Criminalizzazione delle ONG: quando tutto è cominciato

Dai documenti in possesso dei giornalisti emergerebbe qualcosa di nuovo, e cioè che il percorso che ha portato alla criminalizzazione delle Ong (ricorderete tutti l'estate del 2016) non fu casuale e non fu estemporaneo.

«La stra­te­gia segre­ta con­tro le Ong». Tito­la così il pez­zo di coper­ti­na di Inter­na­zio­na­le di que­sta set­ti­ma­na che, pub­bli­can­do una lun­ga inchie­sta fir­ma­ta da Zach Cam­p­bell e Loren­zo D’Agostino per The Inter­cept, tor­na a inve­sti­ga­re le rela­zio­ni tra le Ong che com­pio­no sal­va­tag­gi nel Medi­ter­ra­neo cen­tra­le e lo Sta­to ita­lia­no. Dai docu­men­ti in pos­ses­so dei gior­na­li­sti emer­ge­reb­be qual­co­sa di nuo­vo, e cioè che il per­cor­so che ha por­ta­to alla cri­mi­na­liz­za­zio­ne del­le Ong (ricor­de­re­te tut­ti l’e­sta­te del 2016) non fu casua­le e non fu estem­po­ra­neo. Gli auto­ri del­l’in­chie­sta, infat­ti, pren­do­no le mos­se dal­l’ot­to­bre del 2013 e dal lan­cio del­l’O­pe­ra­zio­ne Mare Nostrum volu­ta dal gover­no Let­ta a segui­to del­la tra­ge­dia di Lam­pe­du­sa. In quel­l’oc­ca­sio­ne, Fran­co Rober­ti, allo­ra diret­to­re del­la Dire­zio­ne nazio­na­le anti­ma­fia e anti­ter­ro­ri­smo (Dna), lan­ciò una secon­da ope­ra­zio­ne, «riser­va­ta: una serie di in­contri coor­di­na­ti tra i ver­ti­ci del­la poli­zia, del­la mari­na, del­la guar­dia costie­ra e del­la magi­stra­tu­ra. Sot­to la gui­da di Rober­ti, que­sti incon­tri sono anda­ti avan­ti per quat­tro anni e han­no coin­vol­to rappre­sentanti di Fron­tex, di Euro­pol, dell’operazione Sophia e per­fi­no del­le auto­ri­tà li­biche». Pro­se­gue l’inchiesta:

Nel pri­mo incon­tro, orga­niz­za­to nell’ottobre del 2013, Rober­ti dis­se ai par­tecipanti che gli uffi­ci dell’antimafia di Cata­nia ave­va­no svi­lup­pa­to un meto­do inno­va­ti­vo per affron­ta­re il traf­fi­co di mi­granti. Trat­tan­do i traf­fi­can­ti libi­ci come ave­va­no trat­ta­to i mafio­si ita­lia­ni, gli in­quirenti pote­va­no riven­di­ca­re la giu­risdizione sul­le acque inter­na­zio­na­li ol­tre i con­fi­ni ita­lia­ni. Secon­do Rober­ti que­sto signi­fi­ca­va poter final­men­te sali­re a bor­do e seque­stra­re le imbar­ca­zio­ni in alto mare, con­dur­re inda­gi­ni e usa­re le pro­ve in tri­bu­na­le. […] La guar­dia costie­ra ita­lia­na e gli inquiren­ti si era­no con­vin­ti che i traf­fi­can­ti faces­sero affi­da­men­to su que­ste ope­ra­zio­ni di sal­va­tag­gio per por­ta­re a ter­mi­ne i loro pia­ni. Di con­se­guen­za, secon­do l’anti­mafia, chiun­que agis­se come mem­bro dell’equipaggio o invias­se una richie­sta d’aiuto da una bar­ca cari­ca di migran­ti pote­va esse­re con­si­de­ra­to com­pli­ce dei traf­fi­can­ti libi­ci e sog­get­to alla giurisdi­zione ita­lia­na. […] I docu­men­ti rela­ti­vi a più di una deci­na di pro­ces­si […] mostra­no pro­ce­di­men­ti basa­ti so­prattutto su testi­mo­nian­ze di migran­ti a cui è sta­to pro­mes­so un per­mes­so di sog­giorno in cam­bio del­la col­la­bo­ra­zio­ne. In mare i testi­mo­ni sono inter­ro­ga­ti dal­la poli­zia poche ore dopo il sal­va­tag­gio, spes­so quan­do sono anco­ra in sta­to di shock dopo esse­re soprav­vis­su­ti a un nau­fra­gio. […] Rober­ti ha con­fer­ma­to che i libi­ci han­no par­te­ci­pa­to ad alme­no due incon­tri del­la Dna, e di aver per­so­nal­men­te incon­tra­to Bija in Libia un mese dopo la pub­bli­ca­zio­ne del rap­por­to del Con­si­glio di sicu­rez­za dell’Onu. L’anno dopo, la com­mis­sio­ne sul­la Libia del Con­si­glio di sicu­rez­za ha sot­to­po­sto Bija a san­zio­ni, con­ge­lan­do­ne i beni e vie­tan­do­gli di spo­star­si all’estero.

In defi­ni­ti­va, quel che emer­ge dal­l’in­chie­sta è un qua­dro asso­lu­ta­men­te pre­oc­cu­pan­te, all’in­ter­no del qua­le le Ong — riven­di­can­do il loro dove­re di limi­tar­si al sal­va­tag­gio di per­so­ne in dif­fi­col­tà — non pote­va­no che esse­re ele­men­ti di distur­bo, pro­ble­ma­ti­ci per un approc­cio inve­sti­ga­ti­vo di que­sto tipo. L’in­chie­sta pub­bli­ca­ta da Inter­na­zio­na­le — che invi­tia­mo a leg­ge­re per inte­ro — fa quin­di emer­ge­re tut­ta un’al­tra pro­spet­ti­va nel­la let­tu­ra del­le accu­se a loro rivol­te, pas­sa­te attra­ver­so fan­to­ma­ti­ci finan­zia­to­ri del­la “sosti­tu­zio­ne etni­ca”, col­lu­sio­ni con i traf­fi­can­ti, volon­tà di tur­ba­re l’or­di­ne demo­cra­ti­co del Pae­se, e quin­di mani­fe­sta­te­si in con­se­guen­ti seque­stri, codi­ci di con­dot­ta e pene del tut­to spro­por­zio­na­te e ini­que.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.