La pandemia non è uguale per tutte

Siamo, non tutti, ma molti, confinati in casa (per chi ce l’ha) dietro porte chiuse. Ma non lasciamoci tentare dal pensiero che chiudere una porta basti a chi è dentro per sentirsi al sicuro, o basti agli altri per non vedere, non sapere. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Nem­me­no la pan­de­mia è ugua­le per tut­ti, come abbia­mo avu­to modo di con­sta­ta­re fin dai pri­mi giorni.

Soprat­tut­to, non è ugua­le per tutte. 

Ecco per­ché abbia­mo biso­gno di un approc­cio fem­mi­ni­sta e di gene­re alle misu­re di con­te­ni­men­to del virus e alla pia­ni­fi­ca­zio­ne del futuro. 

Sia­mo pas­sa­ti in pochi gior­ni dall’essere cir­con­da­ti da augu­ri di un velo­ce ritor­no alla nor­ma­li­tà, ad ascol­ta­re chi ci fa nota­re che in quel­la nor­ma­li­tà non c’è pro­prio nien­te di nor­ma­le, e che il vero augu­rio è quel­lo di impa­ra­re la lezio­ne che ci sta impar­ten­do que­sta emer­gen­za, sul­la sani­tà, sul­la pre­ca­rie­tà, sul­la soli­tu­di­ne, sul­la malat­tia. Sul lavo­ro e l’istruzione. Sul­la sicu­rez­za, quel­la eco­no­mi­ca, quel­la socia­le, quel­la che si cer­ca nei dro­ni e nell’esercito, che non sono tut­te ugua­li nem­me­no loro. 

Sul­le disu­gua­glian­ze, sem­pre loro. 

Sia­mo, non tut­ti, ma mol­ti, con­fi­na­ti in casa (per chi ce l’ha) die­tro por­te chiu­se. Ma non lascia­mo­ci ten­ta­re dal pen­sie­ro che chiu­de­re una por­ta basti a chi è den­tro per sen­tir­si al sicu­ro, o basti agli altri per non vede­re, non sapere. 

Ci sono le vio­len­ze dome­sti­che, gli abu­si in fami­glia. Quel­li che van­no avan­ti da tem­po, e quel­li nuo­vi di zec­ca, inne­sca­ti o aggra­va­ti dal­la con­vi­ven­za con­ti­nua­ti­va e for­za­ta, dal ner­vo­si­smo e dal­la pau­ra. La pri­va­cy si ridu­ce, come la pos­si­bi­li­tà di chie­de­re aiu­to. Lo ha spie­ga­to a Repub­bli­ca Elia­na D’A­sco­li, psi­co­lo­ga del Tele­fo­no Rosa: “A vol­te fac­cio fati­ca per­si­no a sen­tir­le per il rumo­re che crea­no pur non far­si sen­ti­re dal­l’uo­mo. Rice­vo tele­fo­na­te anche di figli che denun­cia­no le vio­len­ze subi­te dal­la madre o che subi­sco­no in pri­ma per­so­na dal padre, a vol­te anche indi­ret­ta­men­te per­ché inter­ven­go­no nel­le liti per pro­teg­ge­re la don­na”. In que­sto momen­to è più impor­tan­te che mai dif­fon­de­re il nume­ro nazio­na­le dei cen­tri anti­vio­len­za 1522, che è sem­pre atti­vo e che può aiu­ta­re anche in que­sto momen­to: anche se non si può usci­re, non è proi­bi­to fug­gi­re. Que­ste don­ne e que­sti bam­bi­ni non andran­no lascia­ti soli, duran­te e dopo l’emergenza: i fon­di per i cen­tri anti­vio­len­za, per le vit­ti­me di vio­len­za e per i pro­gram­mi di edu­ca­zio­ne all’empatia ed emo­ti­va sono neces­sa­ri e van­no garan­ti­ti e potenziati.

Cam­pa­gna di Anarkikka

C’è il lavo­ro dome­sti­co, che con le fami­glie costret­te a casa aumen­ta, e diven­ta più com­pli­ca­to da gesti­re, con la dif­fi­col­tà a orga­niz­za­re le usci­te neces­sa­rie, gli ora­ri e la cura dei bam­bi­ni a casa per via del­le scuo­le chiu­se, la neces­si­tà di ade­guar­si alla didat­ti­ca a distan­za. Che, per inci­so, nem­me­no quel­la è ugua­le per tut­ti, anzi: la chiu­su­ra del­le scuo­le fa emer­ge­re anco­ra di più le dif­fe­ren­ze fra gli stu­den­ti. Insom­ma, si aggra­va non solo la mole di lavo­ro, ma anche il “cari­co men­ta­le”, cioè la costan­te atti­vi­tà di pia­ni­fi­ca­zio­ne del­le atti­vi­tà dome­sti­che che è anco­ra, in trop­pi casi, total­men­te a cari­co del­le don­ne. E si intrec­cia e sovrap­po­ne con il tele­la­vo­ro, nel caso gli adul­ti lo stia­no svol­gen­do da casa.

C’è il lavo­ro di cura, che met­te soprat­tut­to le don­ne a rischio di con­ta­gio e di stress emo­ti­vo. Sia in fami­glia, sia per quan­to riguar­da le pro­fes­sio­ni. In Ita­lia, il 66,8 del per­so­na­le del Ser­vi­zio Sani­ta­rio Nazio­na­le è com­po­sto da don­ne. Medi­ci e infer­mie­ri lavo­ra­no in con­di­zio­ni estre­ma­men­te a rischio (quan­do abbia­mo chie­sto di inviar­ci le vostre testi­mo­nian­ze riguar­do alla sicu­rez­za sul lavo­ro, le pri­me ad arri­va­re sono sta­te pro­prio quel­le pro­ve­nien­ti dagli ospe­da­li). Anche se i dati sul coro­na­vi­rus sem­bra­no dir­ci che il tas­so di mor­ta­li­tà nel­le don­ne sareb­be sen­si­bil­men­te più bas­so rispet­to a quel­lo degli uomi­ni, l’esposizione resta altis­si­ma, così come il peso emo­ti­vo e psi­co­lo­gi­co e le sue con­se­guen­ze in ter­mi­ni di salu­te mentale.

C’è la dispa­ri­tà di retri­bu­zio­ne, su cui è già sta­to dato l’al­lar­me dal­l’i­ni­zio del­l’e­mer­gen­za, ma su cui è neces­sa­rio ritor­na­re. Il cosid­det­to gen­der pay gap rischia di aumen­ta­re anco­ra per effet­to del­la pan­de­mia e del­le dif­fi­col­tà eco­no­mi­che che segui­ran­no. Le don­ne sono la mag­gio­ran­za anche nel set­to­re del turi­smo e del­la cul­tu­ra, un altro cam­po che sta suben­do dan­ni enor­mi dal pun­to di vista dei red­di­ti, anche per via dei rap­por­ti di lavo­ro, spes­so pre­ca­ri e meno strut­tu­ra­ti (auto­no­mi, par­ti­te iva, col­la­bo­ra­zio­ni di vario tipo: lavo­ra­to­ri e in mag­gio­ran­za lavo­ra­tri­ci che dall’inizio dell’emergenza non han­no nes­su­na entrata). 

Gli effet­ti eco­no­mi­ci, anche una vol­ta usci­ti dal­l’e­mer­gen­za imme­dia­ta, rischia­no di esse­re più pesan­ti sul­le spal­le del­le don­ne. Più spes­so impie­ga­te in posi­zio­ni meno paga­te, part-time o pre­ca­rie, i loro posti di lavo­ro sono quel­li a cui è più faci­le rinun­cia­re dal pun­to di vista del­l’e­co­no­mia fami­lia­re, e anche da quel­lo dei dato­ri di lavo­ro. Con­trat­ti meno soli­di le ren­do­no anche più vul­ne­ra­bi­li di fron­te a ridu­zio­ni di ora­rio, retri­bu­zio­ne, man­sio­na­men­to. Allo stes­so modo, chi dovrà entra­re o rien­tra­re al lavo­ro per­ché uno sti­pen­dio non è più suf­fi­cien­te si tro­ve­rà a far­lo in con­di­zio­ni di estre­ma ricat­ta­bi­li­tà e precarietà. 

Sen­za con­ta­re il fat­to che in situa­zio­ni di emer­gen­za o di cri­si la ten­den­za è a spo­sta­re l’at­ten­zio­ne da ciò che vie­ne con­si­de­ra­to “super­fluo” a ciò che inve­ce vie­ne per­ce­pi­to come di pri­ma­ria impor­tan­za. A livel­lo glo­ba­le, que­sto è un rischio enor­me per quel­lo che riguar­da le poli­ti­che di gene­re, spes­so già in affan­no dal pun­to di vista degli inve­sti­men­ti, uma­ni ed economici.

In que­ste set­ti­ma­ne è neces­sa­rio usa­re il tem­po a dispo­si­zio­ne non solo per gesti­re l’e­mer­gen­za, ma anche per pre­pa­rar­si ad affron­ta­re quel che ver­rà dopo, com­pre­sa l’ipotesi non così remo­ta che nuo­ve cri­si si pre­sen­ti­no. È un’oc­ca­sio­ne anche per stu­dia­re e rac­co­glie­re dati che con­sen­ta­no uno sguar­do di gene­re sul­le pan­de­mie, sul modo in cui impat­ta­no in modo diver­so a secon­da del­le disu­gua­glian­ze, a par­ti­re da quel­la di gene­re, anche dal pun­to di vista medi­co (la dif­fe­ren­za nel tas­so di mor­ta­li­tà, per esem­pio, che è già sta­ta nota­ta, o le con­se­guen­ze per le don­ne incin­te). Ma, come per ogni altra que­stio­ne, anche per que­sto è neces­sa­ria la volon­tà poli­ti­ca.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.