La parola d’ordine è sempre la stessa: chiudere ciò che non è essenziale

È com­pren­si­bi­le che in un momen­to di for­tis­si­ma cri­si, come quel­lo che stia­mo viven­do, si sen­ta istin­ti­va­men­te il biso­gno di sta­re dal­la par­te del Gover­no. Per sen­tir­si par­te del­la solu­zio­ne e non del pro­ble­ma, o anche solo per­ché si pre­fe­ri­sce pen­sa­re che la nostra salu­te, la nostra sicu­rez­za e il nostro benes­se­re sono in mano a per­so­ne esper­te che san­no cosa stan­no facendo.

Se fan­no così, un moti­vo ci sarà”, è il man­tra che ci ripe­tia­mo e che ci si aspet­ta che tut­ti deb­ba­no ripetere.

Ma pro­via­mo a fare un pic­co­lo eser­ci­zio di astrazione.

Pro­via­mo a imma­gi­na­re un luo­go in cui c’è la più gros­sa cri­si sani­ta­ria da cen­to anni.

Pro­via­mo a imma­gi­na­re che que­sta cri­si ven­ga pri­ma sot­to­va­lu­ta­ta, a col­pi di sel­fie e di aper­ti­vi.

E che poi ven­ga, final­men­te, affron­ta­ta, con voci discor­dan­ti a ogni livel­lo isti­tu­zio­na­le, con liti­gi a mez­zo social tra quel­li che dovreb­be­ro esse­re i miglio­ri scien­zia­ti di quel pae­se. Con le accu­se agli unto­ri stra­nie­ri in tv. Con le diret­te Face­book (con o sen­za masche­ri­na) che si sosti­tui­sco­no alla nor­ma­le dia­let­ti­ca politica.

E poi, via via, con il ricor­so a una sor­ta di “stil­li­ci­dio del­la decre­ta­zio­ne d’urgenza”, in cui il capo di un ese­cu­ti­vo già non pro­pria­men­te bril­lan­te comin­cia a ema­na­re — sen­za alcun pas­sag­gio for­ma­le con il Par­la­men­to e con la Pre­si­den­za del­la Repub­bli­ca -  edit­ti impre­ci­si, mal scrit­ti, dall’intento non par­ti­co­lar­men­te chia­ro. Que­sto tut­ti i gior­ni pari. I gior­ni dispa­ri, lo stes­so ese­cu­ti­vo si pro­di­ga a dare spie­ga­zio­ni su quan­to scrit­to la not­te pre­ce­den­te. Intan­to la cri­si sani­ta­ria non accen­na a dare rea­li segni di miglio­ra­men­to, anzi peggiora.

C’è chi invo­ca — for­se non a tor­to — tem­pi­sti­che ben diver­se tra il muo­ver­si del­le pan­de­mie e quel­lo dei cicli di comu­ni­ca­zio­ne social, ma a nes­su­no sem­bra impor­ta­re. C’è chi invo­ca  - e sono mol­ti di più, e for­se con per­si­no più ragio­ne — misu­re più chia­re, più net­te, più dra­sti­che.

Nel frat­tem­po, a sin­ghioz­zo, sen­za un par­ti­co­la­re ordi­ne, non solo le per­so­ne ven­go­no con­fi­na­te a casa, ma ven­go­no chiu­se miglia­ia di atti­vi­tà. Mol­te di più, però sono quel­le che resta­no aper­te. Spe­cie quel­le che fan­no capo ai gran­di grup­pi eco­no­mi­ci del pae­se in que­stio­ne. E mol­tis­si­me sono le per­so­ne che devo­no anda­re a lavo­ra­re per tene­re aper­te quel­le atti­vi­tà, spes­so sen­za ade­gua­te con­di­zio­ni di sicu­rez­za. Per atti­vi­tà spes­so tutt’altro che essen­zia­li.

Poi l’esecutivo deci­de, caval­can­do la rab­bia del­le mas­se sui social net­work, che i nuo­vi unto­ri sono i cor­ri­do­ri, e vie­ta loro di cor­re­re. Anzi, no. Anzi, sì. No, solo vici­no casa, però. Sì, ma non nei par­chi. No. Sì.

Per gior­ni e gior­ni e gior­ni. Nel frat­tem­po, men­tre ci si divi­de tra cor­sa e non cor­sa, milio­ni di per­so­ne sono costret­te  - sì, costret­te — ad anda­re a lavo­ra­re. Sen­za con­di­zio­ni di sicu­rez­za e di igie­ne accet­ta­bi­li. Stra­na­men­te, la cri­si sani­ta­ria non si ferma.

Poi l’elemento di discus­sio­ne diven­ta­no le per­so­ne che si spo­sta­no trop­po. “Abbia­mo con­trol­la­to le cel­le dei cul­lu­la­ri”, dico­no tron­fi. GAC, direb­be­ro sui social che fre­quen­ta­no così assi­dua­men­te i gover­nan­ti di quel pae­se. Per for­za la gen­te si spo­sta, per­ché milio­ni di per­so­ne sono costret­te  - sì, costret­te — ad anda­re a lavo­ra­re. Sen­za con­di­zio­ni di sicu­rez­za e di igie­ne accet­ta­bi­li. Stra­na­men­te, la cri­si sani­ta­ria non si ferma.

Poi l’elemento di discus­sio­ne diven­ta l’apertura dei super­mer­ca­ti. Devo­no chiu­de­re la dome­ni­ca? Sì. No. Sì. No. Sì. Nel frat­tem­po, milio­ni di per­so­ne con­ti­nua­no a spo­star­si e ad anda­re al lavo­ro. Nel frat­tem­po, milio­ni di per­so­ne sono costret­te  - sì, costret­te — ad anda­re a lavo­ra­re. Sen­za con­di­zio­ni di sicu­rez­za e di igie­ne accet­ta­bi­li. Stra­na­men­te, la cri­si sani­ta­ria non si ferma.

Poi il capo dell’esecutivo si riu­ni­sce a tar­da sera di una saba­to non con il Par­la­men­to, non a col­lo­quio col Pre­si­den­te e nem­me­no col suo Gover­no. No, coi “capi dele­ga­zio­ne”, i rap­pre­sen­tan­ti dei par­ti­ti di mag­gio­ran­za. Ovvia­men­te aven­do pri­ma incon­tra­to i rap­pre­sen­tan­ti del­le gran­di indu­strie, e for­se i sin­da­ca­ti, che per la veri­tà nes­su­no sen­te pro­fe­ri­re ver­bo da un bel po’. Il capo dell’esecutivo, con i rap­pre­sen­tan­ti del­la mag­gio­ran­za par­la­men­ta­re di un par­la­men­to che non si riu­ni­sce più, si accor­ge di quel­lo che set­ti­ma­ne gli dico­no in tan­tis­si­mi. Cosa? Che milio­ni di per­so­ne sono costret­te  - sì, costret­te — ad anda­re a lavo­ra­re. Sen­za con­di­zio­ni di sicu­rez­za e di igie­ne accettabili.

Deci­de per­ciò, a tar­dis­si­ma sera, di anda­re in diret­ta su Face­book per annun­cia­re alla nazio­ne che tut­te le azien­de non lega­te a ciò che è la stret­ta neces­si­tà in quel momen­to di cri­si ver­ran­no chiu­se per decre­to. Si può vede­re il decre­to? No. Non è pron­to. È pron­to l’annuncio, in tem­po per i tito­lo­ni del­la dome­ni­ca mattina.

Ovvia­men­te, i lavo­ra­to­ri e le loro fami­glie — e l’opinione pub­bli­ca in gene­ra­le — vor­reb­be­ro sape­re qua­li saran­no le atti­vi­tà per cui è pre­vi­sta la chiu­su­ra. Pas­sa­no la dome­ni­ca a chie­der­se­lo, dall’esecutivo non una paro­la, se non una mini­stra che twit­ta di dol­ci pasquali.

Ver­so l’ora dell’aperitivo via social, e del gior­na­lie­ro bol­let­ti­no sui mor­ti, tra­pe­la che le gran­di indu­strie han­no chie­sto all’esecutivo di fer­mar­si, di “pen­sar­ci bene”, di non chiu­de­re nul­la se non ne sono pro­prio pro­prio sicu­ri.

Final­men­te, ver­so l’o­ra di cena, arri­va il decre­to annun­cia­to, ma con parec­chie aggiun­te e modi­fi­che rispet­to alle boz­ze cir­co­la­te in pre­ce­den­za. Aggiun­te e modi­fi­che fat­te pen­san­do a chi?

Pen­san­do alla salu­te, alla sicu­rez­za, al benes­se­re dei suoi cit­ta­di­ni, che con­ti­nua­no ad amma­lar­si e pur­trop­po in par­te a morire?

Pen­san­do alle miglia­ia di azien­de gran­di e pic­co­le che han­no già chiu­so, e che più dura que­sta cri­si meno avran­no la for­za di riaprire?

Pen­san­do ai lavo­ra­to­ri che vivo­no da set­ti­ma­ne nell’incertezza, che sono costret­ti ad anda­re a lavo­ra­re in con­di­zio­ni di peri­co­lo per la loro salu­te e per quel­la dei loro familiari?

No, il gover­no, da solo, sen­za inter­ro­ga­re nes­su­no, ha pen­sa­to agli avver­ti­men­ti che gli sono arri­va­ti dal­le gran­di industrie.

Que­sta cosa, se la guar­dia­mo in astrat­to, non è demo­cra­zia. È oli­gar­chia al ser­vi­zio di lob­by eco­no­mi­che mio­pi, avi­de e irresponsabili.

Que­sto modo di agi­re, chiun­que lo por­ti avan­ti, è gra­ve­men­te dan­no­so per la salu­te, la sicu­rez­za e il benes­se­re dei cit­ta­di­ni. Il tut­to per ser­vi­re un prin­ci­pio di pro­fit­to ad ogni costo peral­tro mol­to dif­fi­ci­le da dimo­stra­re, a que­sto punto.

Il tut­to in spre­gio alle mol­te atti­vi­tà che già han­no dovu­to chiu­de­re per met­te­re i pro­pri lavo­ra­to­ri in con­di­zio­ni di sta­re al sicu­ro, per­den­do — que­sto sì è garan­ti­to — lar­ga par­te del­le magre risor­se a pro­pria disposizione.

Il tut­to in spre­gio agli ope­ra­to­ri sani­ta­ri, che ven­go­no chia­ma­ti eroi, ma ai qua­li non vie­ne for­ni­to l’aiuto di cui avreb­be­ro biso­gno, per con­te­ne­re que­sta pan­de­mia e per far­lo nel­le miglio­ri con­di­zio­ni possibili.

Il tut­to in spre­gio a quei lavo­ra­to­ri che — loro dav­ve­ro — non pos­so­no e non potran­no esi­mer­si dal lavo­ra­re per far anda­re avan­ti i ser­vi­zi essen­zia­li, e che avreb­be­ro dirit­to di far­lo nel­le miglio­ri con­di­zio­ni di sicurezza.

È il momen­to di affron­ta­re il pre­sen­te e di gesti­re final­men­te que­sta cri­si come si deve. Se l’esecutivo con­ti­nua a pie­gar­si ai vole­ri di una lob­by fol­le, tor­nia­mo a chie­de­re lo scio­pe­ro da par­te di tut­ti i lavo­ra­to­ri espo­sti sen­za moti­vo al con­ta­gio, che del con­ta­gio diven­ta­no vet­to­ri essi stes­si, sen­za alcu­na respon­sa­bi­li­tà da par­te loro, ma di chi li costrin­ge. Cer­chia­mo di rimet­te­re a posto le prio­ri­tà vere, tra un inno di Ita­lia al bal­co­ne e una diret­ta Face­book. Salu­te, sicu­rez­za, benes­se­re, per tut­te e tut­ti. Un gover­no che non sa garan­ti­re que­sto, è un gover­no a cui va suo­na­ta la sveglia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.