Sfruttamento e attività criminosa strutturata ai cantieri navali di Marghera

Anco­ra Por­to Mar­ghe­ra, anco­ra Fincantieri.

La Guar­dia di Finan­za ha arre­sta­to (domi­ci­lia­ri) 4 tito­la­ri di impre­se lega­ti ai subap­pal­ti del can­tie­re nava­le, per altri sei è sta­to dispo­sto il divie­to di dimo­ra. Sta­vol­ta il nuo­vo filo­ne d’in­da­gi­ne riguar­da una rete di impre­se alba­ne­si (rispet­to a quel­le del 2019 che era­no ben­ga­le­si), set­te real­tà spe­cia­liz­za­te in car­pen­te­ria metal­li­ca per un tota­le di cir­ca 200 dipen­den­ti dei qua­li 77 in con­di­zio­ni para­go­na­bi­li alla schiavitù.

Si trat­ta del (ahi­noi) soli­to copio­ne del dif­fe­ren­zia­le fra la real­tà trac­cia­ta nei regi­stri, sui libri con­ta­bi­li e quel­lo del­la busta paga agli ope­rai, aggiu­sta­te al ribas­so sot­to ricat­to di per­de­re il lavo­ro, spes­so men­tre si aspet­ta il per­mes­so di sog­gior­no o si atten­de il ricon­giun­gi­men­to fami­lia­re. Il mec­ca­ni­smo del­la paga glo­ba­le è arci­no­to, nato agli ini­zi del 2000 per le lavo­ra­zio­ni pove­re affi­da­te ai lavo­ra­to­ri pri­va­ti spe­cia­liz­za­ti, uti­liz­za­to ora dagli impren­di­to­ri in subap­pal­to per far accet­ta­re ai pro­pri ope­rai non spe­cia­liz­za­ti paghe infe­rio­ri ai 4 euro l’o­ra. Si par­te dal net­to ora­rio impo­sto a mon­te, pas­san­do per la mini­miz­za­zio­ne degli impo­ni­bi­li pre­vi­den­zia­li e fisca­li, abbat­ti­men­to del mon­te ore, azze­ra­men­to degli straor­di­na­ri e nien­te ferie, pro­se­guen­do con l’au­si­lio di voci fit­ti­zie non impo­ni­bi­li come dia­rie e tra­sfer­te, per­mes­si non retri­bui­ti. Al ‘glo­ba­li­sta’ non spet­ta nem­me­no la tre­di­ce­si­ma o il Tfr. Così le 120 ore men­si­li regi­stra­te pote­va­no rag­giun­ge­re anche quo­ta 290 (o 320) ore lavo­ra­te real­men­te. Un siste­ma dif­fu­so in manie­ra tra­sver­sa­le nel mon­do dei subap­pal­ti che ha per­mes­so alle impre­se coin­vol­te nel­l’in­da­gi­ne di sfrut­ta­re la mano­do­pe­ra e fro­da­re il fisco.

Dal­la poli­ti­ca loca­le, in que­sti gior­ni, c’è sta­ta una leva­ta di scu­di con­tro lo sfrut­ta­men­to dei lavo­ra­to­ri e sul­la tra­spa­ren­za che Fin­can­tie­ri (con­trol­la­ta al 70% dal­lo Sta­to) dovreb­be tene­re nel rispet­to del­la lega­li­tà e dei diritti.

Poco è sta­to det­to dei pat­ti di lega­li­tà fir­ma­ti da Fin­can­tie­ri e come inter­ve­ni­re affin­ché non riman­ga­no solo una foglia di fico (l’A­zien­da si dice sem­pre estra­nea per­ché le irre­go­la­ri­tà sono in capo alle impre­se in subap­pal­to, lavan­do­se­ne le mani e la coscien­za). Il siste­ma di cui sopra non reg­ge più: l’esternalizzazione siste­ma­ti­ca che, per abbat­te­re i costi, fram­men­ta il lavo­ro in miglia­ia di impre­se. Pun­tual­men­te alcu­ne di que­ste si spin­go­no oltre il limi­te del­le lega­li­tà, azien­de che assu­mo­no e spa­ri­sco­no, per­pe­tran­do sfrut­ta­men­to, estor­sio­ne, minac­ce ed eva­sio­ne fiscale.

Le dichia­ra­zio­ni fat­te da Fabio Que­rin (Rsu di Fin­can­tie­ri), nel 2019, a Report lascia­no poco spa­zio alle inter­pre­ta­zio­ni: “Quan­do vie­ne l’Ispettorato del Lavo­ro lo sa tut­to il can­tie­re, e tre gior­ni pri­ma i lavo­ra­to­ri degli appal­ti dell’azienda da ispe­zio­na­re comin­cia­no a far puli­zia nel­la loro zona di lavo­ro”. Va det­to che l’accentramento del­le fun­zio­ni sot­to il mini­ste­ro del Lavo­ro ha buro­cra­tiz­za­to l’iter dei con­trol­li. Come dice Spon­chia, il pre­si­den­te dell’Associazione nazio­na­le degli ispet­to­ri di vigi­lan­za, «se pri­ma, in una situa­zio­ne di allar­me, l’ispettore pote­va deci­de­re in un paio d’ore di effet­tua­re un con­trol­lo a sor­pre­sa, oggi non è più pos­si­bi­le per­ché le ispe­zio­ni van­no pre­ven­ti­va­men­te auto­riz­za­te nel cor­so del­la riu­nio­ne men­si­le. E più si allar­ga il nume­ro di per­so­ne a cono­scen­za in anti­ci­po dei nomi del­le azien­de da ispe­zio­na­re, più cre­sce il rischio di fughe di notizie».

Qual­co­sa va cam­bia­to, per­ché se i con­trol­li ci sono e por­ta­no perio­di­ca­men­te alla luce le irre­go­la­ri­tà, il rischio è di ritro­var­ci l’an­no pros­si­mo (e quel­lo dopo anco­ra) alle pre­se con l’en­ne­si­ma inchiesta.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.