Le scelte da fare durante l’emergenza, per quando sarà finita

Poiché in questi giorni rimbalzano le metafore belliche, l'economia di guerra è proprio questa, è quella situazione in cui una fabbrica di pentole si mette a realizzare elmetti, il paragone con la nostra situazione quindi ci sta tutto.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]È di ieri l’ap­pel­lo di Ange­la Mer­kel alle indu­strie auto­mo­bi­li­sti­che per­ché con­ver­ta­no par­te del­le loro linee per pro­dur­re attrez­za­tu­re medi­ca­li neces­sa­rie a com­bat­te­re l’e­pi­de­mia, e tra le pri­me rispo­ste c’è sta­ta quel­la di Mer­ce­des. Poi­ché in que­sti gior­ni rim­bal­za­no le meta­fo­re bel­li­che, l’e­co­no­mia di guer­ra è pro­prio que­sta, è quel­la situa­zio­ne in cui una fab­bri­ca di pen­to­le si met­te a rea­liz­za­re elmet­ti, il para­go­ne con la nostra situa­zio­ne quin­di ci sta tutto.

Per esem­pio nel ter­ri­to­rio biel­le­se, che ha una tra­di­zio­ne tes­si­le più che seco­la­re, per quan­to oggi meno flo­ri­da, esi­ste da anni l’as­so­cia­zio­ne Tes­si­le e Salu­te, che riu­ni­sce impre­se all’a­van­guar­dia nel­la pro­du­zio­ne di tes­su­ti per uso medi­co e che già in que­sti gior­ni ha ini­zia­to con i suoi asso­cia­ti a lavo­ra­re alla pro­du­zio­ne di masche­ri­ne, un impe­gno a cui si sono uni­ti altri mar­chi che, andan­do oltre la tra­di­zio­ne lanie­ra, pro­du­co­no tes­su­ti tec­ni­ci. Nel­la vastis­si­ma media impre­sa ita­lia­na, lea­der mon­dia­le in set­to­ri del­la com­po­nen­ti­sti­ca, c’è anche il flo­ri­do com­par­to del­lo stam­pag­gio e del desi­gn indu­stria­le: in mol­ti han­no rilan­cia­to la noti­zia del­la star­tup che ha avu­to l’i­dea di rea­liz­za­re com­po­nen­ti per respi­ra­to­ri con le stam­pan­ti 3d, adat­tan­do­li poi a comu­ni masche­re da sub, ma le poten­zia­li­tà di quel set­to­re sono estre­ma­men­te rilevanti.

Sono que­sti sin­go­li esem­pi di una mobi­li­ta­zio­ne che al momen­to emer­ge poco, sopra­van­za­ta dai nume­ri quo­ti­dia­ni del­l’e­mer­gen­za, ma, come spie­ga­no gli esper­ti e come mol­ti cit­ta­di­ni ini­zia­no a sospet­ta­re, le restri­zio­ni di que­sti gior­ni non sono di per sé riso­lu­ti­ve, ser­vo­no ad abbas­sa­re la famo­sa cur­va e soprat­tut­to a pren­de­re tem­po, tem­po che va usa­to per attrez­zar­si meglio ad affron­ta­re quel­lo che ver­rà dopo. Tut­ti abbia­mo capi­to che non arri­ve­rà un gior­no in cui di pun­to in bian­co i decre­ti deca­do­no e ognu­no può comin­cia­re a fare quel­lo che si face­va pri­ma, per­ché anche con un nume­ro ridot­to di con­ta­gia­ti in cir­co­lo potrem­mo ritro­var­ci in emer­gen­za nel giro di poco. Per que­sto è mol­to impor­tan­te che, men­tre noi stia­mo a casa, que­ste set­ti­ma­ne sia­no uti­liz­za­te per attrez­za­re il Pae­se ad affron­ta­re quel che ver­rà dopo, com­pre­sa l’i­po­te­si non così remo­ta che nuo­ve cri­si si presentino.

Pren­dia­mo lo smart wor­king, e l’in­se­gna­men­to a distan­za: la ser­ra­ta ha col­to tut­ti alla sprov­vi­sta, e per ora si va avan­ti con la buo­na volon­tà e l’im­prov­vi­sa­zio­ne, in par­ti­co­la­re gli inse­gnan­ti. La stes­sa pub­bli­ca ammi­ni­stra­zio­ne, sul­la base di leg­gi esi­sten­ti da pri­ma del­l’e­pi­de­mia, dovreb­be già pre­ve­de­re per alme­no il 10 per cen­to degli impie­ga­ti gli stru­men­ti per svol­ge­re il cosid­det­to “lavo­ro agi­le”, che inve­ce man­ca­no com­ple­ta­men­te. Il tema è sta­to tra­scu­ra­to, in Ita­lia, for­se per impo­sta­zio­ne cul­tu­ra­le, ma oggi che è una scel­ta obbli­ga­ta abbia­mo sco­per­to che dopo­tut­to ebbe­ne sì, alcu­ni lavo­ri d’uf­fi­cio si pos­so­no gesti­re anche da remo­to: e se que­sto è vero, che sen­so avreb­be un doma­ni, con il ritor­no alla nor­ma­li­tà, tor­na­re ad affol­la­re le tan­gen­zia­li di auto in coda, non sareb­be inve­ce meglio con­sen­ti­re a tan­tis­si­mi che pos­so­no lavo­ra­re da remo­to di anda­re fisi­ca­men­te in uffi­cio solo per metà set­ti­ma­na? Da anni dicia­mo che è meglio inve­sti­re in auto­stra­de infor­ma­ti­che che in quel­le tra­di­zio­na­li e oggi, men­tre L’Eu­ro­pa chie­de a Net­flix di ridur­re il bitra­te per evi­ta­re il con­ge­stio­na­men­to del traf­fi­co onli­ne, for­se si ini­zia a capi­re perché.

Il tema digi­ta­le è cru­cia­le anche nel­la lot­ta al con­ta­gio. Si discu­te mol­to a pro­po­si­to del­l’u­so dei big data per il trac­cia­men­to del­l’in­fe­zio­ne: e a ognu­no di noi è capi­ta­to di cer­ca­re su inter­net un ogget­to e poi di veder­ne le inser­zio­ni nei gior­ni suc­ces­si­ve, que­sto per dire che i nostri dati sono già trac­cia­ti, e spes­so sen­za la nostra pie­na con­sa­pe­vo­lez­za. In Corea si è scel­to di rico­strui­re movi­men­ti e con­tat­ti di ogni per­so­na tro­va­ta posi­ti­va al virus, chie­den­do poi su base volon­ta­ria agli inte­res­sa­ti di instal­la­re un’app sul tele­fo­no in gra­do di tra­smet­te­re que­sti dati all’au­to­ri­tà sani­ta­ria, e la cit­ta­di­nan­za ha rispo­sto con gran­de dispo­ni­bi­li­tà, dimo­stran­do che non per for­za è neces­sa­rio affi­dar­si a ordi­nan­ze fra enti con­trap­po­sti e a sin­da­ci sce­rif­fi.

Cosa ser­ve, quin­di, nel­la pro­spet­ti­va di usci­re dal­l’e­mer­gen­za, cosa va fat­to ades­so, per gesti­re ciò che avver­rà dopo? Un pia­no sani­ta­rio nazio­na­le, intan­to, che vada oltre l’im­prov­vi­sa­zio­ne di ospe­da­li da cam­po, e che pun­ti a mol­ti­pli­ca­re i posti in tera­pia inten­si­va sul ter­ri­to­rio entro pochi mesi. Un pia­no indu­stria­le, che mobi­li­ti le azien­de, non solo quel­le che pos­so­no esse­re con­ver­ti­te alla pro­du­zio­ne di dispo­si­ti­vi di pro­te­zio­ne e mac­chi­na­ri medi­ca­li, ma anche i com­par­ti dei ser­vi­zi essen­zia­li: per­ché die­tro a un ali­men­to sul ban­co­ne di un super­mer­ca­to c’è una filie­ra com­ples­sa, che com­pren­de anche il con­fe­zio­na­men­to, la cate­na del fred­do, il tra­spor­to e la logi­sti­ca — oggi col­pi­ta più che mai pro­prio nel­la zona di Ber­ga­mo — fino ad arri­va­re ai com­mes­si che riem­pio­no lo scaf­fa­le, e che oggi sono in gran­de dif­fi­col­tà. Un pia­no digi­ta­le, di poten­zia­men­to del­le reti esi­sten­ti, e un accor­do qua­dro con gli ope­ra­to­ri di tele­fo­nia per la crea­zio­ne di pia­ni dati che con­sen­ta­no lo smart wor­king a chi non ha linee flat o fisse.

Tut­te cose che richie­do­no un’a­zio­ne imme­dia­ta, anche se meno evi­den­te di quel­la via decre­to che abbia­mo impa­ra­to a cono­sce­re, ma i cui risul­ta­ti si vedran­no a bre­ve, e saran­no altret­tan­to impor­tan­ti, for­se di più.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?