Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.

SUPERATE LE 420.000 FIRME!

 
Sono 220mila fir­me in 48 ore. La cam­pa­gna per il refe­ren­dum sul­la can­na­bis non neces­si­ta di ulte­rio­ri com­men­ti, basta­no le cifre. Sono cer­to che in Par­la­men­to ter­ran­no con­to di que­sto dato impres­sio­nan­te, con­tro le ipo­cri­sie, con­tro le bugie, con­tro il fal­li­men­ta­re proi­bi­zio­ni­smo che ci por­tia­mo die­tro da più di 40 anni.
Giu­sep­pe Civati
 
Un refe­ren­dum sul­la can­na­bis. Lo abbia­mo pro­po­sto con Giu­sep­pe Civa­ti e Bea­tri­ce Bri­gno­ne, sul­la scor­ta del­la gran­de par­te­ci­pa­zio­ne e la straor­di­na­ria ade­sio­ne alla rac­col­ta di fir­me per l’eutanasia lega­le: la poli­ti­ca è fer­ma – si direb­be “pian­ta­ta” se non fos­se pro­prio il con­tra­rio -, il dibat­ti­to lan­gue rispet­to alla legi­sla­tu­ra pre­ce­den­te, la cit­ta­di­nan­za è inve­ce ogni gior­no più matu­ra e con­sa­pe­vo­le rispet­to alla que­stio­ne.  E gra­zie al grup­po pro­mo­to­re del referendumcannabis.it fino al 30 set­tem­bre sarà pos­si­bi­le fir­ma­re e unir­si alla cam­pa­gna per il refe­ren­dum sul­l’a­bro­ga­zio­ne di tut­te le san­zio­ni pena­li deten­ti­ve rela­ti­ve alla cannabis.
 
La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
 
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

 

COME POSSO FIRMARE?

  • Fir­mo con SPID
    L’autenticazione SPID sarà uti­liz­za­ta per fir­ma­re il que­si­to con una fir­ma digitale.
  • Fir­mo con il mio dispo­si­ti­vo
    Ho un dispo­si­ti­vo di fir­ma digi­ta­le (smart card, chia­vet­ta USB o ser­vi­zio di fir­ma digi­ta­le remota)
  • Non ho SPID o una fir­ma digi­ta­le
    Non ho SPID, CIE o un altra fir­ma. Voglio usa­re il ser­vi­zio Trust­Pro QTSP per fir­ma­re subito. 

IL QUESITO

Il que­si­to refe­ren­da­rio rife­ri­to al Testo Uni­co in mate­ria di disci­pli­na degli stu­pe­fa­cen­ti e sostan­ze psi­co­tro­pe, di cui al d.P.R. 309/1990, è sta­to for­mu­la­to con il dupli­ce inten­to di inter­ve­ni­re sia sul pia­no del­la rile­van­za pena­le sia su quel­lo del­le san­zio­ni ammi­ni­stra­ti­ve di una serie di con­dot­te in mate­ria di droghe.

In pri­mo luo­go si pro­po­ne di depe­na­liz­za­re la con­dot­ta di col­ti­va­zio­ne di qual­sia­si sostan­za* inter­ve­nen­do sul­la dispo­si­zio­ne di cui all’art. 73, com­ma 1, e di eli­mi­na­re la pena deten­ti­va per qual­sia­si con­dot­ta ille­ci­ta rela­ti­va alla Can­na­bis, con ecce­zio­ne del­la asso­cia­zio­ne fina­liz­za­ta al traf­fi­co ille­ci­to di cui all’art. 74, inter­ve­nen­do sul 73, com­ma 4. 

Sul pia­no ammi­ni­stra­ti­vo, infi­ne, il que­si­to pro­po­ne di eli­mi­na­re la san­zio­ne del­la sospen­sio­ne del­la paten­te di gui­da e del cer­ti­fi­ca­to di ido­nei­tà alla gui­da di ciclo­mo­to­ri attual­men­te desti­na­ta a tut­te le con­dot­te fina­liz­za­te all’uso per­so­na­le di qual­sia­si sostan­za stu­pe­fa­cen­te o psi­co­tro­pa, inter­ve­nen­do sull’art. 75, com­ma 1, let­te­ra a).

*si man­ten­go­no le con­dot­te di deten­zio­ne, pro­du­zio­ne e fab­bri­ca­zio­ne di tut­te le sostan­ze che pos­so­no esse­re appli­ca­te per le con­dot­te diver­se dall’uso personale.

IL QUESITO DEPOSITATO

“Vole­te voi che sia abro­ga­to il Decre­to del Pre­si­den­te del­la Repub­bli­ca del 9 otto­bre 1990, n. 309,  aven­te ad ogget­to “Testo uni­co del­le leg­gi in mate­ria di disci­pli­na degli stu­pe­fa­cen­ti e sostan­ze psi­co­tro­pe, pre­ven­zio­ne, cura e ria­bi­li­ta­zio­ne dei rela­ti­vi sta­ti di tos­si­co­di­pen­den­za“, limi­ta­ta­men­te alle seguen­ti parti:

Arti­co­lo 73, com­ma 1, limi­ta­ta­men­te all’inciso “col­ti­va”;

Arti­co­lo 73, com­ma 4, limi­ta­ta­men­te alle paro­le “la reclu­sio­ne da due a 6 anni e”;

Arti­co­lo 75, limi­ta­ta­men­te alle paro­le “a) sospen­sio­ne del­la paten­te di gui­da, del cer­ti­fi­ca­to di abi­li­ta­zio­ne pro­fes­sio­na­le per la gui­da di moto­vei­co­li e del cer­ti­fi­ca­to di ido­nei­tà alla gui­da di ciclo­mo­to­ri o divie­to di con­se­guir­li per un perio­do fino a tre anni;”?”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.
È illusorio pretendere la perfezione del singolo ingranaggio quando è l’intero meccanismo a essere difettoso. La scuola non è e non può essere Atlante, non può portare i pesi del mondo, sanare i conflitti o ricomporre le fratture. Non può, in sostanza, essere scambiata per mito, o favola, immobile e intatta rispetto al contesto in cui esiste. La scuola vive, evolve, ed è fatta della stessa materia della società, che non è certo quella dei sogni.