Sono sempre di più le persone costrette a fuggire. E la situazione non può che peggiorare

82,4 milioni. Nonostante la pandemia, nonostante le limitazioni agli spostamenti attuate in numerosi paesi, il 2020 fa segnare un nuovo record al numero di persone costrette ad abbandonare le proprie case a causa di persecuzioni, violazioni dei diritti umani ed eventi che hanno pregiudicato gravemente l'ordine pubblico.

82,4 milio­ni. Nono­stan­te la pan­de­mia, nono­stan­te le limi­ta­zio­ni agli spo­sta­men­ti attua­te in nume­ro­si pae­si, il 2020 fa segna­re un nuo­vo record al nume­ro di per­so­ne costret­te ad abban­do­na­re le pro­prie case a cau­sa di per­se­cu­zio­ni, vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni ed even­ti che han­no pre­giu­di­ca­to gra­ve­men­te l’or­di­ne pub­bli­co. Un dato (con­te­nu­to nel­l’ulti­mo rap­por­to UNHCR) che si con­fer­ma in costan­te cre­sci­ta dal 2010.Oltre la metà di que­sti 82,4 milio­ni sono — ed è que­sto un altro dato che vie­ne con­fer­ma­to — sfol­la­ti inter­ni, cioè per­so­ne che sono sta­te costret­te a fug­gi­re ma che non han­no abban­do­na­to il pro­prio pae­se, spo­stan­do­si da una zona a un’al­tra. Non cam­bia­no nep­pu­re i prin­ci­pa­li pae­si da cui le per­so­ne fug­go­no (Siria, Vene­zue­la, Afgha­ni­stan, Sud Sudan, Myan­mar) né tan­to­me­no i prin­ci­pa­li pae­si di desti­na­zio­ne (Tur­chia, Colom­bia, Paki­stan, Ugan­da, Ger­ma­nia). Le iso­le di Aru­ba e di Curaçao (al lar­go del Vene­zue­la) e il Liba­no e la Gior­da­nia sono inve­ce i pae­si che ospi­ta­no più migran­ti for­za­ti rispet­to alla loro popolazione.

Le pro­ce­du­re di reset­tle­ment (la ricol­lo­ca­zio­ne da cam­pi ver­so pae­si ospi­tan­ti) svol­go­no un ruo­lo anco­ra e pur­trop­po mar­gi­na­le, ulte­rior­men­te ridi­men­sio­na­to dal­la pan­de­mia: sola­men­te 34.400 per­so­ne vi han­no avu­to acces­so, meno di un ter­zo del 2021. Sono dati che foto­gra­fa­no una emer­gen­za che si acu­tiz­za con il pas­sa­re degli anni e di cui, sul suo­lo euro­peo, non vedia­mo che la coda. Un’e­mer­gen­za che, tra l’al­tro, non potrà che peg­gio­ra­re ulte­rior­men­te nei pros­si­mi anni, quan­do lo scon­vol­gi­men­to cli­ma­ti­co col­pi­rà ancor più dura­men­te con sic­ci­tà, innal­za­men­to dei mari, even­ti meteo­ro­lo­gi­ci deva­stan­ti. L’ul­ti­mo esem­pio in que­sto sen­so è quel­lo del lago Tan­ga­ny­i­ka, in Con­go, che da sem­pre rap­pre­sen­ta una fon­da­men­ta­le risor­sa per le popo­la­zio­ni loca­li ma che negli ulti­mi tem­pi si è tra­sfor­ma­to in un vero e pro­prio kil­ler. In soli due mesi — spie­ga The Guar­dian«tem­pe­ste, piog­ge tor­ren­zia­li e allu­vio­ni han­no ucci­so alme­no 13 per­so­ne e distrut­to 4.240 case e 112 scuo­le lun­go le coste del lago». Da metà apri­le sono oltre 72mila i con­go­le­si che sono sta­ti costret­ti a fuggire.

Su que­sto sce­na­rio van­no a inne­star­si le discus­sio­ni che por­te­ran­no al Con­si­glio euro­peo di gio­ve­dì e vener­dì, quan­do sul tavo­lo ci sarà anco­ra la que­stio­ne migra­to­ria. In un accor­do bila­te­ra­le tra Dra­ghi e Mer­kel, i due lea­der han­no riba­di­to qua­li sono e saran­no gli assi por­tan­ti del­le poli­ti­che euro­pee: ester­na­liz­za­re i con­fi­ni, rin­no­van­do l’ac­cor­do con la Tur­chia e raf­for­zan­do la pre­sen­za in Afri­ca «non solo in Tuni­sia e Libia, ma anche nel Sahel, Mali, Etio­pia, Eri­trea». Scel­te mio­pi, pur­trop­po, che cer­ca­no di allon­ta­na­re il pro­ble­ma igno­ran­do com­ple­ta­men­te le sue radici.
 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.