La sicurezza dei lavoratori non può essere lasciate alle autocertificazioni

Il Decre­to del Pre­si­den­te del Con­si­glio del 22 mar­zo scor­so ha pre­vi­sto la sospen­sio­ne del­le atti­vi­tà eco­no­mi­che non essen­zia­li, a decor­re­re da lune­dì 23 mar­zo fino al 3 apri­le. A tale decre­to si è arri­va­ti dopo diver­si gior­ni (set­ti­ma­ne?) di discus­sio­ne, con le due prin­ci­pa­li par­ti in cau­sa, Con­fin­du­stria, da un lato, sin­da­ca­ti, dal­l’al­tro, che rema­va­no in dire­zio­ni com­ple­ta­men­te oppo­ste. La media­zio­ne (com­pro­mes­so?) a cui si è giun­ti è sta­ta di dare ulte­rio­ri tre gior­ni, ossia fino a mer­co­le­dì 25, affin­ché le impre­se potes­se­ro ter­mi­na­re i pro­ces­si pro­dut­ti­vi in cor­so, e di aggiun­ge­re all’e­len­co del­le atti­vi­tà essen­zia­li, il cui svol­gi­men­to deve quin­di con­ti­nua­re, la cate­go­ria del­le “atti­vi­tà fun­zio­na­li” ad assi­cu­ra­re la con­ti­nui­tà del­le filie­re dei set­to­ri indi­ca­ti nel­la Tabel­la (alle­ga­to 1 del mede­si­mo D.P.C.M.), dei ser­vi­zi di pub­bli­ca uti­li­tà e dei ser­vi­zi essen­zia­li. Tale elen­co è sta­to poi leg­ger­men­te rivi­sto dal suc­ces­si­vo decre­to mini­ste­ria­le del 25 mar­zo. In pochi gior­ni, quin­di, deci­ne di miglia­ia di impre­se che svol­go­no atti­vi­tà non con­si­de­ra­te essen­zia­li dai recen­ti decre­ti gover­na­ti­vi, han­no comu­ni­ca­to ai vari Pre­fet­ti ita­lia­ni la volon­tà di pro­se­gui­re comun­que la pro­pria pro­du­zio­ne, auto­cer­ti­fi­can­do di ave­re impian­ti a ciclo con­ti­nuo o di far par­te del­le filie­re dei set­to­ri rite­nu­ti stra­te­gi­ci. Già per­ché, oltre­tut­to, la pro­ce­du­ra è quel­la del silen­zio-assen­so, per cui le impre­se che riten­go­no di esse­re fun­zio­na­li pro­se­guo­no, sen­za inter­ru­zio­ni, la loro atti­vi­tà pro­dut­ti­va, con il solo one­re di comu­ni­ca­re la pro­se­cu­zio­ne al Pre­fet­to. Si trat­ta di auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni per le qua­li non è pre­vi­sta alcu­na san­zio­ne nel caso sia­no infon­da­te e che, sino a quan­do saran­no vaglia­te dal­le Pre­fet­tu­re e even­tual­men­te dichia­ra­te non veri­tie­re, con­sen­to­no comun­que di ope­ra­re “legit­ti­ma­men­te” fino all’adozione dei prov­ve­di­men­ti di sospen­sio­ne. Il che pone non pochi pro­ble­mi anche sul pia­no orga­niz­za­ti­vo all’in­ter­no del­le Pre­fet­tu­re. Chi vaglia le auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni? In base a qua­li cri­te­ri un’at­ti­vi­tà è rite­nu­ta fun­zio­na­le o meno? Ci sono del­le linee gui­da o è tut­to lascia­to alla discre­zio­na­li­tà del­le sin­go­le Pre­fet­tu­re? In pro­vin­cia di Pisa, per esem­pio, sono per­ve­nu­te ben 700 auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni di pro­se­cu­zio­ne del­l’at­ti­vi­tà pro­dut­ti­va al Pre­fet­to, che ha inse­dia­to un grup­po di lavo­ro appo­si­to per il rela­ti­vo esa­me, com­po­sto, oltre che dal­la Pre­fet­tu­ra, da Came­ra di Com­mer­cio, Vigi­li del fuo­co e For­ze di Poli­zia. “Il Grup­po di lavo­ro si riu­ni­rà in video­con­fe­ren­za più vol­te al gior­no, valu­tan­do con la mas­si­ma atten­zio­ne le doman­de, ai fini dell’imprescindibile esi­gen­za di sal­va­guar­dia del­la salu­te pub­bli­ca e del­la con­ti­nui­tà dei pro­ces­si pro­dut­ti­vi, non­ché del­la garan­zia dei livel­li occu­pa­zio­na­li e del­le con­di­zio­ni di lavo­ro dei dipen­den­ti”, ha dichia­ra­to. Ma quan­to tem­po richie­de­rà il vaglio di cia­scu­na doman­da? E di tut­te le 700? Nel frat­tem­po, le per­so­ne lavo­ra­no e il virus cir­co­la… Que­sto è l’effetto dei prov­ve­di­men­ti del gover­no che, men­tre asse­ri­sce di voler assi­cu­ra­re il con­te­ni­men­to del con­ta­gio da Codiv-19 e la mas­si­ma tute­la del­la sicu­rez­za e del­la salu­te dei lavo­ra­to­ri, rischia di con­sen­ti­re a impren­di­to­ri poco eti­ci di pri­vi­le­gia­re la pro­pria pro­du­zio­ne alla salu­te comu­ne sem­pli­ce­men­te auto­di­chia­ran­do un qual­sia­si col­le­ga­men­to con le azien­de essen­zia­li e addi­rit­tu­ra, in ipo­te­si, anche a quel­le impre­se non fun­zio­na­li alla filie­ra alme­no fino ai con­trol­li del Pre­fet­to. Anche il pre­si­den­te di Con­fa­pi (Con­fe­de­ra­zio­ne ita­lia­na pic­co­la e media indu­stria pri­va­ta), Mau­ri­zio Casa­sco, si è det­to d’ac­cor­do col “fer­ma­re ogni atti­vi­tà non essen­zia­le per 7–10 gior­ni, come si fa in ago­sto”. Per que­sto è neces­sa­rio che il gover­no dispon­ga la revi­sio­ne in sen­so restrit­ti­vo dell’elenco del­le atti­vi­tà eco­no­mi­che clas­si­fi­ca­te come essen­zia­li e pro­ce­da, in ogni caso, all’a­bro­ga­zio­ne del­la let­te­ra d), del com­ma 1, dell’articolo 1 del D.P.C.M. 22 mar­zo che, con­sen­ten­do le atti­vi­tà di filie­ra, rischia di vani­fi­ca­re l’o­biet­ti­vo del­la sospen­sio­ne del­le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve e com­mer­cia­li non neces­sa­rie. I Pre­fet­ti devo­no pro­ce­de­re poi con estre­mo rigo­re e con la mas­si­ma cele­ri­tà alla veri­fi­ca del­le auto­cer­ti­fi­ca­zio­ni pre­sen­ta­te dal­le impre­se, appli­can­do restrit­ti­va­men­te la con­ces­sio­ne del­le dero­ghe in modo da pro­ce­de­re imme­dia­ta­men­te all’ef­fet­ti­va chiu­su­ra di tut­ti i luo­ghi di lavo­ro e di tut­te le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve indu­stria­li e com­mer­cia­li, con la sola esclu­sio­ne di quel­le che risul­ti­no effet­ti­va­men­te indi­spen­sa­bi­li. Nel­la loro atti­vi­tà di veri­fi­ca del­la veri­di­ci­tà e fon­da­tez­za del­le auto­di­chia­ra­zio­ni, i Pre­fet­ti devo­no inol­tre dare prio­ri­tà alle segna­la­zio­ni dei lavo­ra­to­ri, del­le orga­niz­za­zio­ni sin­da­ca­li e del­le RSU del­le azien­de auto­cer­ti­fi­ca­te­si par­te di una filie­ra fun­zio­na­le alle atti­vi­tà auto­riz­za­te dai D.P.C.M. Ogni atti­vi­tà non essen­zia­le deve esse­re infat­ti fer­ma­ta per con­te­ne­re il con­ta­gio e per non met­te­re a repen­ta­glio la tute­la del­la salu­te dei lavo­ra­to­ri e di tut­ti i cit­ta­di­ni.   Ema­nue­la Amen­do­la Fran­co Bianchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.