Servono più ispettori del lavoro

Qual­che gior­no fa l’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro ha dif­fu­so il rap­por­to annua­le 2021 sull’attività di vigi­lan­za in mate­ria di lavo­ro e legi­sla­zio­ne sociale.

I dati del­la rela­zio­ne con­fer­ma­no, sostan­zial­men­te, quan­to abbia­mo già indi­ca­to nel nostro pro­gram­ma elet­to­ra­le (cfr. pagg. 22–24), ovve­ro un alto tas­so di irre­go­la­ri­tà del­le impre­se ispe­zio­na­te (il 69%) ma, pur­trop­po, anche un calo del nume­ro del­le ispe­zio­ni, dell’evasione con­tri­bu­ti­va accer­ta­ta e del nume­ro dei lavo­ra­to­ri in nero indi­vi­dua­ti negli acces­si ispettivi.

È un anda­men­to che pro­se­gue ormai imper­ter­ri­to dal 2015. Per resta­re ai soli ulti­mi anni, tenen­do con­to che i dati del 2020 risen­to­no dell’impatto del­la pri­ma pan­de­mia, non si può non osser­va­re che se nel 2019 era­no sta­ti defi­ni­ti 142.385 accer­ta­men­ti, nel 2021 ne sono sta­ti defi­ni­ti 84.679 (nel 2020, 79.952). I lavo­ra­to­ri in nero sono dimi­nui­ti dai 41.554 del 2019 ai 20.571 del 2021 (22.366 nel 2020). L’accertamento dell’evasione con­tri­bu­ti­va è infi­ne sce­so da € 1.237.132.833,00 del 2019 a € 1.111.584.648,00 del 2021 (€ 882.669.154,00 nel 2020).

È di tut­ta evi­den­za che que­sti risul­ta­ti sono diret­ta con­se­guen­za dal­la dimi­nu­zio­ne del nume­ro degli ispet­to­ri. Se infat­ti nel 2018 la con­si­sten­za del cor­po ispet­ti­vo effet­ti­va­men­te impie­ga­to nell’attività di vigi­lan­za era di 4.549 addet­ti (tra ispet­to­ri INL, INPS, INAIL e Cara­bi­nie­ri del Coman­do Tute­la del Lavo­ro, cfr. Rap­por­to INL 2018), al 31/12/2021 essi si sono ridot­ti a 3.848 (di cui 3.459 “civi­li”).

L’INL, nel pro­prio rap­por­to, sot­to­li­nea come sia in pro­cin­to di assu­me­re 2.580 per­so­ne, di cui 900 ispet­to­ri del lavo­ro: ben ven­ga­no le assun­zio­ni annun­cia­te, ma si trat­ta di un nume­ro asso­lu­ta­men­te insuf­fi­cien­te a man­te­ne­re uno sta­to di lega­li­tà e dirit­to nel mon­do del lavo­ro. Il pia­no, peral­tro, è caren­te anche per le pro­ce­du­re di reclu­ta­men­to pre­vi­ste, oltre che per quan­to riguar­da la ripar­ti­zio­ne del­le assunzioni.

L’Ispettorato, infat­ti, pri­ma di ban­di­re nuo­vi con­cor­si con aggra­vio di spe­se e di tem­pi, potreb­be incre­men­ta­re da subi­to il pro­prio orga­ni­co attin­gen­do a una gra­dua­to­ria di 2.984 per­so­ne che, a segui­to di una impe­gna­ti­va pro­ce­du­ra con­cor­sua­le ban­di­ta nel 2019, sono già sta­te giu­di­ca­te ido­nee ad esple­ta­re le fun­zio­ni di ispet­to­re del lavo­ro: inspie­ga­bil­men­te, inve­ce, l’INL pre­fe­ri­sce assu­me­re i soli 691 vin­ci­to­ri di quel con­cor­so, quan­do la sem­pli­ce dota­zio­ne orga­ni­ca auto­riz­za­ta per il tur­no­ver (non­ché dal­la legi­sla­zio­ne spe­cia­le), con­sen­ti­reb­be di assu­me­re 1.094 unità.

L’ulteriore abba­glio del pia­no dell’Ispettorato Nazio­na­le del Lavo­ro è la per­se­ve­ran­za nel voler effet­tua­re le assun­zio­ni nel solo INL, quan­do inve­ce le atti­vi­tà che ren­do­no mag­gior­men­te alle cas­se del­lo Sta­to sono quel­le con­dot­te dagli ispet­to­ri INPS e INAIL, il cui orga­ni­co è sem­pre più ridot­to a cau­sa di quell’assurda nor­ma del Jobs Act (d.lgs. 149/2015) che li ha posti in un ruo­lo ad esau­ri­men­to e che impe­di­sce agli Enti pre­vi­den­zia­li di assu­me­re pro­pri nuo­vi ispettori.

Eppu­re, anche i dati del rap­por­to 2021 – così come quel­li degli anni pre­ce­den­ti – sono incon­tro­ver­ti­bi­li. Si osser­vi­no le seguen­ti tabelle:

Dai dati emer­ge incon­fu­ta­bil­men­te, anche nel 2021, la mag­gior red­di­ti­vi­tà dell’azione degli ispet­to­ri degli enti pre­vi­den­zia­li ed assi­cu­ra­ti­vi, sia per quan­to riguar­da il tas­so del­le irre­go­la­ri­tà riscon­tra­te, sia per il nume­ro di lavo­ra­to­ri tute­la­ti per ispet­to­re e per ispe­zio­ne, sia per il recu­pe­ro dei con­tri­bu­ti e dei pre­mi eva­si. Ciò, negli anni scor­si, è sta­to più vol­te cer­ti­fi­ca­to dal­la Cor­te dei Con­ti non­ché dal­la Com­mis­sio­ne per­ma­nen­te Lavo­ro pub­bli­co e pri­va­to del­la Came­ra e dipen­de da una dif­fe­ren­te meto­do­lo­gia di con­trol­lo degli ispet­to­ri dei tre Enti (che con­sen­te agli Isti­tu­ti pre­vi­den­zia­li, in base a siste­mi sta­ti­sti­ci pre­dit­ti­vi, di indi­riz­za­re le veri­fi­che su azien­de con indi­ce di rischio più ele­va­to), oltre che dal­la diver­sa ampiez­za del man­da­to loro asse­gna­to (gene­ral­men­te, veri­fi­ca di tut­ti i dipen­den­ti occu­pa­ti negli ulti­mi cin­que anni per gli ispet­to­ri INPS e INAIL, ambi­ti più ristret­ti per gli ispet­to­ri INL).

Eppu­re, sia­mo pas­sa­ti dai 1.400 ispet­to­ri INPS del 2014 agli attua­li 942 sen­za che il legi­sla­to­re si pre­oc­cu­pas­se di abo­li­re quel noci­vo decre­to attua­ti­vo del Jobs Act che impe­di­sce la sosti­tu­zio­ne degli ispet­to­ri pre­vi­den­zia­li anda­ti in quiescenza.

Ecco per­ché il pro­gram­ma elet­to­ra­le di Pos­si­bi­le – e i dati del rap­por­to INL 2021 avva­lo­ra­no la nostra pro­po­sta – si pre­fig­ge innan­zi­tut­to la can­cel­la­zio­ne del ruo­lo ad esau­ri­men­to per INPS e INAIL in modo che pos­sa­no nuo­va­men­te reclu­ta­re e for­ma­re nuo­ve risor­se spe­cia­liz­za­te. Poi, pro­po­ne che nei pros­si­mi due anni ven­ga­no assun­ti non i soli 900 ispet­to­ri del lavo­ro annun­cia­ti, ma alme­no 10.000 Fun­zio­na­ri ispet­ti­vi, sud­di­vi­si tra ispet­to­ri del lavo­ro, dell’INPS, dell’INAIL e tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne ASL, ossia ripar­ti­ti tra tut­ti gli orga­ni depu­ta­ti al con­tra­sto del lavo­ro irre­go­la­re e dell’evasione con­tri­bu­ti­va e assi­cu­ra­ti­va non­ché alla tute­la del­la salu­te e del­la sicu­rez­za sui luo­ghi di lavoro.

La vigi­lan­za sul­la sicu­rez­za e sul­la salu­te, infat­ti, a nostro avvi­so deve tor­na­re ad esse­re attri­bui­ta ai tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne del­le ASL lau­rea­ti nel­le spe­ci­fi­che mate­rie tec­ni­che e non agli ispet­to­ri del lavo­ro, pre­va­len­te­men­te lau­rea­ti in disci­pli­ne giu­ri­di­che ed eco­no­mi­che e che, secon­do il legi­sla­to­re, dovreb­be­ro improv­vi­sar­si anche inge­gne­ri o tec­ni­ci del­la pre­ven­zio­ne, sen­za alcu­na for­ma­zio­ne tec­ni­ca o tito­lo di stu­dio spe­ci­fi­co. Pos­si­bi­le pro­po­ne quin­di di modi­fi­ca­re anche il recen­te art. 13 del D. L. n. 146/2021, che ha ino­pi­na­ta­men­te este­so agli ispet­to­ri del lavo­ro le com­pe­ten­ze in mate­ria di sicu­rez­za e salute.

 

dal grup­po Lavo­ro Possibile

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.