La lunga marcia dei diritti LGBTI+ in Francia

Il Piano nazionale d’azione per l’uguaglianza dei diritti, è basato sulla consapevolezza che sia il sistema culturale a dover cambiare, perché l’odio e la violenza si basano su pregiudizi culturali. Un piano, come tutto il percorso arcobaleno della Francia, che potrebbe tranquillamente essere d’esempio anche per l’Italia.

La Fran­cia è con­si­de­ra­ta uno dei pae­si più gay friend­ly del mon­do, clas­si­fi­can­do­si ter­za die­tro a Cana­da e Por­to­gal­lo da par­te degli Osser­va­to­ri Inter­na­zio­na­li, in par­ti­co­la­re secon­do il rap­por­to OCDE/OCSE del 2019, dal pun­to di vista dell’integrazione giu­ri­di­ca del­le per­so­ne LGBT+. La pri­ma pie­tra milia­re di que­sto per­cor­so data addi­rit­tu­ra nel 1791, quan­do, duran­te la Rivo­lu­zio­ne Fran­ce­se, ven­ne decri­mi­na­liz­za­ta la sodo­mia. Dagli anni ’80, poi, pro­se­gue un per­cor­so che è giu­sto scan­di­re nel tem­po in ordi­ne cro­no­lo­gi­co per far capi­re come il per­cor­so ver­so l’uguaglianza sia anda­to avan­ti e come. Però ci sono anco­ra tan­te cose da fare, spe­cial­men­te in ambi­to di con­tra­sto cul­tu­ra­le e socia­le all’odio. Nel 1982, Mit­te­rand deci­de di equi­pa­ra­re l’età del con­sen­so tra rap­por­ti omo­ses­sua­li a quel­la dei rap­por­ti ete­ro­ses­sua­li e a segui­re nel 1985 vie­ne vara­ta una leg­ge con­tro le discri­mi­na­zio­ni del­le per­so­ne omo­ses­sua­li che è sta­ta poi aggior­na­ta nel 2012 con l’aggiunta del­le discri­mi­na­zio­ni basa­te sull’identità di gene­re. Nel 2004, tenen­do con­to anche del­le indi­ca­zio­ni euro­pee in meri­to, è sta­to isti­tui­to il rea­to di odio inclu­den­do l’omotransfobia che si è accom­pa­gna­to alla crea­zio­ne di un’Alta Auto­ri­tà per la lot­ta con­tro le discri­mi­na­zio­ni e l’uguaglianza, modi­fi­can­do la leg­ge sul­la liber­tà di stam­pa e sta­bi­len­do del­le aggra­van­ti se il cri­mi­ne d’odio è basa­to sull’orientamento ses­sua­le. Nel 2008 il Mini­ste­ro del­la Pub­bli­ca Istru­zio­ne ha lan­cia­to una cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne su que­sti temi nel­le scuo­le. Nel 2009, inve­ce, la Fran­cia è sta­to il pri­mo pae­se del mon­do a eli­mi­na­re il tran­ses­sua­li­smo dal­le malat­tie men­ta­li e a instau­ra­re i PACS, i famo­si pat­ti di con­vi­ven­za, anche per le cop­pie del­lo stes­so ses­so adot­tan­do suc­ces­si­va­men­te, nel 2013, anche il matri­mo­nio ega­li­ta­rio, sen­za alcu­na dif­fe­ren­za con quel­lo tra per­so­ne di ses­so diver­so. Sem­pre nel 2013, si rifor­ma il dirit­to di fami­glia e vie­ne san­ci­to il dirit­to all’ado­zio­ne da par­te di cop­pie omo­ses­sua­li. È del 2016 una leg­ge che sta­bi­li­sce che per il cam­bio di ses­so non è più neces­sa­ria nes­su­na tera­pia medi­ca, che la ste­ri­liz­za­zio­ne non è più obbli­ga­to­ria e che fis­sa i cri­te­ri per poter anda­re in comu­ne e cam­bia­re ses­so sui docu­men­ti. Tra que­sti cri­te­ri non figu­ra più, appun­to, l’aver ini­zia­to o con­clu­so un per­cor­so tera­peu­ti­co di nes­sun tipo. Sem­pre nel­lo stes­so anno, alle strut­tu­re ammi­ni­stra­ti­ve dipar­ti­men­ta­li inca­ri­ca­te del­la lot­ta con­tro raz­zi­smo e anti­se­mi­ti­smo, è sta­ta affi­da­ta anche la com­pe­ten­za del­la lot­ta con­tro il ses­si­smo e l’anti-LGBTfobia, piaz­zan­do la Fran­cia tra i pochis­si­mi pae­si al mon­do ad ave­re simi­li strut­tu­re ammi­ni­stra­ti­ve, spe­cial­men­te dedi­ca­te ai cri­mi­ni di odio. Macron nel 2017 ha lan­cia­to un’indagine sul­le tera­pie effet­tua­te sul­le per­so­ne inter­ses­sua­li per even­tual­men­te inter­ve­ni­re anche in que­sto ambi­to, orien­tan­do­si ver­so un divie­to di effet­tua­re tera­pie sui bam­bi­ni inte­re­ses­sua­li vol­te a “sce­glie­re” uno dei due ses­si. Il 2020, infi­ne, ha visto l’inizio del dibat­ti­to par­la­men­ta­re sul­la PMA aper­ta a tut­te le don­ne, anche sin­gle e anche lesbi­che che è anco­ra in cor­so. Nono­stan­te que­sti inter­ven­ti legi­sla­ti­vi, il gover­no si è reso con­to che le per­so­ne LGBT+ sono nei fat­ti anco­ra discri­mi­na­te e ha lan­cia­to un pia­no d’azione (Plan natio­nal d’actions pour l’egalite des droi­ts, con­tre la hai­ne et les discri­mi­na­tions anti-LGBT+ 2020–2023 – Pia­no nazio­na­le d’azione per l’uguaglianza dei dirit­ti, con­tro l’odio e le discri­mi­na­zio­ni anti-LGBT+ 2020–2023), sta­bi­len­do una serie di azio­ni da intra­pren­de­re per favo­ri­re l’accesso ai dirit­ti da par­te di tut­ti e tut­te, este­so su tre anni. Il pia­no è basa­to sul­la con­sa­pe­vo­lez­za che sia il siste­ma cul­tu­ra­le a dover cam­bia­re, per­ché l’odio e la vio­len­za si basa­no su pre­giu­di­zi cul­tu­ra­li. Non è quin­di un pia­no di azio­ne repres­si­vo, ma vol­to a favo­ri­re un cam­bia­men­to cul­tu­ra­le. Un gran­de pia­no strut­tu­ra­le che inter­vie­ne sul­la que­stio­ne dei cri­mi­ni e del­le discri­mi­na­zio­ni spa­zian­do in ogni set­to­re del­la vita pub­bli­ca e pri­va­ta, in pri­mis con pro­get­ti di for­ma­zio­ne e sen­si­bi­liz­za­zio­ne nel­le scuo­le, e che toc­ca ambi­ti diver­si come il lavo­ro e lo sport. Un impe­gno impor­tan­te da par­te del Gover­no fran­ce­se che dimo­stra la volon­tà di lavo­ra­re quo­ti­dia­na­men­te per favo­re la pro­mo­zio­ne di poli­ti­che capa­ci di pro­muo­ve­re dav­ve­ro la pari­tà. Un pia­no, come tut­to il per­cor­so arco­ba­le­no del­la Fran­cia, che potreb­be tran­quil­la­men­te esse­re d’esempio anche per l’Italia.

Comi­ta­to “Pos­si­bi­le Parigi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.