“Riaprite le graduatorie d’istituto” — La testimonianza di Sara

Pubblichiamo la testimonianza di Sara Ingrassia, giovane aspirante insegnante che racconta il percorso lungo e dispendioso per arrivare a inserirsi nelle graduatorie di istituto.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Pub­bli­chia­mo la testi­mo­nian­za di Sara Ingras­sia, gio­va­ne aspi­ran­te inse­gnan­te che rac­con­ta il per­cor­so lun­go e dispen­dio­so per arri­va­re a inse­rir­si nel­le gra­dua­to­rie di isti­tu­to.

La Mini­stra Azzo­li­na ha rin­via­to al pros­si­mo anno i nuo­vi inse­ri­men­ti e gli aggior­na­men­ti, ma sarà neces­sa­rio ave­re in cat­te­dra, già dal pri­mo set­tem­bre, nume­ro­si inse­gnan­ti per far fron­te a un’emer­gen­za edu­ca­ti­va che si som­ma a quel­la sanitaria.

Per que­sto, con Pos­si­bi­le, chie­dia­mo che ven­ga digi­ta­liz­za­ta la pro­ce­du­ra per le gra­dua­to­rie d’istituto in tem­pi bre­vis­si­mi e che sia­no ban­di­ti con­cor­si per soli tito­li, come rispo­sta ade­gua­ta a un even­to eccezionale.

 

Sono Sara, e un anno e mez­zo fa mi sono lau­rea­ta in Scien­ze Filo­so­fi­che. Quan­do ave­vo 19 anni mi sono iscrit­ta alla facol­tà di Filo­so­fia, con­sa­pe­vo­le del­le dif­fi­col­tà che avrei tro­va­to in ambi­to lavo­ra­ti­vo, per­ché il mio desi­de­rio più gran­de era quel­lo di fare l’insegnante. Ho com­ple­ta­to il mio per­cor­so uni­ver­si­ta­rio quan­do ave­vo 25 anni e anco­ra tan­ta voglia di inse­rir­mi nel mon­do del­la scuo­la, pur sapen­do quan­to com­pli­ca­to sareb­be stato.

In vista di quel­la che sareb­be dovu­ta esse­re l’apertura del­le gra­dua­to­rie sco­la­sti­che di quest’anno, nell’ultimo anno ho inve­sti­to mol­ti sfor­zi, tem­po e dena­ro per cor­si di for­ma­zio­ne, master, cer­ti­fi­ca­zio­ni infor­ma­ti­che e cor­si di lin­gua. Vole­vo esse­re pron­ta al meglio sia per l’inserimento in ter­za fascia, sia per il sem­pre spe­ra­to e più vol­te annun­cia­to con­cor­so. Cre­do for­te­men­te che l’insegnamento sia una voca­zio­ne, e per chi la pen­sa così la pre­pa­ra­zio­ne è fon­da­men­ta­le: la curio­si­tà e la bra­ma di sape­re sono essen­zia­li per un docen­te, e il tra­guar­do più gran­de che que­sti può rag­giun­ge­re è, a mio pare­re, tra­smet­te­re que­sta curio­si­tà ai ragaz­zi. È que­sto che mi ha spin­to a lau­rear­mi in filo­so­fia: for­se ambi­zio­sa­men­te, aspi­ra­vo al ruo­lo del filo­so­fo pla­to­ni­co che esce dal­la caver­na. Ma se la curio­si­tas e l’amore per il sape­re sono total­men­te gra­tui­ti, lo stes­so non si può dire per quan­to riguar­da i pun­ti in gra­dua­to­ria, per­ché ogni cer­ti­fi­ca­zio­ne e ogni master lo si paga. E anche tan­to. Si par­la di inve­sti­men­ti che pos­so­no arri­va­re a miglia­ia di euro. Io e tan­ti altri gio­va­ni abbia­mo inve­sti­to sul­le nostre capa­ci­tà, e abbia­mo paga­to per cer­ti­fi­car­le, per ren­der­le obbiet­ti­ve, per por­le sot­to gli occhi di tutti. 

Qual­che gior­no fa la mini­stra Azzo­li­na ci fa sape­re che non ha inten­zio­ne di ria­pri­re le gra­dua­to­rie, per­ché in un perio­do com­pli­ca­to come que­sto non è pen­sa­bi­le che una pro­ce­du­ra del gene­re pos­sa esse­re por­ta­ta avan­ti in for­ma car­ta­cea: sono d’accordo, non mi pare giu­sto met­te­re in peri­co­lo la salu­te di chi dovreb­be occu­par­si di tale pro­ce­di­men­to. Ma una doman­da sor­ge spon­ta­nea: per­ché non digi­ta­liz­za­re l’intero iter? È real­men­te impos­si­bi­le? Per­ché il para­go­ne è ine­vi­ta­bi­le: com’è pos­si­bi­le che l’intera istru­zio­ne pub­bli­ca sia sta­ta digi­ta­liz­za­ta in qual­che set­ti­ma­na e, al con­tra­rio, non è pos­si­bi­le tra­sfe­ri­re onli­ne l’iscrizione in gra­dua­to­ria che, tra l’altro, avreb­be dovu­to avviar­si tra un paio di mesi? Mi vie­ne da pen­sa­re che non ci si è pen­sa­to nem­me­no nel­le ulti­me set­ti­ma­ne, da feb­bra­io alme­no, da quan­do in Ita­lia ha pre­so pie­de la pan­de­mia. Capi­sco che il MIUR abbia avu­to del­le altre prio­ri­tà, ma non si è mini­ma­men­te pen­sa­to al futu­ro del­la scuola?

Negli anni ci han­no det­to che man­ca­va­no posti, che ser­vi­va­no inse­gnan­ti, che avreb­be­ro volu­to eli­mi­na­re le clas­si-pol­la­io, che ci sareb­be­ro sta­ti dei con­cor­si atti ad assu­me­re per­so­na­le, e inve­ce ci ritro­via­mo il soli­to invi­to ad invia­re le nostre can­di­da­tu­re tra­mi­te MAD. Io, in pas­sa­to, le mes­se a dispo­si­zio­ne le ho più vol­te invia­te, sen­za riscon­tro alcu­no; ovvia­men­te par­lo di me, ma so che nel­la mia situa­zio­ne ci sono cen­ti­na­ia, miglia­ia di altre ragaz­ze e di altri ragaz­zi. È assur­do invi­tar­ci a pre­sen­ta­re la MAD con una tale leg­ge­rez­za, per­ché evi­den­te­men­te non si fa atten­zio­ne a un aspet­to impor­tan­te del­la que­stio­ne: con la mes­sa a dispo­si­zio­ne l’assunzione è, pra­ti­ca­men­te, un ter­no al lot­to. Ogni scuo­la rice­ve miglia­ia e miglia­ia di doman­de e, ovvia­men­te, non può visio­nar­le tut­te. Di con­se­guen­za, ad ave­re l’assunzione non sarà chi ha il tito­lo più adat­to al ruo­lo, o chi ha del­le cer­ti­fi­ca­zio­ni in più che altri non han­no: non ci sono cri­te­ri ogget­ti­vi di valu­ta­zio­ne, non c’è tra­spa­ren­za ed è tut­to mol­to alea­to­rio. Spes­so, chi pos­sie­de una lau­rea magi­stra­le vie­ne scar­ta­to a van­tag­gio di chi ha un tito­lo di stu­dio più bas­so: è una guer­ra fra poveri. 

Io repu­to ingiu­sto e irre­spon­sa­bi­le un atteg­gia­men­to del gene­re, sia per i bam­bi­ni o i ragaz­zi che, in que­sto modo, non rie­sco­no ad ave­re l’istruzione che meri­ta­no, sia, d’altro can­to, per chi ha inve­sti­to risor­se di ogni tipo nei pro­pri stu­di e nel pro­prio set­to­re disci­pli­na­re. Cen­ti­na­ia di miglia­ia di gio­va­ni sono sta­ti illu­si per anni nel­la spe­ran­za di un con­cor­so che non è mai arri­va­to, e ades­so ci vie­ne meno anche la pos­si­bi­li­tà di acce­de­re al mon­do del­la scuo­la tra­mi­te l’iscrizione in gra­dua­to­ria per un pro­ble­ma di digi­ta­liz­za­zio­ne del­la pro­ce­du­ra, dopo aver digi­ta­liz­za­to l’intera istru­zio­ne pub­bli­ca in poche set­ti­ma­ne. È ine­vi­ta­bi­le che si cada nel para­dos­so. Tra l’altro, anche l’invio del­le MAD è total­men­te telematico. 

A que­sto pun­to vor­rei fare un appel­lo alla poli­ti­ca: per favo­re, non gio­ca­te con le nostre vite. Non sia­mo del­le MAD che arri­va­no nel­le casel­le elet­tro­ni­che del­le scuo­le ita­lia­ne, ma sia­mo gio­va­ni che han­no inve­sti­to nei loro stu­di e che vor­reb­be­ro diven­ta­re inse­gnan­ti, dopo anni pas­sa­ti sul­le famo­se “suda­te car­te”. Non fate­ci cre­de­re che sia tut­to inu­ti­le, che ogni nostro ten­ta­ti­vo sia vano. Fate qual­co­sa per la scuo­la, per­ché sen­za la scuo­la non si va da nes­su­na par­te. Sen­za inse­gnan­ti pre­pa­ra­ti, si avran­no dei ragaz­zi spaesati. 

Fate­lo per noi gio­va­ni lau­rea­ti, per i pre­ca­ri e per gli stu­den­ti stes­si. Se non si inve­ste nel­la scuo­la, la socie­tà civi­le va a pez­zi, e se non si cre­de nel­la scuo­la, allo­ra ven­go­no a man­ca­re le basi per l’esistenza di un Pae­se che vuo­le soprav­vi­ve­re al peri­co­lo dell’ignoranza.

Scu­sa­te se mi sono dilun­ga­ta. Gra­zie per l’attenzione e per il tem­po spe­so per leg­ge­re la mia riflessione.

Cor­dial­men­te,

Sara[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.