Migranti climatici: la crisi climatica ci riguarda tutti, a partire da chi è più vulnerabile

La crisi climatica sta colpendo e colpirà tutti, spesso con estrema violenza. Come sempre le persone più esposte saranno quelle più vulnerabili. Le responsabilità sappiamo tutti dove stanno.

Scar­si­tà d’ac­qua, ridu­zio­ne del­la pro­du­zio­ne agri­co­la, innal­za­men­to del livel­lo del mare, stress ter­mi­ci, even­ti atmo­sfe­ri­ci estre­mi, ero­sio­ne del­le coste. Sono que­ste le con­se­guen­ze del­l’e­mer­gen­za cli­ma­ti­ca che, nei pros­si­mi anni, spin­ge­ran­no milio­ni di per­so­ne ad abban­do­na­re le pro­prie case. Secon­do l’ul­ti­mo report ela­bo­ra­to dal­la Ban­ca Mon­dia­le stia­mo par­lan­do di cir­ca 216 milio­ni di per­so­ne che entro il 2050 abban­do­ne­ran­no le pro­prie case e le pro­prie ter­re, dive­nu­te ormai invi­vi­bi­li, per spo­star­si ver­so altre zone del loro stes­so paese.

Que­sto dato con­tie­ne in pri­mo luo­go una con­fer­ma: colo­ro che ten­dia­mo a eti­chet­ta­re come “migran­ti” sono in pri­mo luo­go “migran­ti inter­ni”, o sfol­la­ti inter­ni, cioè per­so­ne che non supe­ra­no alcun con­fi­ne nazio­na­le, ma che si spo­sta­no da una regio­ne all’al­tra del loro pae­se di appar­te­nen­za. Se pen­sia­mo ai lega­mi fami­glia­ri, alle dif­fi­col­tà con­nes­se con l’e­mi­gra­zio­ne inter­na­zio­na­le, ai costi degli spo­sta­men­ti, risul­ta sem­pli­ce capir­ne le ragioni. 

Tor­na­no alle pre­vi­sio­ni, la Ban­ca mon­dia­le sti­ma che la lar­ghis­si­ma par­te di que­ste per­so­ne (86 milio­ni) abi­ta­no l’A­fri­ca Sub­sa­ha­ria­na. Non ci sarà quin­di da stu­pir­si se, oltre a cit­tà sem­pre più invi­vi­bi­li, nei pros­si­mi anni vedre­mo pale­sar­si qui da noi la coda di que­sto enor­me spo­sta­men­to di per­so­ne

Nel­la miglio­re del­le ipo­te­si, e cioè qua­lo­ra faces­si­mo imme­dia­ta­men­te tut­to quel che dob­bia­mo fare per evi­ta­re il col­las­so cli­ma­ti­co, que­ste pre­vi­sio­ni si ridur­reb­be­ro di cir­ca l’80%, con impat­ti dif­fe­ren­ti tra regio­ni. L’a­rea Sub­sa­ha­ria­na, così come l’A­sia orien­ta­le e meri­dio­na­le e il nord Afri­ca, regi­stre­reb­be­ro i mag­gio­ri bene­fi­ci (spin­gen­do meno per­so­ne a migra­re) dato che le loro eco­no­mie dipen­do­no mag­gior­men­te dal­l’a­gri­col­tu­ra. In Ame­ri­ca del Sud, dove — secon­do la Ban­ca mon­dia­le — le eco­no­mie sono più diver­si­fi­ca­te e c’è una più vasta popo­la­zio­ne urba­na, i bene­fi­ci sareb­be­ro mino­ri. Lo stes­so si dica per l’Eu­ro­pa orien­ta­le e l’A­sia centrale. 

Il report giu­sta­men­te ricor­da che even­ti cli­ma­ti­ci avver­si pos­so­no aumen­ta­re il rischio che sor­ga­no con­flit­ti. Di con­se­guen­za, le popo­la­zio­ni poste ai mar­gi­ni degli sta­ti — inclu­se le mino­ran­ze — sono di spes­so spro­por­zio­nal­men­te col­pi­te, così come i cam­pi pro­fu­ghi rischia­no di esse­re let­te­ral­men­te tra­vol­ti dal­la scar­si­tà di risor­se e beni primari. 

La cri­si cli­ma­ti­ca sta col­pen­do e col­pi­rà tut­ti, spes­so con estre­ma vio­len­za. Come sem­pre le per­so­ne più espo­ste saran­no quel­le più vul­ne­ra­bi­li. Le respon­sa­bi­li­tà sap­pia­mo tut­ti dove stanno.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.