La caccia va abolita, non insegnata nelle scuole

Fa rabbrividire l’ultima “sparata” (è il caso di dirlo) dell’assessora veneta all’Istruzione Elena Donazzan che nei giorni scorsi, alla fiera di Vicenza Hit Show, si è detta favorevole all’insegnamento dell’”arte venatoria” nelle scuole, o almeno alla sua promozione.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Fa rab­bri­vi­di­re l’ultima “spa­ra­ta” (è il caso di dir­lo) dell’assessora vene­ta all’Istruzione Ele­na Donaz­zan che nei gior­ni scor­si, alla fie­ra di Vicen­za Hit Show, si è det­ta favo­re­vo­le all’insegnamento dell’”arte vena­to­ria” nel­le scuo­le, o alme­no alla sua promozione.

L’idea è pia­ciu­ta mol­tis­si­mo anche alla con­si­glie­ra regio­na­le di FdI Ele­na Maz­za­li, secon­do cui inse­gna­re la cac­cia sareb­be sti­mo­lo per l’interdisciplinarità e imper­di­bi­le occa­sio­ne per abbat­te­re i pre­giu­di­zi e offri­re ai ragaz­zi e alle ragaz­ze l’opportunità di pro­va­re l’“adre­na­li­na puli­ta” che dà la cac­cia e non quel­la “spor­ca” e faci­le che con­du­ce alle dro­ghe. Que­sti gli argo­men­ti, si fa per dire.

Al di là del fat­to che for­tu­na­ta­men­te le pro­po­ste sia­no, in una scuo­la pub­bli­ca sta­ta­le, dif­fi­cil­men­te acco­gli­bi­li, il fat­to che le due espo­nen­ti — di destra e del nord — le abbia­no avan­za­te indu­ce comun­que a chie­der­si qua­le idea di scuo­la si voglia por­ta­re avanti.

Gli inte­res­si eco­no­mi­ci che muo­ve la cac­cia sono noti e l’idea di pro­muo­ver­ne l’”arte” sin dal­la più tene­ra età reca con sé una visio­ne di scuo­la al ser­vi­zio del mer­ca­to, ben trac­cia­ta dal­la Buo­na Scuo­la di Ren­zi e a cui stia­mo tornando.

Ricor­dia­mo che anche una sen­ten­za del­la Cor­te Costi­tu­zio­na­le del­l’an­no scor­so scon­fes­sa defi­ni­ti­va­men­te il bene­fi­cio del­la cac­cia sull’ambiente, respin­gen­do i mar­gi­ni di inco­sti­tu­zio­na­li­tà di un ricor­so al TAR del Pie­mon­te da par­te del­le asso­cia­zio­ni di cac­cia­to­ri. La cac­cia è una pra­ti­ca tra­di­zio­na­le ormai desue­ta, il cui sco­po è toglie­re la vita ad innu­me­re­vo­li ani­ma­li inno­cen­ti, che nel solo 2019 ha con­ta­to, secon­do i dati aggior­na­ti del­l’As­so­cia­zio­ne Vit­ti­me del­la cac­cia, ben 95 vit­ti­me uma­ne. Un bol­let­ti­no di guerra.

Oltre agli ele­men­ti eti­ci, da un pun­to di vista scien­ti­fi­co dubi­tia­mo for­te­men­te che una pra­ti­ca che scon­vol­ge gli equi­li­bri del­l’e­co­si­ste­ma — che per inci­so si rego­la benis­si­mo sen­za l’in­ter­ven­to del­l’uo­mo — abbia qual­co­sa da inse­gna­re a scuo­la. Va inol­tre tenu­to in con­si­de­ra­zio­ne qua­le ruo­lo abbia avu­to la cac­cia nel­la dif­fu­sio­ne del cin­ghia­le nel­la peni­so­la. Si è inter­ve­nu­ti alte­ran­do una spe­cie cac­cia­bi­le in modo che des­se mag­gio­ri sod­di­sfa­zio­ni. Si è incro­cia­to il cin­ghia­le sel­va­ti­co, ini­zial­men­te pre­sen­te solo in Tosca­na e in Ligu­ria, mol­to più pic­co­lo di quel­lo attua­le, con il maia­le d’al­le­va­men­to per otte­ne­re capi più gros­si, immet­ten­do in ambien­te i frut­ti di que­sti incro­ci per rim­pol­pa­re le popo­la­zio­ni. È ormai pro­va­to che ten­den­do a spa­ra­re all’a­ni­ma­le più robu­sto e “bel­lo” si pro­vo­ca­no squi­li­bri ormo­na­li nei bran­chi, che ren­do­no le scro­fe mag­gior­men­te pro­li­fi­che. La ripro­du­zio­ne nel bran­co è infat­ti fine­men­te rego­la­ta dal­la gerar­chia: gli estri sono sog­get­ti all’im­pron­ta chi­mi­ca del­la fem­mi­na domi­nan­te che ini­bi­sce la fer­ti­li­tà del­le altre scro­fe. Quan­do il tes­su­to gerar­chi­co vie­ne meno per l’al­ta pres­sio­ne vena­to­ria, si assi­ste a un aumen­to incon­trol­la­to del­la nata­li­tà. Da cui deri­va­no innu­me­re­vo­li pro­ble­mi per gl agri­col­to­ri e per la sicu­rez­za stra­da­le.

Que­sti ele­men­ti da soli baste­reb­be­ro ad archi­via­re la pra­ti­ca “la cac­cia a scuo­la”. Ma poi emer­go­no casi come ver­sa­men­ti — lega­li — di dena­ro (70mila euro) dal­l’As­so­cia­zio­ne Cac­cia­to­ri Vene­ti a Fra­tel­li d’I­ta­lia, al fine di eleg­ge­re la pre­si­den­tes­sa del­la stes­sa asso­cia­zio­ne in Par­la­men­to, per poi incas­sar­ne 64mila nel­lo stes­so anno dal­la Regio­ne Vene­to (fon­di che ricor­dia­mo esse­re dena­ro pub­bli­co). La depu­ta­ta è quin­di sta­ta sosti­tui­ta nel ruo­lo di pre­si­den­te da un con­si­glie­re regio­na­le, poi elet­to al Par­la­men­to euro­peo, sem­pre di Fra­tel­li d’I­ta­lia. Come dire, fare lob­by­ing sen­za nem­me­no nascon­der­si troppo.

Ci chie­dia­mo allo­ra, visto che la cac­cia si fa imbrac­cian­do un’ar­ma, se que­sto sia il solo lob­by­ing che si sta por­tan­do avan­ti, se i con­si­glie­ri regio­na­li di Fra­tel­li d’I­ta­lia stan­no pro­po­nen­do di entra­re nel­le scuo­le, abi­tuan­do i nostri figli all’u­so del­le armi, come se fos­se qual­co­sa di normale.

Emer­ge chia­ra­men­te il dise­gno di una scuo­la che for­gia ai biso­gni eco­no­mi­ci del ter­ri­to­rio e di spe­ci­fi­ci set­to­ri, come pro­met­te di fare il pro­get­to di auto­no­mia dif­fe­ren­zia­ta, in par­ti­co­la­re di Vene­to e Lom­bar­dia; una scuo­la lon­ta­na anni luce dall’idea di edu­ca­re al rispet­to di tut­ti gli esse­ri viven­ti, com­pre­si gli ani­ma­li, che con Pos­si­bi­le abbia­mo pre­sen­ta­to in Par­la­men­to nel­la scor­sa legi­sla­tu­ra pre­ve­den­do spe­ci­fi­ci pro­get­ti all’interno dell’Offerta Formativa.

Una scuo­la sem­pre più distan­te dall’obiettivo più alto, quel­lo det­ta­to dal­la Costi­tu­zio­ne: l’educazione e la for­ma­zio­ne di cit­ta­di­ni e cit­ta­di­ne capa­ci di un pen­sie­ro cri­ti­co, di pra­ti­che vir­tuo­se vol­te al benes­se­re del­la socie­tà e dell’ambiente.

Chia­ra Bertogalli

Eula­lia Grillo[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?