scuola

image1

29 Apr: La #Quarantenadeipiccoli

Lo hanno notato in molti dopo l’ultima conferenza stampa del Presidente del Consiglio: bambini e bambine, ragazzi e ragazze, sono scomparsi dall’orizzonte del Governo per mesi. Sempre utili quando si tratta di fare un po’ di retorica sul “futuro del Paese”, spariscono quando si rendono necessarie complessità e attenzione per affrontare la loro situazione in modo incisivo.

  •  
  •  
  •  
  •  
maturità

18 Apr: Maturità: tutte le incertezze ai tempi del Coronavirus

L’esperienza dell’Esame di Stato, che è sempre stata tramandata per generazioni, si blocca nel 2020, e noi saremo per sempre ricordati come “i maturandi ai tempi covid-19”. Ci sono da porre alcune domande alla Ministra Azzolina perchè per noi maturandi e per i docenti, questi sono tempi difficili. 

  •  
  •  
  •  
  •  
scuola studenti

16 Apr: Riapertura del Paese: la scuola deve essere al centro

Forse è il momento di dire che non si può pensare alla scuola come un mondo a sé, la scuola riguarda tutto, dalla conciliazione dei tempi di lavoro delle famiglie alla mobilità, dai cambiamenti sociali a quelli infrastrutturali, passando per l’ampliamento delle diseguaglianze che si sta verificando con l’emergenza Coronavirus.

  •  
  •  
  •  
  •  
Schermata 2019-11-12 alle 16.16.45

24 Mar: La possibilità di studiare tra i bisogni essenziali

In un momento in cui si continua a lasciare aperte fabbriche e aziende non essenziali, e si discute di “essenzialità” e “funzionalità”, la reperibilità dei libri di testo andrebbe garantita (allestendo sistemi di spedizione sicuri per lavoratori e lavoratrici coinvolti in ogni passaggio) in quanto beni non meramente funzionali, ma indispensabili per l’istruzione, per consentire a tutti e a tutte la fruizione di un diritto costituzionale riconosciuto anche degli ultimi DPCM, il diritto allo studio.

  •  
  •  
  •  
  •  
caccia

17 Feb: La caccia va abolita, non insegnata nelle scuole

Fa rabbrividire l’ultima “sparata” (è il caso di dirlo) dell’assessora veneta all’Istruzione Elena Donazzan che nei giorni scorsi, alla fiera di Vicenza Hit Show, si è detta favorevole all’insegnamento dell’”arte venatoria” nelle scuole, o almeno alla sua promozione.

  •  
  •  
  •  
  •  
base scuola

31 Mag: Gli insegnanti non sono criminali

La Commissione Lavori Pubblici e Ambiente del Senato ha approvato un emendamento bipartisan al decreto Sblocca Cantieri a firma di Lega, M5s, Pd e Forza Italia che prevede l’installazione delle telecamere in tutte le aule delle scuole di infanzia statali e paritarie e nelle case di cura.

  •  
  •  
  •  
  •  
regioni italia

07 Feb: Autonomia differenziata: no alla “secessione dei ricchi”

Durante il Consiglio dei Ministri dello scorso 21 dicembre, senza che fosse mai stato aperto il  necessario dibattito né col mondo della scuola né con l’opinione pubblica, si è deciso di proseguire il percorso verso l’autonomia differenziata iniziato un anno fa sotto il governo Gentiloni: entro il 15 febbraio il governo chiuderà le intese con il Veneto, la Lombardia e l’Emilia Romagna, che si stanno svolgendo nel più assoluto riserbo.

  • 182
  •  
  •  
  •  
base scuola

26 Gen: Il paradosso del cellulare

Da animatore digitale e docente in prima linea da anni per l’uso della tecnologia in classe, ho letto con molta perplessità e non poca preoccupazione ieri su “Il Messaggero” un articolo secondo il quale in Commissione Cultura alla Camera è stata avanzata la proposta di bandire l’uso del cellulare a scuola, addirittura ventilando l’ipotesi di far depositare i cellulari presso la segreteria. Mi sono chiesta se in Commissione ci siano persone esperte dell’organizzazione quotidiana di una scuola, perché già sento gli ululati provenire dalle segreterie didattiche di tutto lo Stivale.

  • 112
  •  
  •  
  •  
base scuola

02 Gen: Con questo governo la scuola cambia in peggio, mobilitiamoci tutti

“Seguire i soldi” è sempre la via maestra, nella lotta alla mafia come in politica o nella vita quotidiana, per capire quali sono i veri scopi delle persone. Per questo governo, i soldi si spostano non verso la scuola, ma lontano da essa: nei prossimi 3 anni ci saranno 4 miliardi di euro in meno per l’istruzione e – cosa più grave – 1,3 miliardi di essi verranno tolti ai fondi per il sostegno ed il supporto agli alunni con Bisogni Educativi Speciali.

  • 154
  •  
  •  
  •