Gas: verso la crisi di ottobre

Il prez­zo del gas meta­no a 300 euro al MWh è inso­ste­ni­bi­le. Se que­sta situa­zio­ne si pro­trar­rà per lun­go tem­po, i rifles­si sul mer­ca­to elet­tri­co, e a casca­ta sul siste­ma pro­dut­ti­vo, saran­no mol­to gra­vi, tali da far pre­ci­pi­ta­re l’Europa in una reces­sio­ne mol­to severa.

La cam­pa­gna elet­to­ra­le è qual­co­sa di lon­ta­no anni luce dal­la real­tà. Per­ché la real­tà è que­sta: un rischio gra­vis­si­mo di uno shock ener­ge­ti­co che nean­che negli anni Set­tan­ta del seco­lo scor­so. Sal­vi­ni inten­de rispon­de­re alla cri­si con cen­tra­li nuclea­ri che saran­no pron­te — se va bene — tra die­ci, dodi­ci anni? La chia­ma “ener­gia puli­ta e sicu­ra”, lui. Chis­sà se è dispo­sto a tene­re un reat­to­re (di quar­ta gene­ra­zio­ne, eh) in giardino.

L’u­ni­ca ener­gia puli­ta e sicu­ra è quel­la del­le rin­no­va­bi­li che van­no subi­to sbloc­ca­te, per arri­va­re a instal­la­re alme­no 10 GW all’an­no di impian­ti foto­vol­tai­ci, eoli­ci, sola­re a con­cen­tra­zio­ne. Devo­no esse­re fat­ti subi­to i decre­ti attua­ti­vi per le comu­ni­tà ener­ge­ti­che e deve esse­re rivi­sto il PNRR nel sen­so auspi­ca­to dall’Unione euro­pea nell’ambito del pia­no RePo­we­rEu, ossia rica­van­do le risor­se per instal­la­re impian­ti di ener­gia rin­no­va­bi­le (e di stoc­cag­gio) per 85 GW entro il 2030.

Que­sto tut­ta­via sono azio­ni di medio-lun­go perio­do che non rispon­do­no alla doman­da dell’elettorato. Cosa fare­mo a otto­bre quan­do le azien­de rischie­ran­no di chiu­de­re per i costi ener­ge­ti­ci alle stel­le, e le fami­glie ita­lia­ne ed euro­pee saran­no sot­to­po­ste a prez­zi fuo­ri da ogni previsione?

> Ok al bloc­co del­le tarif­fe, ma ser­vo­no fon­di aggiun­ti­vi per soste­ne­re la cas­sa integrazione

È posi­ti­vo il bloc­co del­le tarif­fe pre­vi­sto sino ad apri­le 2023 intro­dot­to dal gover­no Dra­ghi nell’ultimo Decre­to Aiu­ti-bis, ma occor­re stu­dia­re solu­zio­ni per con­sen­ti­re il pro­sie­guo del­le atti­vi­tà alle impre­se ener­gi­vo­re e nei casi estre­mi dare soste­gno attra­ver­so gli ammor­tiz­za­to­ri socia­li, che devo­no esse­re ade­gua­ta­men­te finan­zia­ti. L’a­ge­vo­la­zio­ne intro­dot­ta con il Decre­to Soste­gni-ter dedi­ca­ta alle impre­se a for­te con­su­mo di ener­gia elet­tri­ca, ossia il cre­di­to d’im­po­sta pari al 20% del­le spe­se soste­nu­te per la com­po­nen­te ener­ge­ti­ca acqui­sta­ta ed effet­ti­va­men­te uti­liz­za­ta nel pri­mo tri­me­stre 2022, dovreb­be esse­re este­so a tut­to il perio­do pre­sun­to del­la cri­si, quin­di fino ad apri­le 2023 e reso modu­la­re in base all’andamento del prez­zo dell’energia. Fino­ra, per poter acce­de­re all’agevolazione, infat­ti, deve esse­re dimo­stra­to che il costo medio al Kwh dell’ultimo tri­me­stre è supe­rio­re a quel­lo del rela­ti­vo perio­do dell’anno 2019: tale cri­te­rio dovreb­be esse­re rivi­sto sta­bi­len­do un rap­por­to cre­scen­te tra costo ecce­den­te e per­cen­tua­le del cre­di­to d’imposta, nel limi­te supe­rio­re del 35%.

L’Unione euro­pea deve agi­re uni­ta per la sicu­rez­za ener­ge­ti­ca. In que­sto con­te­sto, in Euro­pa, dob­bia­mo chie­de­re gli stru­men­ti finan­zia­ri ade­gua­ti, come acca­du­to per il Covid-19: il pro­gram­ma SURE, ini­zial­men­te dota­to di 100 miliar­di di euro da distri­bui­re sot­to for­ma di pre­sti­ti ai pae­si che ne fan­no richie­sta, è uno stru­men­to tem­po­ra­neo. Nel caso del­la immi­nen­te cri­si eco­no­mi­ca e socia­le dovu­ta al prez­zo del gas meta­no, se gli Sta­ti mem­bri doves­se­ro atti­va­re sche­mi di lavo­ro a tem­po ridot­to – come la cas­sa inte­gra­zio­ne in Ita­lia – l’UE non avreb­be lo stru­men­to per for­ni­re un sup­por­to imme­dia­to ai pae­si in sta­to di neces­si­tà. Al momen­to in cui scri­via­mo, infat­ti, il SURE è in via di esau­ri­men­to (resta­no 4,6 miliar­di ma l’Italia ha già rice­vu­to tut­ta la quo­ta spet­tan­te), il Fon­do socia­le per il cli­ma non è anco­ra defi­ni­ti­va­men­te appro­va­to (sono in cor­so i nego­zia­ti tra Par­la­men­to e Con­si­glio) e in ogni caso il suo perio­do di atti­va­zio­ne ini­zie­reb­be solo dal 2024 (per l’Italia sono dispo­sti 7,8 miliar­di, l’11% del tota­le, ma dispie­ga­ti su set­te anni). La prio­ri­tà in sede euro­pea dovreb­be esse­re la sua rapi­da atti­va­zio­ne e anche un incre­men­to del­la sua dota­zio­ne, oppu­re la riat­ti­va­zio­ne di SURE.

> La tas­sa sugli Extra­pro­fit­ti è da rive­de­re, ma si potreb­be rifor­ma­re l’IRES

La prin­ci­pa­le misu­ra di redi­stri­bu­zio­ne mes­sa in cam­po dal gover­no Dra­ghi non sem­bra fun­zio­na­re. Il pre­lie­vo del 25% sugli extra­pro­fit­ti del­le azien­de ener­ge­ti­che ha otte­nu­to un get­ti­to di appe­na 1 miliar­do inve­ce dei 10 atte­si e posti a coper­tu­ra del Decre­to Aiu­ti. La nor­ma sem­bra ave­re dei pro­fi­li di inco­sti­tu­zio­na­li­tà lad­do­ve pre­ve­de che l’imponibile sia deter­mi­na­to sul­la base dell’incremento del valo­re aggiun­to. In pas­sa­to un caso simi­le era sta­to riscon­tra­to dal­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le nel giu­di­zio sul­la Robin Hood Tax del 2008, cas­sa­ta pro­prio in vio­la­zio­ne del prin­ci­pio di ugua­glian­za nel­la con­tri­bu­zio­ne alle spe­se pub­bli­che di cui agli artt. 3 e 53 del­la Costituzione.

Il sospet­to di inco­sti­tu­zio­na­li­tà ha fat­to sì che le impre­se ener­ge­ti­che sospen­des­se­ro i ver­sa­men­ti, in atte­sa di impu­gna­re le car­tel­le esat­to­ria­li e fare ricor­so. Pur­trop­po un copio­ne già visto. Una nor­ma stu­dia­ta poco, scrit­ta male, rischia di gene­ra­re un gua­sto ai con­ti pub­bli­ci e di vani­fi­ca­re la redi­stri­bu­zio­ne ver­so le fami­glie col­pi­te dal caro ener­gia. Che fare quin­di? Aggiu­sta­re la nor­ma per pro­teg­ger­la dall’incostituzionalità è il pas­so chia­ve. Altri­men­ti si dovreb­be agi­re sull’IRES, o tra­sfor­man­do l’imposta da pro­por­zio­na­le a pro­gres­si­va (mode­ra­ta­men­te pro­gres­si­va, con uno sche­ma a tre ali­quo­te, l’ultima del­le qua­li da appli­ca­re sopra il miliar­do di euro), oppu­re inse­ren­do una ali­quo­ta aggiun­ti­va alle impre­se con rica­vi supe­rio­ri sem­pre a 1 miliar­do di euro.

> La rifor­ma del mer­ca­to elet­tri­co per disac­cop­pia­re il prez­zo dell’elettricità dal gas

L’altra rifor­ma urgen­te è quel­la del mer­ca­to elet­tri­co. È Ursu­la von der Leyen ad aver­lo dichia­ra­to, lo scor­so giu­gno 2022 rico­no­scen­do che «oggi il mer­ca­to [elet­tri­co, ndr] è com­ple­ta­men­te diver­so. Sono le rin­no­va­bi­li le più con­ve­nien­ti e le più eco­no­mi­che». L’aumento dei prez­zi del gas ha fat­to schiz­za­re al rial­zo anche l’energia elet­tri­ca. Il per­ché è pre­sto det­to: il prez­zo del­l’e­let­tri­ci­tà è trai­na­to dal­la capa­ci­tà di pro­du­zio­ne “mar­gi­na­le” resa dispo­ni­bi­le dal­le cen­tra­li a gas, le qua­li pos­so­no esse­re acce­se con bre­ve pre­av­vi­so per sod­di­sfa­re i pic­chi di doman­da. Occor­re rifor­ma­re l’at­tua­le siste­ma dei prez­zi mar­gi­na­li per disac­cop­pia­re i mer­ca­ti del gas e del­l’e­let­tri­ci­tà e intro­dur­re il mec­ca­ni­smo cosid­det­to pay-as-bid, il cui signi­fi­ca­to è che ogni pro­dut­to­re fa la sua offer­ta, sul­la base del­la qua­le vie­ne sele­zio­na­to (con prio­ri­tà alle offer­te più eco­no­mi­che e com­pa­ti­bi­li con vin­co­li tec­ni­ci natu­ral­men­te), e ognu­no di quel­li sele­zio­na­ti vie­ne remu­ne­ra­to al prez­zo richie­sto con­te­nu­to nell’offerta mede­si­ma. Nel siste­ma attua­le inve­ce, defi­ni­to pay-as-clea­red, tut­te le offer­te di ven­di­ta accet­ta­te sul mer­ca­to all’ingrosso ven­go­no remu­ne­ra­te al prez­zo indi­ca­to dall’offerta a prez­zo più alto tra quel­le accet­ta­te per copri­re la doman­da. Il pas­sag­gio al nuo­vo siste­ma tra­sfe­ri­reb­be i van­tag­gi del­la tec­no­lo­gia rin­no­va­bi­le diret­ta­men­te al livel­lo di prez­zo dei con­su­ma­to­ri. In ambi­to euro­peo, a fron­te del­le richie­ste di rifor­ma pro­ve­nien­ti da Fran­cia e Spa­gna, il gover­no Dra­ghi si è “aste­nu­to”. La Spa­gna ha adot­ta­to il model­lo pay-as-bid dal novem­bre 2020.

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?