Finché ci saranno i fascisti, ci saremo anche noi, antifascisti

Realtà strutturate, che agiscono alla luce del sole, che non temono di dichiararsi per quel che sono: fascisti. Rivendicano di «rappresentare la continuità col fascismo», deridono chi lottò e cadde per la liberazione e, allo stesso tempo, chiedono di superare la antistorica divisione tra fascisti e antifascisti. Alcuni siedono già nelle istituzioni, altri mirano a entrarvi per cancellarle, le istituzioni della Repubblica, perfettamente «in continuità col fascismo».

2 mag­gio. A Don­go, dove ven­ne­ro fuci­la­ti i gerar­chi fasci­sti, e a Giu­li­no di Mez­ze­gra, dove ven­ne­ro ucci­si Beni­to Mus­so­li­ni e Cla­ret­ta Petac­ci, ven­go­no auto­riz­za­te mani­fe­sta­zio­ni — col con­sen­so del pre­fet­to — per com­me­mo­rar­ne la mor­te. Si dan­no appun­ta­men­to cir­ca 70 neo­fa­sci­sti (Cor­rie­re del­la Sera) che, con brac­cio teso, rispon­do­no «pre­sen­te» alla let­tu­ra dei nomi. «Qui han­no ucci­so un uomo, ma non il suo idea­le e noi, che sia­mo sem­pre più orgo­glio­si di rap­pre­sen­tar­ne la con­ti­nui­tà, rispon­dia­mo anco­ra più con­vin­ti e più com­pat­ti “viva l’I­ta­lia e ono­re al duce”», dichia­ra­no a favo­re di tele­ca­me­re. 29 apri­le. A Mila­no, in via Pala­di­ni, si ritro­va­no cir­ca 800 (Repub­bli­ca) mili­tan­ti del­l’e­stre­ma destra per ricor­da­re il «came­ra­ta» Ser­gio Ramel­li. Anche in que­sto caso brac­cia tese e rito del «pre­sen­te». 29 apri­le. A Mace­ra­ta, grup­pi neo­fa­sci­sti distri­bui­sco­no fuo­ri dai licei volan­ti­ni in cui si dice che «Il 25 apri­le è il gior­no in cui i vili si pro­cla­ma­no eroi». 25 apri­le. A Vare­se il con­si­glie­re comu­na­le (e già asses­so­re) Ste­fa­no Cle­ri­ci, espo­nen­te di “Vare­se Idea­le”, lista “civi­ca” evo­lu­zio­ne del­la “Lista Fon­ta­na” con cui è sta­to elet­to il pre­si­den­te di Regio­ne Lom­bar­dia, ha mostra­to su Face­book  «il cep­po dei cadu­ti del­la Rsi al cimi­te­ro del Musuc­co di Mila­no con la scrit­ta “Cam­po X, cam­po del­l’O­no­re. Io non ho tra­di­to” e annes­so tri­co­lo­re, con rife­ri­men­to quin­di alle cami­cie nere» (Repub­bli­ca). 24 apri­le. A Sar­za­na, Spe­zia, il cir­co­lo Almi­ran­te pro­po­ne nuo­va­men­te la pre­di­spo­si­zio­ne di una tar­ga «per ricor­da­re i sol­da­ti del­la Guar­dia Nazio­na­le Repub­bli­ca­na, sepol­ti in una fos­sa comu­ne nel cimi­te­ro» (Repub­bli­ca). Le ragio­ni sareb­be­ro quel­le di supe­ra­re e atte­nua­re la «lace­ran­te con­trap­po­si­zio­ne tra anti­fa­sci­smo e fasci­smo». Volen­do potrem­mo anda­re avan­ti a lun­go con l’e­len­co. La lar­ghis­si­ma par­te di fat­ti simi­li a que­sti non rien­tra­no nel­le cro­na­che loca­li, figu­ria­mo­ci in quel­le nazio­na­li. Eppu­re ci rac­con­ta­no di real­tà strut­tu­ra­te, che agi­sco­no alla luce del sole, che non temo­no di dichia­rar­si per quel che sono: fasci­sti. Riven­di­ca­no di «rap­pre­sen­ta­re la con­ti­nui­tà col fasci­smo», deri­do­no chi lot­tò e cad­de per la libe­ra­zio­ne e, allo stes­so tem­po, chie­do­no di supe­ra­re la anti­sto­ri­ca divi­sio­ne tra fasci­sti e anti­fa­sci­sti. Alcu­ni sie­do­no già nel­le isti­tu­zio­ni, altri mira­no a entrar­vi per can­cel­lar­le, le isti­tu­zio­ni del­la Repub­bli­ca, per­fet­ta­men­te «in con­ti­nui­tà col fasci­smo». Chi par­la di “paren­te­si chiu­sa”, di una sto­ria con­clu­sa con la mor­te di Mus­so­li­ni deve fare i con­ti con la real­tà: i fasci­sti esi­sto­no e sono ovun­que. E fin­ché ci saran­no i fasci­sti, ci sare­mo anche noi, anti­fa­sci­sti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.