Libia: non c’è più tempo

Oggi - anzi: l'altroieri - non succederà un cazzo. Il governo continuerà a sostenere che la Guardia costiera libica "salva" persone in mare, continuerà a utilizzare strumentalmente l'argomento dei corridoi umanitari, continuerà con politiche di collaborazione (commerciale, soprattutto, si legga: vendita di armi) con dittatori "utili" e necessari - vuoi per bloccare le persone migranti, vuoi per interessi strategici ed energetici. 
Schermata-2021-04-10-alle-10.13.24

«E il gior­no dopo non suc­ce­de mai un caz­zo». Qual­che tem­po fa, quan­do anco­ra ci si indi­gna­va guar­dan­do la tv, il mot­to del­la dome­ni­ca sera sui social net­work era esat­ta­men­te que­sto: «E il gior­no dopo non suc­ce­de mai un caz­zo». Pun­ta­ta di Report, enne­si­mo scan­da­lo, ma il gior­no dopo, pun­tual­men­te, non cam­bia­va (e non cam­bia) mai nien­te. Le per­so­ne di pote­re, i “respon­sa­bi­li”, resta­no anco­ra tut­ti lì, si tra­sfor­ma­no, cam­bia­no ruo­lo isti­tu­zio­na­le, cam­bia­no par­ti­to. Un caso di stu­dio, se voglia­mo, è quel­lo di Rober­to For­mi­go­ni, sepol­to sot­to le mace­rie del­la sua stes­sa ammi­ni­stra­zio­ne lom­bar­da ma elet­to sena­to­re, pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne Agri­col­tu­ra e tran­si­ta­to dal defun­to PdL a NCD di Alfa­no, con con­se­guen­te soste­gno ai vari gover­ni a gui­da PD di Let­ta, Ren­zi e Gen­ti­lo­ni. Nel frat­tem­po la regio­ne Lom­bar­dia rima­ne­va nel­le mani del­la stes­sa com­pa­gi­ne, pas­san­do per Rober­to Maro­ni e quin­di Atti­lio Fontana.

«E il gior­no dopo non suc­ce­de mai un caz­zo» nem­me­no quan­do le vicen­de si svol­go­no all’in­ter­no di quel­lo che fu il cen­tro­si­ni­stra. Ieri sera, per l’en­ne­si­ma vol­ta, Fran­ce­sca Man­noc­chi ha rac­con­ta­to a Pro­pa­gan­da quel che avvie­ne in Libia — tra fos­se comu­ni, cen­tri di deten­zio­ne e tor­tu­ra, nume­ri che non tor­na­no e quin­di per­so­ne vero­si­mil­men­te cat­tu­ra­te dal­la Guar­dia costie­ra libi­ca e fini­te chis­sà dove.

Oggi — anzi: l’al­tro­ie­ri — non suc­ce­de­rà un caz­zo. Il gover­no con­ti­nue­rà a soste­ne­re che la Guar­dia costie­ra libi­ca “sal­va” per­so­ne in mare, con­ti­nue­rà a uti­liz­za­re stru­men­tal­men­te l’ar­go­men­to dei cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, con­ti­nue­rà con poli­ti­che di col­la­bo­ra­zio­ne (com­mer­cia­le, soprat­tut­to, si leg­ga: ven­di­ta di armi) con dit­ta­to­ri “uti­li” e neces­sa­ri — vuoi per bloc­ca­re le per­so­ne migran­ti, vuoi per inte­res­si stra­te­gi­ci ed energetici.

E’ una que­stio­ne che riguar­da solo il gover­no Dra­ghi? Ma cer­to che no. E’ una que­stio­ne che riguar­da tut­ti i gover­ni che han­no sot­to­scrit­to e rin­no­va­to accor­di con la Libia. Det­to sen­za mez­zi ter­mi­ni: il Par­ti­to demo­cra­ti­co ci è den­tro fino al col­lo. Que­gli accor­di li ha rin­no­va­ti, rin­no­va­ti anco­ra e dife­si con for­za, tan­to da esse­re entra­to in un loop da cui usci­re è pra­ti­ca­men­te impos­si­bi­le. E men­tre qual­cu­no si impe­gna­va a inter­cet­ta­re i gior­na­li­sti che denun­cia­va­no tut­to ciò, i cen­tri di deten­zio­ne in Libia sono rima­sti lì dov’e­ra­no, zep­pi di uomi­ni, don­ne e bam­bi­ni col­pe­vo­li di esse­re al mon­do, e per que­sta col­pa pri­va­ti del­la liber­tà — quan­do va bene -, tor­tu­ra­ti, stu­pra­ti, ucci­si — quan­do va male.

E’ ora di far succedere qualcosa > IL FIRMAMENTO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.