Che cos’è il “Mal d’Italia” e perché nessuno ne parla

A tutti, infatti, capita di imbattersi, per strada o nelle corsie di un supermercato, in una giovane donna o una donna adulta, che, con impegno, sostiene a braccetto un anziano o guida la sua carrozzina. Ma, quando le osserviamo, ci chiediamo mai: chi sono queste donne?

di Bea­tri­ce Sciarrillo 

Rice­via­mo e pub­bli­chia­mo que­sta ana­li­si di Bea­tri­ce Sciar­ril­lo su un tema trop­po spes­so dimen­ti­ca­to e tra­scu­ra­to: il cosid­det­to “mal d’Italia”.

“Una sto­ria pri­ma di rac­con­tar­la biso­gna saper­la ascoltare”.

Le paro­le dell’umanità sono il seme da cui nasco­no le sto­rie che leg­gia­mo. È que­sto il prin­ci­pio che sta alla base del­la scrit­tu­ra dei libri di Mar­co Bal­za­no, che, con le sue sto­rie – spes­so tri­sti nel­la loro veri­di­ci­tà – si fa can­to­re di un’epica moder­na, in cui l’uomo, depo­ste le armi dell’eroe, cer­ca di soprav­vi­ve­re come può.   I roman­zi di Mar­co Bal­za­no han­no costi­tui­to, per me, una cate­che­si di pre­zio­si inse­gna­men­ti. Se, dopo aver let­to Resto qui – roman­zo pub­bli­ca­to nel 2018 e clas­si­fi­ca­to­si secon­do al Pre­mio Stre­ga – ho pre­so cono­scen­za del­le vicen­de sto­ri­che – ai più sco­no­sciu­te – del pae­se altoa­te­si­no di Curon, che, nel 1950, nono­stan­te le corag­gio­se pro­te­ste degli abi­tan­ti, fu com­ple­ta­men­te som­mer­so da un lago arti­fi­cia­le per la pro­du­zio­ne di ener­gia elet­tri­ca, la let­tu­ra di Quan­do tor­ne­rò – pub­bli­ca­to nel 2021 sem­pre dal­la casa edi­tri­ce Einau­di – mi ha aper­to gli occhi di fron­te a ciò che, ogni gior­no, vedia­mo nel nostro pae­se, ma di cui fin­gia­mo di non accor­ger­ci. A tut­ti, infat­ti, capi­ta di imbat­ter­si, per stra­da o nel­le cor­sie di un super­mer­ca­to, in una gio­va­ne don­na o una don­na adul­ta, che, con impe­gno, sostie­ne a brac­cet­to un anzia­no o gui­da la sua car­roz­zi­na. Una cop­pia ormai fre­quen­te nel­le stra­de del­la cit­tà così come nei più pic­co­li pae­si dell’Italia. Ma, quan­do osser­via­mo que­ste don­ne o, nel momen­to stes­so in cui affi­dia­mo i nostri cari alle cure di que­ste per­so­ne, ci chie­dia­mo mai: chi sono que­ste don­ne? Qua­le sto­ria han­no alle spal­le? E – soprat­tut­to – dove sono le loro fami­glie? Dove sono i loro mari­ti e i loro figli? Spes­so, i loro figli sono i nostri coe­ta­nei, i nostri com­pa­gni di clas­se, che, con fati­ca, han­no dovu­to accet­ta­re che le cure e le atten­zio­ni del­le loro madri fos­se­ro indi­riz­za­te ver­so altre per­so­ne a loro sco­no­sciu­te. Ma, nel­la mag­gior par­te dei casi, quei figli non sono in Ita­lia. Sono sta­ti, infat­ti, abban­do­na­ti dal­le loro madri che, spin­te dal­la neces­si­tà di tro­va­re un lavo­ro per soste­ne­re le spe­se del­la fami­glia, sono sta­te costret­te a emi­gra­re in un altro pae­se euro­peo. Per anni, madri e figli non si vedo­no – se non attra­ver­so lo scher­mo di uno smart­pho­ne, acqui­sta­to gra­zie ai sol­di gua­da­gna­ti in Ita­lia e invia­ti alla famiglia. 

È que­sta la sto­ria di Danie­la, una don­na di 47 anni, che, sen­za più spe­ran­ze di tro­va­re un impie­go lavo­ra­ti­vo nel suo pae­se e non poten­do con­ti­nua­re a tira­re avan­ti con gli asse­gni di disoc­cu­pa­zio­ne, lascia la cit­tà di Răde­ni, e, sen­za dire nul­la ai figli e al mari­to, sale su un auto­bus diret­to ver­so il ter­ri­to­rio ita­lia­no. Giun­ta a Mila­no, tro­va lavo­ro come badan­te di un uomo anzia­no, Gio­van­ni, a cui, col tem­po e l’abitudine, si affe­zio­na, ma di cui non sa gesti­re gli atti­mi di demen­za seni­le, che lo por­ta­no a esse­re – improv­vi­sa­men­te – vio­len­to e mane­sco. Difat­ti, la respon­sa­bi­li­tà di gesti­re malat­tie dif­fi­ci­li e impre­ve­di­bi­li – come l’Al­z­hei­mer o il Par­kin­son – vie­ne spes­so addos­sa­ta – dai fami­lia­ri e dai medi­ci stes­si – a que­ste don­ne, di cui non solo – dun­que – vie­ne sfrut­ta­to il lavo­ro del­le brac­cia – brac­cia per sor­reg­ge­re, per imboc­ca­re, per lava­re – ma vie­ne anche logo­ra­ta la sta­bi­li­tà psi­co­fi­si­ca.   Inol­tre, que­ste don­ne, emi­gra­te in Ita­lia con il fine di con­sen­ti­re alla loro fami­glia di vive­re un’esistenza più digni­to­sa, han­no dif­fi­col­tà a muta­re l’assetto eco­no­mi­co del loro nucleo fami­lia­re, a cau­sa del mise­ro gua­da­gno che rice­vo­no men­sil­men­te e a cau­sa del­la tota­le man­can­za di tute­le. Infat­ti, que­ste lavo­ra­tri­ci, da un gior­no all’altro, sen­za nes­sun pre­av­vi­so, pos­so­no tro­var­si licen­zia­te e sfrat­ta­te di casa.   Disa­gio socio-eco­no­mi­co e disa­gio psi­co­fi­si­co van­no a brac­cet­to. Gli psi­chia­tri, infat­ti, chia­ma­no “Mal d’Italia” o “Sin­dro­me d’Italia” il bor­nout, che afflig­ge le assi­sten­ti dome­sti­che dell’Est Euro­pa, che, dopo anni di reclu­sio­ne nel­la casa di anzia­ni mala­ti, sono col­pi­te da una for­te cri­si depres­si­va lega­ta alla lon­ta­nan­za da casa – dal­le pro­prie usan­ze e tra­di­zio­ni – e allo stress psi­co­fi­si­co a cui sono sot­to­po­ste – spes­so 24 ore su 24, 7 gior­ni su 7. All’Istituto psi­chia­tri­co Soco­la di Iași, ogni anno ven­go­no rico­ve­ra­te più di 200 badan­ti: mol­te di que­ste han­no cer­ca­to di toglier­si la vita una vol­ta ritor­na­te nel loro pae­se.   Secon­do i dati pub­bli­ca­ti dall’Osservatorio Nazio­na­le DOMINA sul Lavo­ro Dome­sti­co (2020), tra colo­ro che svol­go­no il com­pi­to di badan­ti in Ita­lia, la com­po­nen­te dell’Est Euro­pa è for­te­men­te mag­gio­ri­ta­ria, rap­pre­sen­tan­do il 73,6% del tota­le. Le prin­ci­pa­li con­cen­tra­zio­ni di don­ne rume­ne, mol­da­ve, ucrai­ne si han­no – ovvia­men­te – nel­le gran­di cit­tà, come Roma, Mila­no, Tori­no, che, spes­so, offro­no mag­gio­ri occa­sio­ni di lavo­ro, ma anche, nei pae­si­ni del­la Cam­pa­nia e del Vene­to. In par­ti­co­la­re, nel Vene­to, si regi­stra una for­te pre­sen­za di don­ne rume­ne, data la vici­nan­za del­la regio­ne vene­ta al loro ter­ri­to­rio nata­le.   Ma, se ci sono madri che emi­gra­no, ci sono – neces­sa­ria­men­te – anche figli che ven­go­no abban­do­na­ti. In Roma­nia, sono mol­te le scuo­le e le comu­ni­tà per i bam­bi­ni e i ragaz­zi left behind: gli “orfa­ni bian­chi” – nar­ra­ti nei roman­zi di Ingrid Coman –, che, pri­va­ti dell’affetto mater­no, ven­go­no affi­da­ti, nei casi più for­tu­na­ti, ai non­ni e agli zii, in altri, inve­ce, ai vici­ni di casa. Secon­do sti­me UNICEF Alter­na­ti­ve Socia­le (AAS), in Roma­nia gli orfa­ni bian­chi sareb­be­ro 350.000. Metà dei chil­dren left behind ha meno di 10 anni, men­tre più del­la metà ha tra i 2 e i 6 anni e il 4% ha meno di un anno. Le con­se­guen­ze del­la distan­za dal­la pro­pria madre sul­la vita di que­sti bam­bi­ni e ado­le­scen­ti sono mol­te­pli­ci, e inci­do­no – non solo – sul­la loro car­rie­ra sco­la­sti­ca (il 2% dei mino­ri con alme­no un geni­to­re all’estero ha abban­do­na­to la scuo­la) – ma anche – sul­la loro rela­zio­ne con la figu­ra mater­na. I figli di Danie­la non rie­sco­no a capi­re appie­no per­ché, una mat­ti­na di feb­bra­io, la madre li abbia abban­do­na­ti, e, in par­ti­co­la­re, la figlia mag­gio­re, Ange­li­ca, non per­do­na la madre per aver­le asse­gna­to – sen­za inter­pel­lar­la – la respon­sa­bi­li­tà di fare da madre a se stes­sa e al fra­tel­lo più pic­co­lo. Danie­la, però, insi­ste, più vol­te, sul fat­to che tut­te le sue azio­ni non sono sta­te gui­da­te dall’egoismo, ma sono sta­ti sacri­fi­ci fina­liz­za­ti a miglio­ra­re la loro con­di­zio­ne. Per­ché, “a vol­te si può fare solo così”: scap­pa­re dal pae­se-fan­ta­sma, in cui si è nati, per ritor­na­re – pri­ma o poi – e rico­strui­re ciò che si è lasciato. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.