Pensare al dopo: un grande piano di respiro europeo

Ne sarebbe felice Keynes, di questa possibilità irripetibile di aumentare la spesa pubblica e investire in alcuni settori strategici dell’economia che garantiscano un effetto leva del PIL, che altro non è che un elevato ritorno degli investimenti pubblici sul valore totale della produzione. E senza aumentare il deficit, quando ci ricapita?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Tutti snoc­cio­la­no nume­ri, dati, per­cen­tua­li e trend che il gior­no dopo pos­so­no con­fer­ma­re o smen­ti­re quan­to det­to il gior­no pri­ma. Con la spe­ran­za che si tra­sfor­ma in pani­co, che si tra­sfor­ma in pau­ra, che ritor­na spe­ran­za. Fino all’abitudine.

Gli epi­de­mio­lo­gi, i medi­ci, gli infer­mie­ri, i volon­ta­ri: tut­to il per­so­na­le medi­co sani­ta­rio ci implo­ra di sta­re a casa, di chiu­de­re tut­to – inclu­si i tra­spor­ti pub­bli­ci – per impor­re un ral­len­ta­men­to signi­fi­ca­ti­vo all’avanzata dell’epidemia, men­tre tut­ti gli altri – lob­by degli indu­stria­li e degli impren­di­to­ri in pri­mis – ci stan­no rac­con­tan­do un’altra sto­ria.

Una nar­ra­zio­ne per cui stia­mo com­bat­ten­do una guer­ra da una trin­cea imma­gi­na­ria, in cui noi sia­mo più for­ti del­la pan­de­mia, che que­sto virus ci pie­ghe­rà ma non ci spez­ze­rà, e che usci­re­mo da que­sta situa­zio­ne sicu­ra­men­te cam­bia­ti, e deci­sa­men­te cam­bia­ti in meglio, gra­zie al sacri­fi­cio di tut­ti gli eroi che non si fer­ma­no per far vive­re il Pae­se. 

Una nar­ra­zio­ne che ha del­le vena­tu­re patriot­ti­che, dove l’onore sta sopra a tut­to, a par­ti­re dal buon­sen­so, che ci impor­reb­be, inve­ce, di smet­ter­la di trat­ta­re chi lavo­ra negli ospe­da­li come car­ne da macel­lo: per­ché con la scu­sa che sono degli eroi, li stia­mo immo­lan­do in nome del­la Nazio­ne, men­tre il com­pi­to del­la poli­ti­ca dovreb­be esse­re pro­teg­ger­li, tenen­do tut­ti gli altri den­tro casa. Chiu­den­do tut­to quel­lo che si può. Per­ché come abbia­mo det­to più vol­te nei gior­ni pas­sa­ti: pri­ma ci si fer­ma, pri­ma si riparte.

È noti­zia di qua­si 2 set­ti­ma­ne fa che la Com­mis­sio­ne UE, per boc­ca del­la sua Pre­si­den­tes­sa Ursu­la Von der Leyen, è dispo­sta a dare all’Italia tut­to quel­lo che chie­de. Ha addi­rit­tu­ra scrit­to una let­te­ra al Mini­stro Gual­tie­ri garan­ten­do mas­si­ma fles­si­bi­li­tà. Addi­rit­tu­ra, par­lan­do di “misu­re straor­di­na­rie, fuo­ri dal Pat­to” di Stabilità.

Un’occasione irri­pe­ti­bi­le per un rilan­cio com­ples­si­vo dell’economia: per­ché è pro­prio nel momen­to in cui tut­ti i Pae­si Mem­bri attra­ver­sa­no la stes­sa cri­si pro­dut­ti­va e di liqui­di­tà che nes­su­no può per­met­ter­si di spe­cu­la­re sui debi­ti altrui. 

E que­sta è la for­za dell’Unione, che ha la capa­ci­tà di espri­mer­si come mai pri­ma d’ora per sop­pe­ri­re alla debo­lez­za dei suoi mem­bri se pre­si sin­go­lar­men­te. 

E potreb­be esse­re anche l’occasione tan­to atte­sa dall’Italia per usci­re da una cri­si che dura da più di vent’anni.

Ne sareb­be feli­ce Key­nes, di que­sta pos­si­bi­li­tà irri­pe­ti­bi­le di aumen­ta­re la spe­sa pub­bli­ca e inve­sti­re in alcu­ni set­to­ri stra­te­gi­ci dell’economia che garan­ti­sca­no un effet­to leva del PIL, che altro non è che un ele­va­to ritor­no degli inve­sti­men­ti pub­bli­ci sul valo­re tota­le del­la pro­du­zio­ne. E sen­za aumen­ta­re il defi­cit, quan­do ci ricapita?

Per l’Italia è allo­ra arri­va­to il momen­to di met­te­re i sol­di in quei set­to­ri stra­te­gi­ci per ripar­ti­re quan­do l’emergenza sarà supe­ra­ta. 

Per poten­zia­re pri­ma di tut­to le strut­tu­re ospe­da­lie­re, ad esem­pio, ripen­san­do com­ples­si­va­men­te il siste­ma sani­ta­rio in un’otti­ca dif­fu­sa per garan­ti­re che la pros­si­ma vol­ta non ci fare­mo tro­va­re impre­pa­ra­ti. Anche per­ché la disce­sa sarà lun­ga, e i con­ta­gi non si fer­me­ran­no in un gior­no solo, di pun­to in bianco.

Inol­tre, ades­so che abbia­mo sdo­ga­na­to il lavo­ro a distan­za, lo Sta­to dovreb­be dare sup­por­to alle azien­de che voglio­no con­ti­nua­re, sup­por­tan­do la digi­ta­liz­za­zio­ne e tut­te le for­me di lavo­ro agi­le, le qua­li por­ta­no con sé con­si­de­re­vo­li dimi­nu­zio­ne del­le spe­se per l’azienda e degli impat­ti ambien­ta­li, a sup­por­to di una vera tran­si­zio­ne ecologica.

Si devo­no poi tute­la­re tut­te le for­me con­trat­tua­li e i lavo­ra­to­ri ati­pi­ci, trop­po spes­so dimen­ti­ca­ti e qua­si sem­pre i più col­pi­ti duran­te le fasi di cri­si eco­no­mi­ca, nel nostro caso una cri­si per­ma­nen­te. Potreb­be esse­re anche l’occasione di pren­de­re atto e por­re un fre­no a tut­te le dise­gua­glian­ze gene­ra­te dal mol­ti­pli­car­si di tan­te for­me con­trat­tua­li pri­vi di tute­le. 

E si devo­no inol­tre dare garan­zie ai lavo­ra­to­ri e alle impre­se col­pi­ti dal­le con­se­guen­ze del­la pan­de­mia: que­sto vuol dire risar­ci­men­to dei dan­ni eco­no­mi­ci pro­vo­ca­ti dal­la chiu­su­ra del­le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve, in modo che pos­sa­no ripar­ti­re una vol­ta supe­ra­ta l’emergenza. 

Ovvia­men­te, si dovrà pen­sa­re a un pia­no di distri­bu­zio­ne di que­ste som­me a par­ti­re da chi ha chiu­so nel rispet­to del­le nor­me sani­ta­rie e di buon­sen­so, per limi­ta­re le pos­si­bi­li­tà di con­ta­gio. Potrà aspet­ta­re chi ha mes­so a rischio sin­go­li lavo­ra­to­ri e, a cer­chi con­cen­tri­ci, la col­let­ti­vi­tà in gene­ra­le, in nome di un’accumulazione di ric­chez­za che non può ave­re una bat­tu­ta di arre­sto nean­che di fron­te alle camio­net­te dell’esercito che por­ta­no le vie le bare da una Ber­ga­mo dove non si sa più dove met­te­re i mor­ti. 

Per­ché non ci sal­ve­rà il sacri­fi­cio di qual­cu­no, ma quel­lo di tut­ti o di nes­su­no. Ci sal­ve­rà la soli­da­rie­tà e il rispet­to del­la vita degli altri, che altro non è che un modo di pro­teg­ge­re la nostra, di vita. 

Per­ché è chia­ro come il virus azze­ri le disu­gua­glian­ze, è sem­pre l’essere uma­no che ne crea. 

Di fron­te al Covid-19 sia­mo pro­prio tut­ti ugua­li. 

E sba­glia­mo, e tan­to, tan­to quan­do lascia­mo deci­de­re al pro­fit­to e a chi agi­sce in suo nome: per­ché colo­ro che pen­sa­no ad arric­chir­si sem­pre e comun­que dovreb­be­ro esse­re gli ulti­mi a pren­de­re qual­sia­si decisione.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.