Prima ci si ferma, prima si riparte

Le Pic­co­le e Medie Impre­se costi­tui­sco­no oltre il 75% del tota­le del­le atti­vi­tà pro­dut­ti­ve sul ter­ri­to­rio nazio­na­le, pari a cir­ca 760mila azien­de. Chi por­ta avan­ti una pic­co­la impre­sa, maga­ri a con­du­zio­ne fami­lia­re — insie­me a lavo­ra­to­ri auto­no­mi e occa­sio­na­li – attra­ver­sa un momen­to mol­to dif­fi­ci­le, e sta mostran­do gran­di pre­oc­cu­pa­zio­ni per come le isti­tu­zio­ni stan­no gesten­do l’emergenza sani­ta­ria lega­ta al Covid-19. Quel­lo che risul­ta ormai chia­ro, è che dob­bia­mo pun­ta­re pri­ma di tut­to a non sovrac­ca­ri­ca­re il Siste­ma Sani­ta­rio Nazio­na­le, già al col­las­so nel­le pro­vin­ce più col­pi­te dall’epidemia, come Ber­ga­mo e Bre­scia ad esem­pio. Ed è anche chia­ro che l’unico modo per non arri­va­re al cedi­men­to del­le strut­tu­re sani­ta­rie è evi­ta­re il pro­pa­gar­si del con­ta­gio e con­te­ne­re il nume­ro dei posi­ti­vi al virus, al momen­to sem­pre in cre­sci­ta nel­le pro­vin­ce mag­gior­men­te col­pi­te. Per fare que­sto, le auto­ri­tà han­no dispo­sto un regi­me di qua­ran­te­na che fa acqua da tut­te le par­ti. La “qua­ran­te­na-pro­ro­ga”, la pos­sia­mo chia­ma­re: un cir­cui­to grot­te­sco in cui il Pre­si­den­te del Con­si­glio ogni gior­no fir­ma un decre­to che inclu­de qual­che limi­ta­zio­ne in più rispet­to a quel­lo fir­ma­to il gior­no pri­ma, ma mai abba­stan­za accu­ra­to per otte­ne­re risul­ta­ti effi­ca­ci in un perio­do di tem­po che con­sen­ti­reb­be di non met­te­re in ginoc­chio le cate­go­rie sopra cita­te. Per­ché allo­ra, for­se, sareb­be meglio un loc­k­do­wn seve­ro ma limi­ta­to nel tem­po, anzi­ché insi­ste­re nel tene­re aper­to quel­lo che – ine­vi­ta­bil­men­te – pri­ma o dopo chiu­de­rà, e maga­ri non a cau­sa del virus. E for­se sareb­be meglio che le impre­se chiu­des­se­ro per rispet­ta­re una qua­ran­te­na di un mese anzi­ché anna­spa­re per 2,3,4 mesi, fino a quan­do la situa­zio­ne non sarà più soste­ni­bi­le dal pun­to di vista eco­no­mi­co. E visto che tut­ti si pre­oc­cu­pa­no di ripar­ti­re, dovrem­mo anche chie­der­ci come, non solo quan­do. È meglio chiu­de­re tut­to il pos­si­bi­le per poco tem­po, con­cen­tran­do così i sacri­fi­ci in un perio­do con­te­nu­to? oppu­re voglia­mo con­ti­nua­re nell’ignavia rischian­do di taglia­re fuo­ri inte­re atti­vi­tà per un perio­do di tem­po più lun­go e – for­se – in modo irre­ver­si­bi­le? Per­ché dopo un mese, con qual­che sol­do da par­te, si pos­so­no anco­ra tene­re in pie­di le cose. Ma più a lun­go dure­rà que­sto stil­li­ci­dio, più i pic­co­li impren­di­to­ri saran­no sopraf­fat­ti, e for­se più di qual­cu­no sarà rima­sto trop­po indie­tro per poter­si per­met­te­re di rico­min­cia­re daccapo. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.