Transizione ecologica, Civati: Cingolani inadeguato, ne parla come se fosse un problema

Serve un ripensamento degli stili di vita e allo stesso tempo di contrasto delle disuguaglianze. Nella transizione ecologica rientra il riequilibrio sociale. Perché la narrazione della sostenibilità come piombo nelle ali denota una mentalità ferma al carbone, al secolo scorso. 

“Leg­gen­do l’in­ter­vi­sta al Cor­rie­re del­la Sera di Rober­to Cin­go­la­ni vie­ne con­fer­ma­to l’i­ni­zia­le dub­bio che non sia il pro­fi­lo ido­neo a gover­na­re la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca. Nel­le sue paro­le si coglie qua­si una for­ma di sof­fe­ren­za, come se la tran­si­zio­ne non fos­se un’op­por­tu­ni­tà ma un ‘male neces­sa­rio’, qual­co­sa di ine­lut­ta­bi­le. Un fasti­dio. Par­la del­la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca come un ‘costo ele­va­tis­si­mo’ per l’I­ta­lia e l’Eu­ro­pa e un pro­ces­so da com­pie­re per man­can­za di alter­na­ti­ve. Que­sto è vero, è noto che non esi­sto­no scap­pa­to­ie: biso­gna por­ta­re avan­ti poli­ti­che che sal­va­guar­di­no il pia­ne­ta, met­ta­no in testa alla prio­ri­tà la sua tute­la. Il cli­ma pri­ma di tut­to, insom­ma. Ma non è un peso, anzi: è l’op­por­tu­ni­tà di ripen­sa­re il nostro mon­do”. Lo dichia­ra Giu­sep­pe Civa­ti, fon­da­to­re di Possibile.

“Nes­su­no cre­de — aggiun­ge Civa­ti — che la tran­si­zio­ne sia una pas­seg­gia­ta. Essen­do una rivo­lu­zio­ne ver­de, come del resto sostie­ne il Pnrr, non ‘è una pas­seg­gia­ta di gala’, direb­be qual­cu­no. Ma è una sfi­da appas­sio­nan­te, che richie­de corag­gio, ambi­zio­ne, oltre a esse­re neces­sa­ria. Ser­ve un ripen­sa­men­to degli sti­li di vita e allo stes­so tem­po di con­tra­sto del­le disu­gua­glian­ze. Nel­la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca rien­tra il rie­qui­li­brio socia­le. Per­ché la nar­ra­zio­ne del­la soste­ni­bi­li­tà come piom­bo nel­le ali deno­ta una men­ta­li­tà fer­ma al car­bo­ne, al seco­lo scor­so. Anche per que­sto è mor­ti­fi­can­te la visio­ne del mini­stro Cin­go­la­ni: la tran­si­zio­ne eco­lo­gi­ca è pri­ma di tut­to un’op­por­tu­ni­tà. Dipen­de tut­to da come la si impo­sta, e come la si vuo­le raggiungere”.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?