La possibilità di studiare tra i bisogni essenziali

In un momento in cui si continua a lasciare aperte fabbriche e aziende non essenziali, e si discute di “essenzialità” e “funzionalità”, la reperibilità dei libri di testo andrebbe garantita (allestendo sistemi di spedizione sicuri per lavoratori e lavoratrici coinvolti in ogni passaggio) in quanto beni non meramente funzionali, ma indispensabili per l’istruzione, per consentire a tutti e a tutte la fruizione di un diritto costituzionale riconosciuto anche degli ultimi DPCM, il diritto allo studio.
#

L’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri ha sancito, giustamente, la sospensione di tutte le attività produttive e professionali non ritenute necessarie, a tutela della salute pubblica, nonostante ciò sia avvenuto con notevole ritardo ed in maniera insufficiente.

Nel campo dell’istruzione, i ministeri di Scuola e Università hanno attivato la modalità telematica della didattica a distanza, e di ciò tutti noi studenti siamo grati, nonostante i disagi che la frequenza dei corsi da casa possono causare. Siamo ben felici di farci carico, come tutti, di questo impegno per tutelare la salute nostra e dell’intera comunità.

Quanto disposto, però, deve garantire alcuni strumenti essenziali per non pregiudicare il diritto allo studio, quelli di cui non si può fare a meno per poter proseguire il proprio percorso di studi, per approfondire e capire quanto appreso durante le lezioni, per effettuare un’analisi individuale dei temi trattati: i libri di testo.

Bisogna evitare che le restrizioni imposte a studenti e studentesse, come a tutti gli altri cittadini, li penalizzino eccessivamente rispetto ai loro colleghi, passati e futuri, che non hanno vissuto e non vivranno questa situazione straordinaria, e per far ciò occorre dar loro modo di reperire i testi che trattano le discipline studiate.

Questi, ovviamente, non sono più acquistabili nelle librerie, nelle cartolibrerie e negli altri negozi tradizionali e sono stati, fino a due giorni fa, disponibili solamente attraverso tutte le piattaforme online di e-commerce. Ora, queste hanno iniziato a porre forti limitazioni nelle consegne, in particolare su alcuni beni non ritenuti indispensabili per i consumatori.

La homepage di Amazon Italia recita: “Stiamo dando priorità ai prodotti di cui i clienti hanno più bisogno. Alcuni articoli potrebbero non essere disponibili.”

Quella di libreriauniversitaria.it: “In ottemperanza alle disposizioni del Dpcm, le spedizioni sono sospese almeno fino al 6 aprile 2020”.

Lo stesso avviene in moltissimi altri casi, pregiudicando la disponibilità dei libri di testo. In un momento in cui si continua a lasciare aperte fabbriche e aziende non essenziali, e si discute di “essenzialità” e “funzionalità”, la reperibilità dei libri di testo andrebbe garantita (allestendo sistemi di spedizione sicuri per lavoratori e lavoratrici coinvolti in ogni passaggio) in quanto beni non meramente funzionali, ma indispensabili per l’istruzione, per consentire a tutti e a tutte la fruizione di un diritto costituzionale riconosciuto anche degli ultimi DPCM, il diritto allo studio.

Andrea Benedetti

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati