Troppo poco, troppo tardi

Il decre­to nel­la sua ver­sio­ne defi­ni­ti­va, fir­ma­ta da Con­te qua­si 24 ore dopo la pre­sen­ta­zio­ne di ieri not­te alla nazio­ne, con­tie­ne misu­re mol­to blan­de di con­te­ni­men­to dell’esposizione e del movi­men­to di lavo­ra­to­ri impe­gna­ti in mol­tis­si­mi set­to­ri, che riman­go­no anco­ra aper­ti. Alla boz­za di ieri si sono aggiun­te mol­te categorie.

Il decre­to “slit­ta” al 25, scri­ve­va Repub­bli­ca nel pome­rig­gio. In veri­tà la sua attua­zio­ne “slit­ta” al 26, per tut­te le azien­de anco­ra atti­ve. Dal 26 saran­no esen­ta­te dal­la chiu­su­ra le azien­de indi­ca­te, a cui si sono aggiun­ti oggi l’estrazione di car­bo­ne e di gas natu­ra­le, le atti­vi­tà dei ser­vi­zi di sup­por­to all’e­stra­zio­ne, la fab­bri­ca­zio­ne imbal­lag­gi in legno, la fab­bri­ca­zio­ne di mac­chi­ne per l’in­du­stria del­la pla­sti­ca, la ripa­ra­zio­ne e manu­ten­zio­ne instal­la­zio­ne di mac­chi­ne e appa­rec­chia­tu­re (tut­te, pri­ma era­no con­tem­pla­te solo alcu­ne cate­go­rie), le atti­vi­tà di puli­zia e disin­fe­zio­ne (tut­te, in pre­ce­den­za solo quel­le all’esterno), la ripa­ra­zio­ne e la manu­ten­zio­ne di com­pu­ter e peri­fe­ri­che, cel­lu­la­ri, elet­tro­do­me­sti­ci e arti­co­li per la casa, le atti­vi­tà di fami­glie e con­vi­ven­ze come dato­ri di lavo­ro per per­so­na­le dome­sti­co, le atti­vi­tà lega­li e con­ta­bi­li, le atti­vi­tà pro­fes­sio­na­li, scien­ti­fi­che e tec­ni­che, le atti­vi­tà di con­su­len­za gestio­na­le e di dire­zio­ne azien­da­le, le atti­vi­tà degli stu­di di archi­tet­tu­ra e di inge­gne­ria, tut­te le atti­vi­tà di tra­spor­to ter­re­stre e median­te con­dot­te, l’ingegneria civi­le, in tut­te le sue atti­vi­tà (nel­la pri­ma boz­za non era­no contemplate).

A ciò si aggiun­go­no i dipen­den­ti dell’amministrazione pub­bli­ca e del­la difesa.

Ci sia­mo con­fron­tan­ti con Enzo Di Sal­va­to­re, che precisa:

«Rias­su­mo quan­to pre­ve­de il DPCM fir­ma­to da Con­te poco fa:
— le atti­vi­tà che andreb­be­ro sospe­se (che dun­que non com­pa­io­no nell’allegato) van­no avan­ti comun­que fino al 25 marzo;
— le atti­vi­tà elen­ca­te nell’allegato pos­so­no con­ti­nua­re ad esse­re eser­ci­ta­te (un cen­ti­na­io e tra que­ste le atti­vi­tà estrat­ti­ve di car­bo­ne e le atti­vi­tà petrolifere);
— quel­le fun­zio­na­li alla filie­ra del­le atti­vi­tà con­sen­ti­te pure (e quin­di, per esem­pio, tut­ta la filie­ra petrolifera);
— quel­le rela­ti­ve a ser­vi­zi di pub­bli­ca uti­li­tà e a ser­vi­zi essen­zia­li pure, ma pre­via comu­ni­ca­zio­ne al pre­fet­to, che, tut­ta­via, se non doves­se rite­ner­le di pub­bli­ca uti­li­tà o essen­zia­li, può sospenderle;
— poi si aggiun­go­no le atti­vi­tà con­sen­ti­te da altri atti (come il DPCM dell’11 febbraio);
— a que­ste si aggiun­go­no quel­le espres­sa­men­te indi­vi­dua­te dal­lo stes­so DPCM fir­ma­to oggi e che sono ulte­rio­ri a quel­le pre­sen­ti nell’allegato: tra que­ste, anche quel­le che han­no impian­ti a ciclo pro­dut­ti­vo con­ti­nuo (come l’Ilva)».

Il tota­le dice che potran­no esse­re alme­no 3,5 milio­ni i lavo­ra­to­ri anco­ra impe­gna­ti, dal 20% al 25% dell’intera for­za lavo­ro del Pae­se ma le maglie lar­ghe potreb­be­ro far sali­re la quo­ta anche al 35–40%.

Le atti­vi­tà “fun­zio­na­li” alla “filie­ra” del­le atti­vi­tà espres­sa­men­te con­sen­ti­te in par­ti­co­la­re pos­so­no pro­se­gui­re con una sem­pli­ce comu­ni­ca­zio­ne al prefetto.

Una sor­ta di auto­cer­ti­fi­ca­zio­ne che atte­sta una con­di­zio­ne già defi­ni­ta in modo mol­to vago.
Vale la pena di pre­ci­sa­re che «fun­zio­na­le» non è indi­spen­sa­bi­le ma «rela­ti­vo a una fun­zio­ne, ine­ren­te alle fun­zio­ni eser­ci­ta­te da un soggetto».

Basta un qual­sia­si col­le­ga­men­to con le azien­de indi­ca­te dal decre­to per con­sen­ti­re la pro­se­cu­zio­ne e basta una comu­ni­ca­zio­ne per for­ma­liz­za­re la rego­la­ri­tà dell’attività. E, in ipo­te­si, anche sen­za il col­le­ga­men­to, fino al suc­ces­si­vo con­trol­lo da par­te del Pre­fet­to, anche un’attività non fun­zio­na­le è legittima.

Il dub­bio ulte­rio­re che si aggiun­ge è: tut­te le azien­de che resta­no aper­te sapran­no garan­ti­re sicu­rez­za ai lavo­ra­to­ri? Fino­ra non è acca­du­to in mol­ti, trop­pi casi.

Noi, anche dopo que­sto decre­to, insuf­fi­cien­te e con­di­zio­na­to dal­le pres­sio­ni e dai ricat­ti, con­ti­nuia­mo a insi­ste­re: ogni atti­vi­tà non essen­zia­le deve esse­re fer­ma­ta, esat­ta­men­te come è sta­to fat­to per atti­vi­tà com­mer­cia­li e altri ser­vi­zi, con i decre­ti pre­ce­den­ti. Si esce pre­sto se si esce tut­ti insie­me. Così — e non è un para­dos­so — rischia­mo di resta­re chiu­si a lun­go. E di far­ci mol­to male.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.