Congresso 2021, riconfermata Segretaria Beatrice Brignone con la mozione Parole d’onore

Alle 18.00 di venerdì 11 giugno si è chiusa la fase di votazione degli iscritti e delle iscritte per il congresso 2021 di Possibile. Terminata la fase di discussione nei comitati, si è aperto il voto online, che ha visto riconfermata Segretaria Beatrice Brignone con la mozione "Parole d'Onore".

Alle 18.00 di vener­dì 11 giu­gno si è chiu­sa la fase di vota­zio­ne degli iscrit­ti e del­le iscrit­te per il con­gres­so 2021 di Pos­si­bi­le. Ter­mi­na­ta la fase di discus­sio­ne nei comi­ta­ti, si è aper­to il voto onli­ne, che ha visto la mozio­ne “Paro­le d’o­no­re”, col­le­ga­ta alla can­di­da­tu­ra alla Segre­te­ria di Bea­tri­ce Bri­gno­ne, ave­re il 93,74 % dei voti favo­re­vo­li, men­tre l’a­sten­sio­ne è sta­ta del 6,26%. Si pro­cla­ma per­ciò Bea­tri­ce Bri­gno­ne la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co i mem­bri can­di­da­ti nel­le liste a suo soste­gno. A loro van­no i nostri miglio­ri augu­ri di buon lavo­ro, rin­gra­zian­do tut­te e tut­ti per la par­te­ci­pa­zio­ne, in par­ti­co­la­re i volon­ta­ri e volon­ta­rie che han­no reso pos­si­bi­le que­sto con­gres­so, rispon­den­do alle richie­ste e risol­ven­do ogni incon­ve­nien­te in modo da per­met­te­re a tut­te e tut­ti di par­te­ci­pa­re alla votazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.