In difesa della democrazia Costituzionale: premierato e autonomia differenziata. Le ragioni del no

Rin­gra­zio l’or­ga­niz­za­zio­ne di que­sta occa­sio­ne che è pre­zio­sa e necessaria.

Anche tra­la­scian­do il ben più lun­go dibat­ti­to sul regio­na­li­smo, que­sta spe­ci­fi­ca discus­sio­ne sull’autonomia dif­fe­ren­zia­ta nel 2024 ha l’età per anda­re a scuo­la: sono pas­sa­ti sei anni dall’accordo del 2018 di Vene­to, Lom­bar­dia ed Emi­lia Roma­gna. Gover­no Gen­ti­lo­ni, a pochi gior­ni dal voto, pro­prio in que­sto perio­do dell’anno.

Da allo­ra, ci sia­mo orga­niz­za­ti in comi­ta­ti, pre­si­di, mani­fe­sta­zio­ni, assem­blee per no a que­sto dise­gno, nel­le sue incar­na­zio­ni e varianti. 

No, per­ché lede il prin­ci­pio di ugua­glian­za, e quel­lo di solidarietà.

No, per­ché su temi fon­da­men­ta­li, tra cui scuo­la e salu­te, e quin­di tut­ti gli altri a casca­ta, dif­fe­ren­zia i cit­ta­di­ni e le cit­ta­di­ne sul­la base di dove risie­do­no. E infat­ti non sor­pren­de che piac­cia soprat­tut­to a chi pen­sa che anche i dirit­ti uma­ni dipen­da­no da dove nasci e vivi.

No, per­ché accen­tua le disu­gua­glian­ze per sua stes­sa natu­ra, favo­ren­do il poten­zia­men­to dei ser­vi­zi dove già le con­di­zio­ni sono miglio­ri, a disca­pi­to però (diret­ta­men­te e indi­ret­ta­men­te) di chi avreb­be più biso­gno. Se ser­ve dif­fe­ren­zia­re, è esat­ta­men­te nel sen­so opposto.

No, per­ché sot­trae al dibat­ti­to par­la­men­ta­re i rap­por­ti tra sta­to e regioni.

No, per­ché è matu­ra­to già in que­sto cli­ma, con la ridu­zio­ne al mini­mo fin dall’inizio del­la discus­sio­ne par­la­men­ta­re e del­la dif­fu­sio­ne del­le infor­ma­zio­ni alla cit­ta­di­nan­za, trat­tan­do la vicen­da come un affa­re pri­va­to del­le regio­ni interessate.

Voglio rin­gra­zia­re per Pos­si­bi­le Eula­lia Gril­lo che ha suo­na­to l’allarme fin dal pri­mo gior­no, e con lei tut­to il grup­po scuo­la e il grup­po salu­te di Pos­si­bi­le. Il pri­mo incon­tro lo abbia­mo orga­niz­za­to con lei, Giu­sep­pe Civa­ti e Vie­sti nel gen­na­io del 2019, per denun­cia­re quel­la che Vie­sti chia­ma “la seces­sio­ne dei ricchi”. 

Oggi qui nel 2024 ci tro­via­mo con il ddl Cal­de­ro­li in aula, e con il pro­get­to del pre­mie­ra­to. Lo chia­ma­no “scam­bio tra le destre”, ma più che uno scam­bio, che sicu­ra­men­te c’è, è un con­ti­nua­re a svuo­ta­re il ruo­lo del Par­la­men­to: il pote­re al pre­mier, al pre­si­den­te di Regio­ne, chiun­que tran­ne al Par­la­men­to. E nean­che al capo del­lo Sta­to, ma soprat­tut­to al Par­la­men­to. Lo scri­ve Valen­ti­na Pazè in un libro appe­na usci­to che si chia­ma “I non rap­pre­sen­ta­ti” (e ci tor­no fra un atti­mo). Pazè scri­ve che l’argomento dell’indebolimento del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca è tan­to vero quan­to non esat­ta­men­te il pun­to più diri­men­te. Oltre ad accom­pa­gnar­si spes­so all’osservazione che gli ita­lia­ni al Pre­si­den­te sono affe­zio­na­ti. Ma l’affezione non è una cate­go­ria poli­ti­ca. Altra cosa inve­ce è lo svuo­ta­men­to del­la demo­cra­zia rap­pre­sen­ta­ti­va attra­ver­so la figu­ra del pre­mier elet­to e del pre­mio di mag­gio­ran­za. Non lo sen­tia­mo cer­to per la pri­ma vol­ta, tra l’altro: era lo spi­ri­to dell’Italicum, “un pre­mie­ra­to di fat­to se non di dirit­to”. Già boc­cia­to dal­la Con­sul­ta, come ricor­da­to anche oggi.

Que­sto dovreb­be pre­oc­cu­par­ci e occu­par­ci tut­ti e tut­te, den­tro e fuo­ri que­sta sala, anche per­ché ogni vol­ta che discu­tia­mo pro­po­ste su que­sta linea, la situa­zio­ne peg­gio­ra. Peg­gio­ra la fidu­cia nel­le isti­tu­zio­ni, nei par­ti­ti, è evi­den­te, ma anche la fidu­cia nel­le asso­cia­zio­ni e in chi que­sti temi li stu­dia e li discu­te da una vita, che sono un patri­mo­nio che non pos­sia­mo per­met­ter­ci di per­de­re. E peg­gio­ra indi­pen­den­te­men­te dal fat­to che que­ste rifor­me ven­ga­no appro­va­te o meno, o che ven­ga­no boc­cia­te suc­ces­si­va­men­te o meno. Per­ché com’è già sta­to det­to, la cri­si del model­lo par­la­men­ta­re e del­la rap­pre­sen­tan­za non sem­bra pros­si­ma a tro­va­re una soluzione.

Dell’astensionismo si par­la solo il gior­no dopo le ele­zio­ni. Di quel­lo volon­ta­rio. Poi c’è l’astensionismo coat­to. Quel­lo dei fuo­ri­se­de, stu­den­ti, ma anche lavo­ra­to­ri. Gli ita­lia­ni e le ita­lia­ne sen­za cit­ta­di­nan­za. Le per­so­ne che per qual­sia­si con­di­zio­ne non han­no acces­so ai seg­gi, e per cui a vol­te baste­reb­be un mini­mo sfor­zo. Ogni vol­ta che si vota soste­nia­mo la richie­sta del­le asso­cia­zio­ni trans di divi­de­re i regi­stri dei votan­ti in ordi­ne alfa­be­ti­co e non di ses­so per evi­ta­re situa­zio­ni peri­co­lo­se o sgra­de­vo­li per chi ha docu­men­ti non aggiornati.

Quan­do la cit­ta­di­nan­za poi fa sen­ti­re la pro­pria voce con i mez­zi che ha a dispo­si­zio­ne, dif­fi­cil­men­te qual­cu­no se ne fa cari­co. Pen­so alle mani­fe­sta­zio­ni, cer­to: per il cli­ma, con­tro la vio­len­za di gene­re, per i dirit­ti lgb­tiq, ma anche a mez­zi più tec­ni­ci. Pen­so alle pro­po­ste di leg­ge d’iniziativa popo­la­re, su cui ven­go­no rac­col­te le fir­me, tra mil­le dif­fi­col­tà buro­cra­ti­che e pro­mes­se di snel­li­men­to mai rispet­ta­te, e se ven­go­no depo­si­ta­te non ven­go­no calen­da­riz­za­te. Pen­so alle fir­me del refe­ren­dum per la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis: boc­cia­to dal­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le, e lascia­to cadere.

Chi dovreb­be sen­tir­si rap­pre­sen­ta­to da un par­la­men­to che non se fa cari­co, a fron­te dell’urgenza, dell’interesse che susci­ta­no que­sti temi, solo per fare un esem­pio? Che spes­so non si pone nem­me­no il pro­ble­ma, quan­do non osta­co­la i pro­ces­si già in cor­so nel­la socie­tà. Che si tro­va a esse­re supe­ra­to dal­le sen­ten­ze dei tri­bu­na­li. E a sini­stra, inten­do. Par­la­re del­la leg­ge elet­to­ra­le, ci vor­reb­be un con­ve­gno a parte. 

Io cre­do che noi che sia­mo qui abbia­mo pro­prio que­sto com­pi­to, con respon­sa­bi­li­tà diver­se per il modo cui sia­mo arri­va­ti fin qui, cer­can­do di far­lo quan­do pos­si­bi­le con cre­di­bi­li­tà, che è anco­ra più dif­fi­ci­le. E però assoluta­men­te necessario.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?