Il surreale dibattito sulla riapertura delle scuole

Dopo mesi di “altre priorità” si comincia, fuori tempo massimo, a scontrarsi con la realtà. Nelle aule facciamo finta che il problema sia risolto accollando tutto alle scuole, al cartongesso e (eventualmente) alle mascherine.

Un dibat­ti­to sur­rea­le quel­lo a cui assi­stia­mo in que­ste ore sul­la ria­per­tu­ra del­la scuola.

Dopo mesi di “altre prio­ri­tà” si comin­cia, fuo­ri tem­po mas­si­mo, a scon­trar­si con la real­tà. Nel­le aule fac­cia­mo fin­ta che il pro­ble­ma sia risol­to accol­lan­do tut­to alle scuo­le, al car­ton­ges­so e (even­tual­men­te) alle masche­ri­ne.

Ma anco­ra, come fan­no nota­re i pre­si­di, non si han­no cer­tez­ze sul nume­ro di inse­gnan­ti e di per­so­na­le sco­la­sti­co e quin­di sul­la effet­ti­va ripre­sa del ser­vi­zio. Quel­lo non dipen­de da loro, che ormai sono più diret­to­ri di can­tie­ri che di scuo­la, ma dal gover­no. Il pro­ble­ma ovvia­men­te i sol­di che non basta­no e che non si voglio­no inve­sti­re sull’assunzione di per­so­na­le.

Nel men­tre, a tre set­ti­ma­ne dall’avvio del­le lezio­ni, si accor­go­no che i ragaz­zi non solo sta­va­no ammas­sa­ti nel­le aule pol­la­io, ma, a sor­pre­sa, anche negli auto­bus. Da qui si intui­sce che chi vive in cen­tro o può accom­pa­gna­re i figli con l’auto non si è mai posto il problema.

E a sor­pre­sa le stu­den­tes­se e gli stu­den­ti che pren­do­no l’autobus per anda­re a scuo­la, sono tan­tis­si­mi! Ora il cor­to­cir­cui­to. Negli auto­bus non è pos­si­bi­le il distan­zia­men­to socia­le, non è appli­ca­bi­le la mos­sa del car­ton­ges­so e le masche­ri­ne ser­vo­no a poco quan­do stai uno sopra l’altro. Il Pre­si­den­te del­le Mar­che Ceri­scio­li ci fa sape­re, oggi dal­le pagi­ne di Repub­bli­ca, che Burio­ni for­se ha tro­va­to una solu­zio­ne: in auto­bus oltre a indos­sa­re la masche­ri­na devo­no sta­re tut­ti in silen­zio. Quan­do si dice ave­re il sen­so del­la realtà.

Le regio­ni se la pren­do­no con il gover­no che non deci­de e gira e gira l’unica solu­zio­ne a cui pun­ta­no è spin­ge­re il comi­ta­to scien­ti­fi­co a non dire quel­lo che dice e che, essen­do scien­zia­ti, la scien­za indi­ca loro di dire, ma di dire quel­lo che dico­no loro. E cioè che anche meno distan­zia­ti non c’è peri­co­lo. Come se il Covid-19 par­las­se poli­ti­che­se. Come se non stes­si­mo par­lan­do del­la salu­te di ragaz­zi e ragaz­ze del­le loro fami­glie, ma di pun­ti­gli di centimetri.

Il pun­to è che le scuo­le ria­pri­ran­no una set­ti­ma­na pri­ma del voto e sul­la scuo­la si gio­ca la tenu­ta del gover­no, da qui tut­to que­sto fer­vo­re in un dibat­ti­to fon­da­men­ta­le come quel­lo sul­la scuo­la, fino­ra rele­ga­to alle varie ed even­tua­li dell’agenda politica.

Men­tre la que­stio­ne seria e rea­le è che del­la scuo­la in que­sti anni non è fre­ga­to nien­te a nes­su­no, è sta­ta la cas­sa da cui pre­le­va­re attra­ver­so tagli cri­mi­na­li, i mini­stri peg­gio­ri li han­no piaz­za­ti sem­pre all’Istruzione, si è per­sa com­ple­ta­men­te la visio­ne, per cui è sta­ta ridot­ta ad esse­re umi­le ancel­la del mer­ca­to del lavo­ro.

Dei bam­bi­ni e bam­bi­ne, dei ragaz­zi e ragaz­ze che den­tro quel­le pare­ti di car­ton­ges­so for­ma­no i mat­to­ni più impor­tan­ti del­la loro esi­sten­za e del loro futu­ro non impor­ta nien­te a nes­sun gover­no da trop­po tempo.

La solu­zio­ne agli auto­bus è banal­men­te ave­re più auto­bus.

La solu­zio­ne di clas­si sicu­re è banal­men­te ave­re più clas­si sicu­re, quin­di edi­fi­ci più ampi e moder­ni, quin­di più inse­gnan­ti, quin­di più per­so­na­le scolastico.

Costa mol­to? Sì, costa molto. 

E biso­gna met­ter­ce­li que­sti sol­di, con prio­ri­tà rispet­to a tut­to il resto. Per­ché la scuo­la, che è la fon­da­men­ta­le isti­tu­zio­ne di un Pae­se, è sta­ta vit­ti­ma di uno spre­giu­di­ca­to pia­no di tagli e di sman­tel­la­men­to che va avan­ti da trop­pi anni e con tut­ta evi­den­za ora è il momen­to di risar­cir­la. Non con qual­che bri­cio­la di cartongesso .

“Prio­ri­tà alla scuo­la” non è uno slo­gan. È un esi­gen­za demo­cra­ti­ca. Il resto è un tea­tri­no patetico.

Non si pote­va fare tut­to in sei mesi? Cer­to che no, ma si pote­va fare mol­to, mol­to di più che lascia­re i pre­si­di con il metro in mano e gli alun­ni a piedi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.