre il nostro pae­se? No, non cadia­mo nel­la trap­po­la di spo­sta­re altro­ve la sede esclu­si­va degli elu­so­ri e degli eva­so­ri fisca­li. Non si trat­ta solo di mul­ti­na­zio­na­li, che pure elu­do­no il fisco con mec­ca­ni­smi raf­fi­na­tis­si­mi e che tut­ta­via saran­no inte­res­sa­te dal­la cosid­det­ta Mini­mum Cor­po­ra­te Tax al 15 per cen­to, appro­va­ta in Euro­pa con la Diret­ti­va (UE) 2022/2523 del Con­si­glio del 14 dicem­bre 2022 ed entra­ta il 1° Gen­na­io a far par­te del­la nostra disci­pli­na fisca­le, la cui effi­ca­cia sarà da dimo­stra­re nume­ri alla mano.

Par­lia­mo del­la pla­tea nazio­na­le, rap­pre­sen­ta­ta dal­le sta­ti­sti­che del Tax Gap, ossia il valo­re del diva­rio tra le impo­ste e i con­tri­bu­ti effet­ti­va­men­te ver­sa­ti e le impo­ste e i con­tri­bu­ti che si sareb­be­ro dovu­ti ver­sa­re. Stan­do all’aggiornamento pub­bli­ca­to lo scor­so 2 gen­na­io, nel com­ples­so l’evasione fisca­le e con­tri­bu­ti­va nel 2021 risul­ta pari a 83,6 miliar­di di euro, di cui cir­ca 73,2 miliar­di di man­ca­te entra­te tri­bu­ta­rie e 10,4 miliar­di di man­ca­te entra­te con­tri­bu­ti­ve. Per dare una misu­ra dell’entità di tali cifre, la mano­vra finan­zia­ria 2024 vale cir­ca 24 miliar­di, finan­zia­ta con un extra defi­cit di 15,7 miliar­di. L’evasione è pari a 3,5 vol­te la manovra.

Sono, bada­te bene, nume­ri in dimi­nu­zio­ne rispet­to all’anno di rife­ri­men­to, il 2016, quan­do il tota­le eva­so si atte­sta­va a qua­si 108 miliar­di di euro.

Lo sce­na­rio è quin­di in miglio­ra­men­to, ma non del tut­to. Alcu­ne aree più pro­pen­se all’evasione con­ti­nua­no a per­si­ste­re. I dati sono elo­quen­ti e spie­ga­no che i net­ti miglio­ra­men­ti nel Tax Gap dell’IVA (pas­sa­to da 34,7 mld nel 2016, a 18,1 mld nel 2021; in ter­mi­ni di pro­pen­sio­ne al gap, sia­mo sce­si dal 26,2% del 2016 al 13,8% del 2021) sono da impu­tar­si spe­cial­men­te agli stru­men­ti del fisco digi­ta­le, allo scon­tri­no digi­ta­le, alla fat­tu­ra­zio­ne elet­tro­ni­ca e allo split pay­ment ver­so la PA. Stru­men­ti che sono sem­pre sta­ti indi­ge­sti alle com­po­nen­ti del­la mag­gio­ran­za al gover­no, alla Lega in par­ti­co­lar modo, e che sono spes­so fini­ti nel miri­no di ten­ta­ti­vi di soppressione.

Il 31 dicem­bre 2023 è ter­mi­na­to il perio­do tran­si­to­rio per i tito­la­ri di par­ti­ta IVA che rien­tra­no nel regi­me for­fet­ta­rio, e solo dal 1 gen­na­io di quest’anno la fat­tu­ra elet­tro­ni­ca è diven­ta­ta obbli­ga­to­ria per tut­ti. Ma gli stru­men­ti digi­ta­li, di per sé, non potran­no gene­ra­re ulte­rio­ri miglio­ra­men­ti se non saran­no accom­pa­gna­ti dal­la ridu­zio­ne del limi­te al paga­men­to in con­tan­ti, innal­za­to dal gover­no Melo­ni a 5 mila euro con la Leg­ge di Bilan­cio 2023.

I nume­ri mostra­no anche come poco si sia fat­to per miglio­ra­re la tax com­plian­ce nei riguar­di dell’IRPEF da lavo­ro auto­no­mo e impre­sa, la qua­le rap­pre­sen­ta nel 2021 la quo­ta più alta di eva­sio­ne (30 mld vs. 83,6 tota­li, pari al 36 per cen­to) e la peg­gio­re pro­pen­sio­ne al gap (67,2%). Il gover­no ha testé appro­va­to per que­sti con­tri­buen­ti il con­cor­da­to pre­ven­ti­vo su base bien­na­le, uno stru­men­to che fun­zio­na sul­la base di una pro­po­sta ini­zia­le dell’Agenzia del­le Entra­te ver­so cui impe­gnar­si per i suc­ces­si­vi due anni tri­bu­ta­ri, un bene­fi­cio este­so anche ai con­tri­buen­ti non vir­tuo­si (con pun­teg­gi ISA infe­rio­ri a 8) e che vin­co­la l’Agenzia a for­mu­la­re una pro­po­sta non supe­rio­re al 110 per cen­to del red­di­to dichia­ra­to da que­sti con­tri­buen­ti (cfr. A. San­to­ro, lavoce.info). In sostan­za, il con­tri­buen­te può dichia­ra­re quel­lo che vuo­le, intan­to sarà rite­nu­to con­gruo nel limi­te supe­rio­re del 10 per cen­to. Un vero e pro­prio invi­to a evadere.

La Tax Com­plian­ce è uno degli obiet­ti­vi del PNRR e il Tax Gap dovrà esse­re ridot­to al 15,8 per cen­to nel 2024 rispet­to al 18,5 del 2019, un obiet­ti­vo che il gover­no Melo­ni ha ten­ta­to di ridur­re all’atto del­la revi­sio­ne del pia­no rice­ven­do il dinie­go da par­te di Bruxelles.

La dichia­ra­zio­ne IVA pre­com­pi­la­ta è uno degli stru­men­ti pre­vi­sti dal pia­no per rag­giun­ge­re que­sto obiet­ti­vo. Il perio­do di spe­ri­men­ta­zio­ne è sta­to ulte­rior­men­te este­so a tut­to il 2024, come dispo­sto dal prov­ve­di­men­to prot. n. 11806 del 19 gen­na­io dall’Agenzia del­le Entra­te. L’Amministrazione si è pre­sa più tem­po per­ché ha rite­nu­to “oppor­tu­no con­so­li­da­re e arric­chi­re i dati pre­com­pi­la­ti del­la pla­tea già indi­vi­dua­ta”, con­si­de­ra­to che la stes­sa riguar­da cir­ca 2,4 milio­ni di ope­ra­to­ri IVA. La moda­li­tà ‘pre­com­pi­la­ta’ era sta­ta intro­dot­ta nel 2021, ancor­ché in pro­va, sen­za tut­ta­via pre­ve­de­re un ter­mi­ne a tale spe­ri­men­ta­zio­ne che vie­ne quin­di pro­ro­ga­ta per il secon­do anno con­se­cu­ti­vo. Ver­rà, si spe­ra, il momen­to in cui si pas­se­rà alla ver­sio­ne defi­ni­ti­va. Per il resto, occor­re atten­de­re il pre­vi­sto “poten­zia­men­to dei con­trol­li” che chis­sà se mai avver­rà.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?