La possibilità di studiare tra i bisogni essenziali

In un momento in cui si continua a lasciare aperte fabbriche e aziende non essenziali, e si discute di “essenzialità” e “funzionalità”, la reperibilità dei libri di testo andrebbe garantita (allestendo sistemi di spedizione sicuri per lavoratori e lavoratrici coinvolti in ogni passaggio) in quanto beni non meramente funzionali, ma indispensabili per l’istruzione, per consentire a tutti e a tutte la fruizione di un diritto costituzionale riconosciuto anche degli ultimi DPCM, il diritto allo studio.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]L’ultimo Decre­to del Pre­si­den­te del Con­si­glio dei Mini­stri ha san­ci­to, giu­sta­men­te, la sospen­sio­ne di tut­te le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve e pro­fes­sio­na­li non rite­nu­te neces­sa­rie, a tute­la del­la salu­te pub­bli­ca, nono­stan­te ciò sia avve­nu­to con note­vo­le ritar­do ed in manie­ra insuf­fi­cien­te.

Nel cam­po dell’istruzione, i mini­ste­ri di Scuo­la e Uni­ver­si­tà han­no atti­va­to la moda­li­tà tele­ma­ti­ca del­la didat­ti­ca a distan­za, e di ciò tut­ti noi stu­den­ti sia­mo gra­ti, nono­stan­te i disa­gi che la fre­quen­za dei cor­si da casa pos­so­no cau­sa­re. Sia­mo ben feli­ci di far­ci cari­co, come tut­ti, di que­sto impe­gno per tute­la­re la salu­te nostra e dell’intera comunità.

Quan­to dispo­sto, però, deve garan­ti­re alcu­ni stru­men­ti essen­zia­li per non pre­giu­di­ca­re il dirit­to allo stu­dio, quel­li di cui non si può fare a meno per poter pro­se­gui­re il pro­prio per­cor­so di stu­di, per appro­fon­di­re e capi­re quan­to appre­so duran­te le lezio­ni, per effet­tua­re un’analisi indi­vi­dua­le dei temi trat­ta­ti: i libri di testo.

Biso­gna evi­ta­re che le restri­zio­ni impo­ste a stu­den­ti e stu­den­tes­se, come a tut­ti gli altri cit­ta­di­ni, li pena­liz­zi­no ecces­si­va­men­te rispet­to ai loro col­le­ghi, pas­sa­ti e futu­ri, che non han­no vis­su­to e non vivran­no que­sta situa­zio­ne straor­di­na­ria, e per far ciò occor­re dar loro modo di repe­ri­re i testi che trat­ta­no le disci­pli­ne studiate.

Que­sti, ovvia­men­te, non sono più acqui­sta­bi­li nel­le libre­rie, nel­le car­to­li­bre­rie e negli altri nego­zi tra­di­zio­na­li e sono sta­ti, fino a due gior­ni fa, dispo­ni­bi­li sola­men­te attra­ver­so tut­te le piat­ta­for­me onli­ne di e‑commerce. Ora, que­ste han­no ini­zia­to a por­re for­ti limi­ta­zio­ni nel­le con­se­gne, in par­ti­co­la­re su alcu­ni beni non rite­nu­ti indi­spen­sa­bi­li per i consumatori.

La home­pa­ge di Ama­zon Ita­lia reci­ta: “Stia­mo dan­do prio­ri­tà ai pro­dot­ti di cui i clien­ti han­no più biso­gno. Alcu­ni arti­co­li potreb­be­ro non esse­re disponibili.”

Quel­la di libreriauniversitaria.it: “In ottem­pe­ran­za alle dispo­si­zio­ni del Dpcm, le spe­di­zio­ni sono sospe­se alme­no fino al 6 apri­le 2020”.

Lo stes­so avvie­ne in mol­tis­si­mi altri casi, pre­giu­di­can­do la dispo­ni­bi­li­tà dei libri di testo. In un momen­to in cui si con­ti­nua a lascia­re aper­te fab­bri­che e azien­de non essen­zia­li, e si discu­te di “essen­zia­li­tà” e “fun­zio­na­li­tà”, la repe­ri­bi­li­tà dei libri di testo andreb­be garan­ti­ta (alle­sten­do siste­mi di spe­di­zio­ne sicu­ri per lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci coin­vol­ti in ogni pas­sag­gio) in quan­to beni non mera­men­te fun­zio­na­li, ma indi­spen­sa­bi­li per l’istruzione, per con­sen­ti­re a tut­ti e a tut­te la frui­zio­ne di un dirit­to costi­tu­zio­na­le rico­no­sciu­to anche degli ulti­mi DPCM, il dirit­to allo studio.

Andrea Benedetti[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.