L’Europa si muove a tutela dei diritti lgbtiq+, mentre l’Italia è ancora ferma al palo

Ancora una volta la spinta per proteggere i diritti fondamentali de* cittadin* europe* arriva dall’Europa, mentre a livello nazionale si fa spesso fatica ad affermare principi di pura civiltà che dovrebbero prescindere dal colore politico.

Il ver­ti­ce euro­peo del 24 e 25 giu­gno si è aper­to nel pie­no del­le ten­sio­ni crea­te dall’adozione del­la leg­ge unghe­re­se anti-LGB­TIQ con­tra­ria ai valo­ri fon­da­men­ta­li dell’UE e per que­sto fer­ma­men­te con­dan­na­ta dal­le isti­tu­zio­ni euro­pee e dai lea­der di 16 pae­si euro­pei in una let­te­ra con­giun­ta. Pri­ma anco­ra dell’adozione del dise­gno di leg­ge unghe­re­se, l’intergruppo LGBTI del Par­la­men­to euro­peo ave­va mani­fe­sta­to aper­ta­men­te le sue pre­oc­cu­pa­zio­ni sul carat­te­re discri­mi­na­to­rio del­le nuo­ve misu­re del gover­no di Vic­tor Orban, che in sostan­za assi­mi­la­no omo­ses­sua­li­tà a pedo­fi­lia. Fra l’altro, già l’11 mar­zo il Par­la­men­to euro­peo ave­va dichia­ra­to l’UE una ”Zona di liber­tà LGBTIQ”, pro­prio in rispo­sta all’ar­re­tra­men­to sui dirit­ti LGBTIQ in alcu­ni Pae­si UE, in par­ti­co­la­re in Polo­nia e Unghe­ria. Al cli­ma oscu­ran­ti­sta crea­to dal gover­no di Vic­tor Orban si è aggiun­to il divie­to del­la UEFA di illu­mi­na­re con i colo­ri arco­ba­le­no lo sta­dio di Mona­co di Bavie­ra in occa­sio­ne del­la par­ti­ta Ger­ma­nia-Unghe­ria del 23 giu­gno. Anche qui il Par­la­men­to euro­peo ha pron­ta­men­te deci­so di issa­re la ban­die­ra arco­ba­le­no all’en­tra­ta del­la sede di Bru­xel­les e negli uffi­ci nazio­na­li a segui­to del­la doman­da del­l’eu­ro­de­pu­ta­ta Ter­ry Rein­t­ke. Lo stes­so gior­no, sen­za mez­ze fra­si o giri di paro­le, si è espres­sa la pre­si­den­te del­la Com­mis­sio­ne euro­pea Ursu­la von der Leyen:

 “La leg­ge unghe­re­se è una ver­go­gna, discri­mi­na per­so­ne sul­la base dell’orientamento ses­sua­le va con­tro i valo­ri fon­da­men­ta­li del­la Ue. Noi non fare­mo com­pro­mes­si su que­sti prin­ci­pi. Uti­liz­ze­re­mo tut­ti i mez­zi giu­ri­di­ci del­la Com­mis­sio­ne euro­pea per assi­cu­ra­re che i dirit­ti di tut­ti i cit­ta­di­ni euro­pei sia­no garantiti”.

Poco pri­ma dell’inizio del con­si­glio euro­peo, i lea­der di 16 pae­si euro­pei, Ita­lia inclu­sa (meglio tar­di che mai!), han­no indi­riz­za­to una let­te­ra con­giun­ta ai pre­si­den­ti del Con­si­glio euro­peo, del Par­la­men­to euro­peo e del­la Com­mis­sio­ne euro­pea, sot­to­li­nean­do l’importanza del rispet­to dei dirit­ti fon­da­men­ta­li dei cit­ta­di­ni UE e dell’importanza di pro­teg­ge­re la comu­ni­tà LGBTIQ da qual­sia­si for­ma di discri­mi­na­zio­ne. Anche Chri­sta Sch­weng, pre­si­den­te del Comi­ta­to eco­no­mi­co e socia­le euro­peo ha “con­dan­na­to fer­ma­men­te” la leg­ge ungherese :

“qual­sia­si tipo di discri­mi­na­zio­ne, com­pre­sa la discri­mi­na­zio­ne basa­ta sul­l’o­rien­ta­men­to ses­sua­le del­le per­so­ne, va con­tro i valo­ri fon­da­men­ta­li del­l’UE. Que­sti valo­ri dovreb­be­ro esse­re garan­ti­ti a tut­ti i cit­ta­di­ni dell’UE”.

Insom­ma, anco­ra una vol­ta la spin­ta per pro­teg­ge­re i dirit­ti fon­da­men­ta­li de* cit­ta­din* euro­pe* arri­va dall’Europa, men­tre a livel­lo nazio­na­le si fa spes­so fati­ca ad affer­ma­re prin­ci­pi di pura civil­tà che dovreb­be­ro pre­scin­de­re dal colo­re poli­ti­co. Infat­ti in Ita­lia nel frat­tem­po la “sini­stra” (?!) sen­te la neces­si­tà di nego­zia­re col Vati­ca­no l’adozione del DDL Zan fina­liz­za­to a pro­teg­ge­re le per­so­ne da vio­len­ze di carat­te­re omo­tran­sfo­bi­co. Meno­ma­le che il pre­mier Mario Dra­ghi ha riba­di­to in modo chia­ro che l’Italia è uno Sta­to lai­co e che il suo ordi­na­men­to giu­ri­di­co con­tie­ne tut­te le garan­zie neces­sa­rie per rispet­ta­re gli impe­gni inter­na­zio­na­li, fra cui il Con­cor­da­to. Coe­ren­te inve­ce Gior­gia Melo­ni che si schie­ra con­tro i dirit­ti de* cit­tan­din* LGBTIQ (anche ita­lian* quin­di!) andan­do a cena con il suo allea­to poli­ti­co Vic­tor Orban pro­prio la sera pri­ma del ver­ti­ce euro­peo. Del resto quel­la con­tro i dirit­ti fon­da­men­ta­li è l’unica posi­zio­ne chia­ra di Fra­tel­li d’Italia a livel­lo euro­peo, in cui il par­ti­to si pro­nun­cia soli­ta­men­te in modo ambi­guo o del tut­to con­trad­dit­to­rio. Come sot­to­li­nea il por­ta­vo­ce nazio­na­le di Pos­si­bi­le-LGB­TI Gian­mar­co Capo­gna, men­tre la Sot­to­se­gre­ta­ria bel­ga alle Pari Oppor­tu­ni­tà Sarah Schli­tz espri­me soste­gno al DDL Zan con­si­de­ran­do­lo una leg­ge corag­gio­sa, la Mini­stra ita­lia­na Ele­na Bonet­ti da mesi chie­de ampie con­ver­gen­ze tra­sver­sa­li.

In que­sto sce­na­rio arre­tra­to e deso­lan­te, Pos­si­bi­le si è da sem­pre mobi­li­ta­to per con­tra­sta­re l’omotransfobia in modo chia­ro net­to, e per que­sto insi­ste per­chè il DDL Zan ven­ga adot­ta­to subi­to. Anzi sia­mo già in ritardo !

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.