Per il bene comune: la salute planetaria

Ha un suono diverso, adesso, sentirsi dire che dobbiamo fare un cambiamento repentino nel nostro modo di vivere se vogliamo evitare delle ripercussioni al lungo termine, vero?

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Gli ulti­mi mesi sono sta­ti e con­ti­nua­no ad esse­re mol­ti inten­si e dolo­ro­si. Que­sto “esse­re” invi­si­bi­le che stia­mo com­bat­ten­do ci coglie di sor­pre­sa per­ché non sap­pia­mo bene come com­por­tar­ci quan­do il nemi­co non si vede ad occhio nudo. Per la pri­ma vol­ta in decen­ni, il nostro pae­se si è dovu­to fer­ma­re per aiu­ta­re chi sta lavo­ran­do su vari fron­ti per scon­fig­ge­re que­sto micro­sco­pi­co nemi­co. Sia­mo sta­ti costret­ti a fer­mar­ci, a ral­len­ta­re, a tro­va­re solu­zio­ni alter­na­ti­ve, tut­to per il bene comu­ne. Ed è sul­la paro­la comu­ne che mi sono sof­fer­ma­ta a pen­sa­re in que­ste ulti­me settimane.

L’essere uma­no dipen­de oggi più di ieri dal bene comu­ne, dal­l’in­te­res­se comu­ne, dall’azione comu­ne. Infat­ti, il nostro mon­do è più inter­con­nes­so che mai e ora, che non ci pos­sia­mo muo­ve­re poi tan­to, ci ren­dia­mo con­to anco­ra di più di que­ste con­nes­sio­ni fisi­che o vir­tua­li, e del­la loro impor­tan­za. Con­ti­nuia­mo a ripe­te­re in que­sti gior­ni che quel­lo che stia­mo facen­do lo fac­cia­mo per gli altri, per aiu­ta­re gli altri, oltre che noi stessi. 

“Fon­da­men­tal­men­te, come esse­ri uma­ni, abbia­mo a cuo­re gli altri. Non avrem­mo mes­so in pie­di siste­mi sani­ta­ri se non ci impor­tas­se nul­la gli uni degli altri”, que­ste sono le paro­le pro­nun­cia­te da Richard Hor­ton, edi­to­re di Lan­cet, uno dei gior­na­li scien­ti­fi­ci più rino­ma­ti, in un video a sup­por­to dei pro­fes­sio­ni­sti sani­ta­ri che si era­no fat­ti arre­sta­re, lo scor­so otto­bre, per richia­ma­re l’attenzione del gover­no ingle­se sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e le loro diret­te impli­ca­zio­ni sul­la salu­te e il siste­ma sani­ta­rio. Quin­di sen­za dub­bio ci impor­ta degli altri, sen­za dub­bio la salu­te è una valo­re fon­da­men­ta­le. Come dice quel mot­to? “L’im­por­tan­te è che ci sia la salu­te”.

Abbia­mo impa­ra­to in que­ste set­ti­ma­ne che sia­mo por­ta­to­ri di una respon­sa­bi­li­tà ver­so gli altri e che le nostre azio­ni fan­no la dif­fe­ren­za. Si è par­la­to di respon­sa­bi­li­tà socia­le, cioè dob­bia­mo agi­re per il bene comu­ne, non solo per inte­res­se per­so­na­le. Solo attra­ver­so la tute­la del bene comu­ne, cioè la salu­te di tut­ti, pos­sia­mo ral­len­ta­re il pro­gre­di­re dell’epidemia, per­met­ten­do ai pro­fes­sio­ni­sti sani­ta­ri di fare il loro lavo­ro al meglio, nel­le attua­li circostanze.

Que­sto virus ci sta mostran­do che il bene comu­ne è la nostra prio­ri­tà, e ci sta anche mostran­do dove dob­bia­mo miglio­ra­re con­cre­ta­men­te se voglia­mo che la salu­te riman­ga, pas­sa­ta l’emergenza, la nostra prio­ri­tà. Per­ché come dice un altro mot­to “pre­ve­ni­re è meglio che cura­re”

La pri­ma cosa da fare è intro­dur­re l’educazione alla salu­te pub­bli­ca nel­le scuo­le e nei posti di lavo­ro. Non dovrem­mo aspet­ta­re una pan­de­mia per sape­re come pro­teg­ge­re noi stes­si e gli altri, capi­re qua­li sono le pro­ce­du­re che le auto­ri­tà seguo­no e l’importanza dell’azione di ogni sin­go­lo indi­vi­duo. Sia­mo par­ti di un ingra­nag­gio e ci dob­bia­mo muo­ve­re all’unisono per far­lo fun­zio­na­re. Ma se non sap­pia­mo nem­me­no di esse­re un ingra­nag­gio, o qua­le par­te costi­tuia­mo, come pos­sia­mo con­tri­bui­re al movimento?

Abbia­mo capi­to che sia­mo tut­ti con­nes­si e che dob­bia­mo agi­re insie­me per il bene comu­ne, ades­so dob­bia­mo solo appli­ca­re il con­cet­to anche su più lar­ga sca­la, per­ché salu­te è un ter­mi­ne ampio. Se non c’è la salu­te, non c’è eco­no­mia , non c’è cre­sci­ta, non c’è pro­gres­so. La salu­te dell’uomo dipen­de dal­la salu­te del pia­ne­ta. Dob­bia­mo ini­zia­re a par­la­re di salu­te con il ter­mi­ne salu­te pla­ne­ta­ria, per­ché fac­cia­mo par­te di un siste­ma com­ples­so dove tut­to inte­ra­gi­sce con tut­to. Se il siste­ma ter­ra per­de il suo sta­to di salu­te gli effet­ti saran­no diret­ti o indi­ret­ti sul­la nostra salute. 

Allo­ra la secon­da cosa fare è cam­bia­re la nar­ra­zio­ne, ini­zian­do a par­la­re di salu­te quan­do si par­la di cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. Ha un suo­no diver­so, ades­so, sen­tir­si dire che dob­bia­mo fare un cam­bia­men­to repen­ti­no nel nostro modo di vive­re se voglia­mo evi­ta­re del­le riper­cus­sio­ni al lun­go ter­mi­ne, vero? Pen­sia­mo anco­ra che non sia pos­si­bi­le, se a repen­ta­glio c’è la salu­te di tut­ti, il bene comu­ne? Nell’ultimo rap­por­to di Lan­cet sui cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e i loro effet­ti sul­la salu­te uma­na, pub­bli­ca­to nel novem­bre 2019, si dice «la vita di ogni bam­bi­no nato oggi sarà pro­fon­da­men­te influen­za­ta dai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci; i popo­li del mon­do dovran­no affron­ta­re più con­di­zio­ni cli­ma­ti­che estre­me, più insi­cu­rez­za dal pun­to di vista ali­men­ta­re e del­le fon­ti idri­che, cam­bia­men­ti nel­le dina­mi­che del­le malat­tie infet­ti­ve e un futu­ro meno cer­to»

I cam­bia­men­ti sono dif­fi­ci­li ma abbia­mo visto che sia­mo pron­ti a far­li se neces­sa­ri. Per il bene comu­ne, per la salu­te di tut­ti. Pron­ti a fare i pros­si­mi pas­si tut­ti insieme?

 

Gior­gia Dal­la Libe­ra Mar­chio­ri — ricer­ca­tri­ce nell’ambito del­le malat­tie infet­ti­ve e del­la salu­te glo­ba­le. Nel 2017 ha otte­nu­to un master in bio­me­di­ci­na alla Karo­lin­ska Insti­tu­tet, a Stoc­col­ma, con tesi sul­la mala­ria e, dall’aprile 2018, è assi­sten­te ricer­ca­to­re alla Lon­don School of Hygie­ne & Tro­pi­cal Medi­ci­ne di Lon­dra dove fa ricer­ca sul­la lesma­nio­si visce­ra­le in India. All’interno del­la Lon­don School, fa anche par­te di un grup­po chia­ma­to Pla­ne­ta­ry Health Net­work, per il qua­le orga­niz­za even­ti che si foca­liz­za­no sul­la con­nes­sio­ne tra salu­te uma­na e salu­te del pia­ne­ta. Inol­tre, Gior­gia è diret­tri­ce del­la ONG Swe­dish Orga­ni­za­tion for Glo­bal Health, che si occu­pa di fare edu­ca­zio­ne riguar­do alla salu­te pla­ne­ta­ria, svi­lup­pa­re pro­get­ti in col­la­bo­ra­zio­ne con orga­niz­za­zio­ni loca­li in pae­si come l’Uganda e dare oppor­tu­ni­tà a stu­den­ti e gio­va­ni pro­fes­sio­ni­sti di lavo­ra­re su pro­get­ti con­cre­ti e all’interno di una pic­co­la orga­niz­za­zio­ne no-pro­fit.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.