La disparità di gregge e l’immunità di classe

Il transatlantico chiamato Terra, nella sua rotta al momento immutata, per velocità e direzione, verso l’iceberg dell’emergenza climatica, ha un altro enorme problema.

La pri­ma clas­se costa mil­le lire la secon­da cen­to la ter­za dolo­re e spa­ven­to, e que­sto lo sap­pia­mo bene.

Il tran­sa­tlan­ti­co chia­ma­to Ter­ra, nel­la sua rot­ta al momen­to immu­ta­ta, per velo­ci­tà e dire­zio­ne, ver­so l’iceberg dell’emergenza cli­ma­ti­ca, ha un altro enor­me pro­ble­ma. Dopo l’inizio dell’allagamento del­la ter­za clas­se, che ha fini­to anche le scor­te di cibo (solo il suo, non quel­lo sti­va­to per chi sta sopra), ma che non può sali­re in secon­da se non per lavo­ra­re e a cer­te con­di­zio­ni, e tan­to meno in pri­ma se non a rischio del­la vita (e sott’acqua si muo­re lo stes­so, quin­di tan­to vale), nel basti­men­to si è dif­fu­so un virus ed è scop­pia­ta addi­rit­tu­ra una pan­de­mia, che met­te a rischio la vita di tut­te e tut­ti. Le sue con­se­guen­ze sono diver­se, però. In pri­ma clas­se si può star chiu­si in cabi­na con ogni agio, basta far­si lascia­re il vas­so­io die­tro la por­ta, e a par­te qual­che fasti­dio­so con­trat­tem­po, come non par­te­ci­pa­re alla cena al tavo­lo del capi­ta­no, non indos­sa­re il cap­pel­lo com­pra­to a Pari­gi, rinun­cia­re all’orchestra e ai brin­di­si tin­tin­nan­ti, si sta qua­si meglio di pri­ma, per­ché toc­ca brin­da­re nel­la sui­te ma intan­to il con­to in ban­ca sale. Sale per­ché la secon­da clas­se è bloc­ca­ta nel­le sue pic­co­le cabi­ne, e non può fare i lavo­ret­ti, rima­ne sen­za entra­te, e quin­di i rispar­mi van­no tut­ti spe­si per soprav­vi­ve­re, pagan­do chi sta in pri­ma, soprat­tut­to quel­li che distri­bui­sco­no i pac­chi. Nell’enorme open spa­ce del­la ter­za clas­se for­se non si sa nean­che che c’è, la pan­de­mia, si muo­re di fame, si anne­ga, ci si ammaz­za facen­do­si la guer­ra, oppu­re si muo­re cer­can­do di sali­re quan­do non è per­mes­so o alme­no di man­da­re su i pro­pri figli, sen­za cate­ne, sen­za cami­cia così come son nati, figli già dimen­ti­ca­ti. Poi un gior­no arri­va la solu­zio­ne. In pri­ma clas­se, dove ci sono un sac­co di dot­ti, di medi­ci e di sapien­ti, han­no tro­va­to un vac­ci­no. La pri­ma clas­se si vac­ci­na, sgo­mi­tan­do, e vac­ci­na anche la secon­da. Ma non la ter­za. Eppu­re la mano d’opera del­la ter­za clas­se ser­ve, banal­men­te è quel­la che spa­la il car­bo­ne che fa anda­re la nave, car­bo­ne che, tra l’altro, era anche suo.

Ma mam­ma a me mi ruba­no la vita quan­do mi met­to­no a fati­ca­re, per pochi dol­la­ri le cal­da­ie, sot­to al livel­lo del mare.

E inve­ce no. Il vac­ci­no vie­ne distri­bui­to, anzi, è obbli­ga­to­rio, per la pri­ma e la secon­da (nell’ordine) ma nes­su­no pen­sa alla ter­za. Costa trop­po, e poi si sono spe­si sol­di per paga­re dot­ti medi­ci e sapien­ti, mica vor­re­mo rega­la­re que­sto know how, que­ste licen­ze, a chi non se li può per­met­te­re? Chiu­dia­mo meglio i boc­ca­por­ti, che puz­za­no di sudo­re e di mare mor­to. E però nes­su­no vuol fare il came­rie­re, e nes­su­no vuo­le spa­la­re il car­bo­ne, o anda­re a rac­co­glie­re il cibo nel­le sti­ve del­la ter­za clas­se per por­tar­lo su. Così il virus muta, e la pan­de­mia non fini­sce, per­ché ogni vol­ta che qual­cu­no va giù e tor­na su, ed è ine­vi­ta­bi­le in una nave, por­ta una nuo­va varian­te e biso­gna cer­ca­re un nuo­vo vac­ci­no. Per­ché for­se dovrem­mo cam­bia­re i modi di dire, sia­mo tut­ti sul­lo stes­so pia­ne­ta che è la stes­sa bar­ca, e sia­mo un greg­ge di oltre 7 miliar­di di per­so­ne, e andia­mo tut­ti insie­me con­tro l’iceberg. Nean­che una pan­de­mia, nean­che il nostro stes­so inte­res­se alla vita, in sen­so stret­to o sem­pli­ce­men­te a quel­la che face­va­mo pri­ma, ci fa capi­re che la cura va affron­ta­ta glo­bal­men­te e non local­men­te, che le disu­gua­glian­ze vac­ci­na­li pos­so­no ren­de­re inu­ti­li le vac­ci­na­zio­ni a tap­pe­to nel­le nostre ric­che ma non impe­ne­tra­bi­li bol­le.  Che la lot­ta alle disu­gua­glian­ze è glo­ba­le, e inve­ste i dirit­ti civi­li e socia­li, alla vita come ai mez­zi di sosten­ta­men­to come alla salu­te. E intan­to l’iceberg si avvi­ci­na, ma c’è anco­ra chi dice che è solo neb­bia che annun­cia il sole, andia­mo avan­ti tranquillamente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.