Discarica di Borgo Montello: le future generazioni meritano un radicale cambio di rotta

Non è più possibile accettare una mala gestione così grave della discarica e soprattutto immaginare potenziamenti e modifiche senza che siano messe nero su bianco anche da un punto di vista giuridico le responsabilità penali dei danni ambientali e alla salute che questo territorio sta subendo.

del Comi­ta­to Lati­na Possibile 

La que­stio­ne del­la disca­ri­ca di Bor­go Mon­tel­lo, rap­pre­sen­ta mol­to bene, pur­trop­po, l’arretratezza cul­tu­ra­le su alcu­ni degli aspet­ti fon­da­men­ta­li per la vita di un ter­ri­to­rio: come il rispet­to del­la lega­li­tà e del­le nor­ma­ti­ve in qua­lun­que set­to­re, la salu­te pub­bli­ca e non ulti­me per impor­tan­za le “con­si­de­ra­zio­ni ambien­ta­li” all’interno del­la cri­si socio cli­ma­ti­ca che stia­mo vivendo.

Inu­ti­le ricor­da­re le pale­si vio­la­zio­ni del­la nor­ma­ti­va di set­to­re e le gra­vi con­se­guen­ze che que­sto ter­ri­to­rio sta suben­do da trop­po tempo.

La lun­ga mano del­la cri­mi­na­li­tà orga­niz­za­ta sul ciclo dei rifiu­ti è una cer­tez­za non solo qui da noi ma anche in altre par­ti del ter­ri­to­rio ita­lia­no: nel­le pro­vin­cie di Nova­ra, Vare­se e Pavia ad esem­pio i rifiu­ti ven­go­no sot­ter­ra­ti nei can­tie­ri del­le gran­di ope­re dove nei lavo­ri di sub-subap­pal­to le dit­te di movi­men­ta­zio­ne ter­ra, gesti­te diret­ta­men­te dal­le orga­niz­za­zio­ni cri­mi­na­li, pos­so­no entra­re e usci­re diret­ta­men­te dai cantieri.

E sape­te come sono sta­te sco­per­te? Gra­zie all’azione dei cit­ta­di­ni che han­no ini­zia­to a vede­re nei loro pae­si un via­vai di camion in ora­ri stra­ni e han­no ini­zia­to e denun­cia­re que­sta situazione.

Situa­zio­ne che ave­va sicu­ra­men­te nota­to Don Cesa­re Boschin e for­se, inso­spet­ti­to, ave­va segna­to le tar­ghe dei camion nel­la sua agen­da miste­rio­sa­men­te scom­par­sa dopo che gli chiu­se­ro bru­tal­men­te la boc­ca. In suo nome dob­bia­mo ulte­rior­men­te lavo­ra­re assie­me per chie­de­re tra­spa­ren­za e informazione! 

Eppu­re, anche a fron­te di que­sta tor­bi­da situa­zio­ne abbia­mo chi anco­ra oggi vuo­le bypas­sa­re o deru­bri­ca­re que­sta situa­zio­ne per anda­re avan­ti come se non fos­se suc­ces­so nulla.

A tal pro­po­si­to sareb­be anche il caso che la COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ALTRI ILLECITI AMBIENTALI E AGROALIMENTARI tor­nas­se ad accen­de­re i fari sul­la disca­ri­ca di Bor­go Montello.

Noi oggi sia­mo qui per imma­gi­na­re un futu­ro diver­so: que­sto ter­ri­to­rio e soprat­tut­to le futu­re gene­ra­zio­ni meri­ta­no un radi­ca­le cam­bio di rot­ta rispet­to a quan­to fat­to finora.

Non è più pos­si­bi­le accet­ta­re una mala gestio­ne così gra­ve del­la disca­ri­ca e soprat­tut­to imma­gi­na­re poten­zia­men­ti e modi­fi­che sen­za che sia­no mes­se nero su bian­co anche da un pun­to di vista giu­ri­di­co le respon­sa­bi­li­tà pena­li dei dan­ni ambien­ta­li e alla salu­te che que­sto ter­ri­to­rio sta subendo.

Qual­sia­si pro­get­to di poten­zia­men­to o di “upgra­ding” non por­te­rà nes­sun bene­fi­cio in ter­mi­ni ambien­ta­li a que­sto ter­ri­to­rio. Van­no sana­te e boni­fi­ca­te le aree del sito dove insi­ste la disca­ri­ca e va imma­gi­na­to un futu­ro per que­sta ter­ra che non sia lega­to al ciclo di smal­ti­men­to dei rifiuti.

Per capi­re la feri­ta infer­ta alla nostra ter­ra, la rela­zio­ne del pro­fes­so­re Rodol­fo Napo­li, con­su­len­te del Pub­bli­co Mini­ste­ro, nel­la sua dram­ma­ti­ci­tà è il pun­to fer­mo da cui partire.

Que­sto sito non è ido­neo ad ospi­ta­re una disca­ri­ca di que­ste dimen­sio­ni, costrui­ta con enor­mi fal­le per quan­to riguar­da il ciclo di lavo­ra­zio­ne e soprat­tut­to non in gra­do di smal­ti­re cor­ret­ta­men­te e trat­ta­re le enor­mi quan­ti­tà di rifiu­ti che di vol­ta in vol­ta si pen­sa­va di poter smaltire.

“La fal­da è inqui­na­ta da tem­po imme­mo­re e non si può pre­ve­de­re cosa suc­ce­de­rà tra diver­si anni quan­do l’inquinamento pre­sen­te­rà il con­to anche in ter­mi­ni di salu­te umana”.

A fron­te di dan­ni ambien­ta­li in alcu­ne zone del sito, non sono mai sta­te fat­te né ope­re di boni­fi­ca né di mes­sa in sicu­rez­za e quin­di diven­ta serio e logi­co fer­mar­si e non pro­se­gui­re ulte­rior­men­te in que­sto scempio.

È da irre­spon­sa­bi­li, visto che non sap­pia­mo nem­me­no bene cosa sia sepol­to qui sot­to, pro­por­re di costrui­re un’altra cen­tra­le nuclea­re a Lati­na. È da inco­scien­ti pen­sa­re di riac­cen­de­re la cen­tra­le nuclea­re di Sabo­ti­no come se fos­se una lam­pa­di­na, igno­ran­do qua­le ope­ra imma­ne sia lo sman­tel­la­men­to di una cen­tra­le nuclea­re, ope­ra che por­ta alla crea­zio­ne di rifiu­ti radioat­ti­vi che non sono solo le sco­rie, bada­te bene, ma anche una par­te dei mate­ria­li di costru­zio­ne del­la cen­tra­le che reste­ran­no radioat­ti­vi per mol­ti anni.

Quan­do par­la­vo di limi­te cul­tu­ra­le mi rife­ri­vo pro­prio al fat­to che oggi nes­su­no poten­zia un siste­ma di trat­ta­men­to e smal­ti­men­to dei rifiu­ti in disca­ri­ca, pro­prio per­ché la tec­no­lo­gia e anche la gestio­ne dei rifiu­ti sta andan­do in dire­zio­ne oppo­sta. In tut­to il mon­do si va in dire­zio­ne oppo­sta – anche nei pae­si del cosid­det­to ter­zo mon­do — favo­ren­do e spin­gen­do al mas­si­mo la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta por­ta a por­ta, una gestio­ne soste­ni­bi­le anche eco­no­mi­ca­men­te dei rifiu­ti umi­di e favo­ren­do, inol­tre, il riu­so dei mate­ria­li e inter­ve­nen­do a mon­te per ridur­re la pro­du­zio­ne dei rifiu­ti soli­di urbani.

Rac­col­ta por­ta a por­ta che l’amministrazione Colet­ta ave­va appli­ca­to con suc­ces­so a diver­se zone del­la cit­tà e che inve­ce quel­la attua­le vuo­le sra­di­ca­re dal cen­tro sto­ri­co sosti­tuen­do­la con i cosid­det­ti “cas­so­net­ti intel­li­gen­ti” che però non rie­sco­no a garan­ti­re la stes­sa qua­li­tà del con­fe­ri­to del­la rac­col­ta por­ta a por­ta con con­se­guen­te aumen­to dei costi ambientali.

C’è chi vuo­le pro­se­gui­re con una gestio­ne ambien­ta­le asso­lu­ta­men­te non soste­ni­bi­le che avrà inol­tre con­se­guen­ze dram­ma­ti­che sul­la salu­te del­le popolazioni.

E sul­la que­stio­ne sani­ta­ria, non si scherza.

Se è vero, come scri­ve il pro­fes­sor Rodol­fo Napo­li, “che il pro­ble­ma del­la disca­ri­ca di Bor­go Mon­tel­lo nasce da lon­ta­no, alme­no dal 1970”, pre­ten­dia­mo che ven­ga effet­tua­ta una seria inda­gi­ne epi­de­mio­lo­gi­ca da par­te del­la Asl per ave­re l’esatta foto­gra­fia del­la salu­te del­la popo­la­zio­ne di que­sto territorio.

Dob­bia­mo chie­de­re e pre­ten­de­re ulte­rio­re tra­spa­ren­za, par­te­ci­pa­zio­ne, coin­vol­gi­men­to e infor­ma­zio­ne su tut­to quel­lo che riguar­da la disca­ri­ca e le con­se­guen­ze sul­la salute.

I respon­sa­bi­li del­la salu­te dei cit­ta­di­ni sape­te chi sono? Sono i sin­da­ci, per cui atti­via­mo­ci con una mozio­ne da por­ta­re in tut­ti i Con­si­gli Comu­na­li per chie­de­re tra­spa­ren­za di infor­ma­zio­ne e coin­vol­gi­men­to del­le popo­la­zio­ni su un tema importantissimo. 

Già nel­la pas­sa­ta con­si­lia­tu­ra il con­si­glio comu­na­le di Lati­na votò all’unanimità con­tro la ria­per­tu­ra anche tem­po­ra­nea del­la disca­ri­ca e ora chie­dia­mo che l’attuale con­si­glio comu­na­le riba­di­sca que­sto indirizzo.

Nes­sun deve vol­ta­re la fac­cia dall’altra par­te, rispet­to ad un così gros­so e pre­oc­cu­pan­te pro­ble­ma di salu­te pubblica.

Dob­bia­mo ave­re la con­sa­pe­vo­lez­za del­la bat­ta­glia che abbia­mo di fron­te e che non è asso­lu­ta­men­te più accet­ta­bi­le rima­ne­re silen­ti e iner­ti rispet­to a que­sta emer­gen­za sani­ta­ria e ambientale.

Ma que­sta con­sa­pe­vo­lez­za la devo­no ave­re tut­ti gli atto­ri di que­sta vicen­da, par­ten­do dai deci­so­ri poli­ti­ci: il Gover­no nazio­na­le, così quel­lo Regio­na­le, Arpa Lazio e Ispra così come i Comu­ni, le asso­cia­zio­ni e anche noi cittadini.

Esi­sto­no nel­le pie­ghe del­la sto­ria di un ter­ri­to­rio dei segna­li che non devo­no esse­re igno­ra­ti, van­no let­ti per­ché que­sti segna­li in un momen­to sto­ri­co ben pre­ci­so, com’è quel­lo che stia­mo viven­do oggi, devo­no por­ta­re un ter­ri­to­rio a par­la­re con una sola e for­te voce per dire BASTA, STOP, chiu­dia­mo que­sta disca­ri­ca e boni­fi­chia­mo tutto.

Chi vive qui deve esse­re infor­ma­to e aggior­na­to rispet­to a quel­lo che suc­ce­de den­tro al sito, visto che le con­se­guen­ze nega­ti­ve esco­no fuo­ri e riguar­da­no tut­ti noi oggi, ma anche doma­ni e negli anni avvenire.

Con la cri­si ambien­ta­le in cor­so, i cit­ta­di­ni devo­no poter par­te­ci­pa­re e esse­re infor­ma­ti obbli­ga­to­ria­men­te su quel­lo che riguar­da la vita del ter­ri­to­rio in cui vivono. 

I cit­ta­di­ni non sono sud­di­ti. Sia­mo cit­ta­di­ni por­ta­to­ri di inte­res­si e di dirit­ti indi­scu­ti­bi­li come quel­lo alla vita e alla vita in un ambien­te salu­bre per noi e per le gene­ra­zio­ni future.

Ci sono situa­zio­ni simi­li alla nostra, in altri pae­si e in altri sta­ti dove la popo­la­zio­ne ha fat­to la differenza! 

Ne par­la Erin Broc­ko­vic nel suo ulti­mo libro Superman’s Not Coming usci­to qual­che tem­po fa. Sì, quel­la Erin Broc­ko­vic resa cele­bre dall’interpretazione di Julia Roberts nell’omonimo film, che non si è fer­ma­ta nel suo lavo­ro per edu­ca­re e respon­sa­bi­liz­za­re le comu­ni­tà nel­le loro lot­te per l’acqua puli­ta e per una vera svol­ta per le poli­ti­che ambientali.

Ci sono tan­te Hin­kley – la cit­tà che ha reso famo­sa Erin – là fuo­ri, spar­se nel mon­do, real­tà che come noi han­no biso­gno di tro­va­re la pro­pria voce uni­vo­ca, for­te e sicura.

Abbia­mo subi­to, come ter­ri­to­rio, come cit­ta­di­ni tan­te ingiu­sti­zie e dob­bia­mo lavo­ra­re insie­me per por­re fine a que­sti abusi.

Vede­te, per affron­ta­re le que­stio­ni ambien­ta­li e muo­ver­si in tem­po per fer­ma­re mador­na­li erro­ri dob­bia­mo imma­gi­na­re il futu­ro… come rac­con­te­ran­no tra 30 o 40 anni que­sta vicen­da del­la discarica?

Mi vie­ne in men­te, e chiu­do, un roman­zo scrit­to da Pip­po Civa­ti e da Mar­co Tibe­ri pur­trop­po recen­tis­si­ma­men­te scomparso.

In FINE rac­con­ta­no del dia­rio di viag­gio di una don­na in fuga, nel 2042 quan­do il pas­sa­to non con­ta e il futu­ro non c’è più. In que­sto dia­rio, la pro­ta­go­ni­sta si doman­da come sia sta­to pos­si­bi­le non accor­ger­si pri­ma di quel­lo che sareb­be successo.

Leg­gia­mo oggi quel­lo che qual­cu­no potreb­be appun­to rac­con­ta­re tra 30 o 40 anni…perché oggi sia­mo anco­ra in tem­po per fare in modo che il futu­ro sia diverso e non sia quel­lo dei rimpianti.

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.