Riapertura del Paese: la scuola deve essere al centro

Forse è il momento di dire che non si può pensare alla scuola come un mondo a sé, la scuola riguarda tutto, dalla conciliazione dei tempi di lavoro delle famiglie alla mobilità, dai cambiamenti sociali a quelli infrastrutturali, passando per l’ampliamento delle diseguaglianze che si sta verificando con l’emergenza Coronavirus.

Quel che emer­ge chia­ra­men­te dal dibat­ti­to poli­ti­co sull’emergenza epi­de­mio­lo­gi­ca è che la Scuo­la, la sua chiu­su­ra e la sua ria­per­tu­ra, la stes­sa didat­ti­ca a distan­za (DAD) sono que­stio­ni trat­ta­te sepa­ra­ta­men­te rispet­to ai ragio­na­men­ti che si stan­no facen­do sul­le varie fasi di ripar­ten­za del Pae­se. Come se fos­se un pro­ble­ma da risol­ve­re paral­le­la­men­te,  un mon­do a par­te, come se non per­meas­se inve­ce, tra­sver­sal­men­te, ogni aspet­to del­la vita di tut­ti. Del resto c’era da aspet­tar­se­lo, vista l’abitudine con­so­li­da­ta negli ulti­mi decen­ni di rele­ga­re la Scuo­la sem­pre più a mar­gi­ne del­le prio­ri­tà, taglian­do risor­se sostan­zia­li per il suo sosten­ta­men­to. Sta­vol­ta, però, non si può con­ti­nua­re a far fin­ta di nien­te: la Scuo­la rap­pre­sen­ta uno spac­ca­to del­la socie­tà e deve entra­re nel dibat­ti­to poli­ti­co con tut­ti e due i pie­di.  Nel­le pros­si­me ore, è già tra­pe­la­to, la Mini­stra Azzo­li­na annun­ce­rà la pro­ro­ga del­la sospen­sio­ne del­le atti­vi­tà didat­ti­che, in linea con il pare­re del Comi­ta­to Scien­ti­fi­co. Così 4 milio­ni di bam­bi­ni e bam­bi­ne tra i 3 e i 10 anni reste­ran­no a casa da scuo­la, men­tre si sta appron­tan­do un pia­no per la ria­per­tu­ra del­le azien­de e il rien­tro al lavo­ro dei geni­to­ri. Con chi reste­ran­no que­sti bam­bi­ni, con­si­de­ra­to che, ad ecce­zio­ne dei rari casi di con­vi­ven­za, non se ne potrà affi­da­re la cura ai non­ni per pro­teg­ger­li dal con­ta­gio? I con­ge­di paren­ta­li, per i geni­to­ri che ne han­no usu­frui­to duran­te il loc­k­do­wn, sono  pres­so­ché fini­ti, for­se ver­ran­no pro­ro­ga­ti anco­ra  un paio di set­ti­ma­ne, ma non è imma­gi­na­bi­le che insie­me al bonus baby sit­ter resti­no gli uni­ci stru­men­ti a dispo­si­zio­ne anco­ra a lun­go. E quan­to inci­de­rà, la scuo­la, sul­la mobi­li­tà?  Le scuo­le aper­te, si sa, muo­vo­no ogni gior­no 12 milio­ni di per­so­ne, tra per­so­na­le, stu­den­ti e geni­to­ri. Come si spo­ste­ran­no, su qua­li mez­zi, in qua­li con­di­zio­ni di sicu­rez­za sani­ta­ria? E quan­ti miliar­di saran­no neces­sa­ri per met­te­re in cat­te­dra gli inse­gnan­ti il 1 set­tem­bre? Qua­li ulte­rio­ri spa­zi, oltre alle aule sco­la­sti­che, si potran­no adat­ta­re per far fron­te alla neces­si­tà di garan­ti­re il distan­zia­men­to a scuo­la? Si farà in tem­po a pre­di­spor­li in pochi mesi? For­se è il momen­to di dire che non si può pen­sa­re alla scuo­la come un mon­do a sé, la scuo­la riguar­da tut­to, dal­la con­ci­lia­zio­ne dei tem­pi di lavo­ro del­le fami­glie alla mobi­li­tà, dai cam­bia­men­ti socia­li a quel­li infra­strut­tu­ra­li, pas­san­do per l’ampliamento del­le dise­gua­glian­ze che si sta veri­fi­can­do con l’emergenza Coro­na­vi­rus. Occor­re met­te­re insie­me le cose, urgen­te­men­te, sia per la fine di que­sto anno sco­la­sti­co sia per l’avvio del pros­si­mo: acco­glia­mo posi­ti­va­men­te l’idea di una task for­ce, ma che sia nel sen­so indi­ca­to dall’appel­lo del peda­go­gi­sta Danie­le Nova­ra e che sia occa­sio­ne di ripen­sa­re e rive­de­re le trop­pe stor­tu­re che ha subi­to la scuo­la in que­sti anni. Apri­re un dibat­ti­to poli­ti­co, un con­fron­to con le par­ti in cau­sa e con i peda­go­gi­sti, con chi si occu­pa di psi­co­lo­gia evo­lu­ti­va, con chi attua le poli­ti­che sco­la­sti­che met­ten­do al cen­tro bambini/e e ragazzi/e è ormai indif­fe­ri­bi­le. Ci augu­ria­mo che il gover­no si ricor­di che i cit­ta­di­ni più gio­va­ni non sono pac­chi da apri­re e chiu­de­re né pro­pag­gi­ni degli adul­ti, e  met­ta in cam­po prov­ve­di­men­ti urgen­ti a loro tute­la, per­ché i bam­bi­ni e le bam­bi­ne han­no biso­gno di atten­zio­ne, con­sue­tu­di­ni di rela­zio­ne con adul­ti e coe­ta­nei, gio­co e scam­bio dia­lo­gi­co come stru­men­ti di for­ma­zio­ne del­la per­so­na­li­tà e cre­sci­ta degli appren­di­men­ti. Que­ste misu­re avran­no sen­so solo a fron­te di un impie­go di ingen­ti risor­se per con­sen­ti­re alla scuo­la di ripren­de­re la didat­ti­ca, quel­la vera, nel rispet­to del­le con­di­zio­ni di sicu­rez­za per adul­ti e stu­den­ti. Auspi­chia­mo quin­di che si avvii un con­fron­to aper­to, demo­cra­ti­co e costrut­ti­vo con i nomi miglio­ri (come lo stes­so Nova­ra) per ripor­ta­re la scuo­la alla sua fon­da­men­ta­le fun­zio­ne di for­ma­tri­ce di cit­ta­di­ni e cit­ta­di­ne, abban­do­nan­do defi­ni­ti­va­men­te quel­lo di scuo­la- azien­da volu­ta dal­le ulti­me riforme.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.