Ciro Immobile a sostegno del ddl Zan: qualcosa si muove nel mondo del calcio?

Com’è possibile che nel mondo del calcio non esistano persone gay? Questo succede perché fare coming out è ancora un tabù nel calcio maschile. Per questa ragione la notizia che Ciro Immobile si sia espresso a favore del DDL Zan durante un’intervista per Vanity Fair è di fondamentale importanza.

di Ric­car­do Scarafiocca

Com’è pos­si­bi­le che nel mon­do del cal­cio non esi­sta­no per­so­ne gay? Que­sto suc­ce­de per­ché fare coming out è anco­ra un tabù nel cal­cio maschi­le. Per que­sta ragio­ne la noti­zia che Ciro Immo­bi­le si sia espres­so a favo­re del DDL Zan duran­te un’intervista per Vani­ty Fair è di fon­da­men­ta­le impor­tan­za, poi­ché si trat­ta di un famo­so cal­cia­to­re anco­ra in atti­vi­tà che pren­de aper­ta­men­te posi­zio­ne a soste­gno del­la comu­ni­tà LGBTQIA+ e que­sto rap­pre­sen­ta un pri­mo segna­le che qual­co­sa nel mon­do del cal­cio sta final­men­te cambiando.

Immo­bi­le, però, non è l’unico cal­cia­to­re ita­lia­no che sostie­ne le bat­ta­glie del­la comu­ni­tà LGBTQIA+: anche Clau­dio Mar­chi­sio si è espres­so negli anni scor­si a favo­re del matri­mo­nio egua­li­ta­rio e quest’anno ha par­te­ci­pa­to alla cam­pa­gna nazio­na­le con­tro l’omolesbobitransfobia del­la rete READY. Pur­trop­po sono anco­ra casi iso­la­ti, infat­ti, basti pen­sa­re che in Ita­lia il Caglia­ri è sta­to l’unico club di Serie A a scen­de­re in cam­po con i colo­ri arco­ba­le­no per dire basta all’omolesbobitransfobia nel cal­cio il 17 mag­gio scor­so duran­te la Gior­na­ta inter­na­zio­na­le con­tro l’omotransfobia. Que­sta tota­le man­can­za di sup­por­to da par­te dei club ita­lia­ni più bla­so­na­ti è com­pen­sa­ta dal­la pre­sen­za di squa­dre di cal­cio ama­to­ria­le com­ple­ta­men­te inclu­si­ve dove la diver­si­ty è vista come un valo­re aggiun­to e non un peri­co­lo, come i Romei o la Phoe­nix a Roma e gli Outsi­ders a Mila­no, tut­te squa­dre gay e inclusive.

Nel cor­so degli anni ci sono sta­ti spo­ra­di­ci coming out come quel­li del­lo sta­tu­ni­ten­se Rob­bie Rogers, del­lo sve­de­se Anton Hysén e l’italiano Rosa­rio Coco, che è anche il fon­da­to­re del­la squa­dra gay di cal­cio a 5 Lupi Roma Outsport.

Attual­men­te chi fa coming out o non gio­ca più o sta in cam­pio­na­ti mino­ri. Il cal­cio pro­fes­sio­ni­sti­co dei gran­di club non è anco­ra pron­to, ma la cosa che è anco­ra più pre­oc­cu­pan­te è che tut­ti fan­no fin­ta di nien­te e nes­su­no ne par­la, igno­ran­do in que­sto modo la sof­fe­ren­za di chis­sà quan­ti gio­ca­to­ri costret­ti a vive­re la loro ses­sua­li­tà di nasco­sto qua­si fos­se una col­pa, come se ama­re un altro uomo fos­se banal­men­te una scel­ta sbagliata. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.