migrazioni

#

28 Giu: D’ogni erba un fascio

Gli zelanti democratici avevano parlato di fasciogrillismo fino a ieri. Se questa è la piega che intende prendere il loro partito, gli toccherà fare di ogni erba un fascio. Che comprende anche loro.
#

11 Mag: La dottrina Minniti, parola per parola

Ci troviamo di fronte a un disegno preciso, a una rotta tracciata, che associa migrazioni e sicurezza, come nel nostro paese ha sempre fatto la destra. Una associazione cui l'allora centrosinistra rispondeva in maniera ferma, parlando di inclusione sociale, di gestione dei processi, di supremazia del diritto e dei diritti
#

08 Mar: Scusate, ma noi non ci stiamo

Poniamo che questo papà e questa bambina vogliano venire in Italia. Lo devono fare con mezzi di fortuna, affidandosi a criminali, sottoponendosi a ricatti inaccettabili, pagando cifre esorbitanti, evitando polizie che possono anche essere poco corrette e leali (quando non letteralmente violente), affrontando mare e muri, pernottando all’aperto e spostandosi di notte, nell’ombra. Lo devono fare subendo violenze fisiche e psicologiche quotidiane e rischiando quotidianamente la morte. Lo devono fare vedendo morire i propri compagni di viaggio al loro fianco, col costante timore di essere i prossimi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

06 Mar: La popolazione straniera contribuisce positivamente alle dinamiche demografiche

Di fronte al progressivo invecchiamento della popolazione italiana, effetto combinato di bassa natalità e di un aumento dell’età media, la popolazione straniera – che rimane stabile soprattutto per effetto delle acquisizioni di cittadinanza – contribuisce a contrastare una dinamica negativa di spopolamento e invecchiamento. Tutti elementi dei quali una politica lungimirante, non ideologica e non in preda a svarioni pre-elettorali dovrebbe tenere conto.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

03 Mar: Quando l’ossessione securitaria si abbatte sui bambini

La Commissione europea continua a inseguire l’ossessione securitaria dei Governi europei, incapaci di mettere in campo soluzioni comuni e sostenibili per tutti, incapaci financo di rispettare gli impegni sui 160mila ricollocamenti che essi stessi hanno preso, ma capacissimi di prendersela coi più deboli, e coi bambini. E’ arrivata in ritardo di qualche ora, ieri pomeriggio, la Comunicazione con annessa Raccomandazione della Commissione Europea sul nuovo piano d’azione per migliorare l’efficacia dei rimpatri, attuando appieno il potenziale della direttiva 115/2008 sui rimpatri.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

15 Feb: Rimpatri verso il Sudan: pretendiamo con ancor più forza che venga fatta chiarezza

Grazie all’iniziativa promossa dal Tavolo nazionale asilo a tutela di cinque vittime del rimpatrio, la questione sarà esaminata dalla Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo. Anche alla luce della annunciata stretta sui rimpatri voluta dal governo Gentiloni e dal ministro Minniti, e alla luce del recente accordo con la Libia, chiediamo che i ministri Minniti e Alfano facciano immediatamente chiarezza sul rimpatrio dei cittadini sudanesi, perché venga sciolto ogni dubbio sulle possibili violazioni di diritti di cui il nostro paese potrebbe essersi reso responsabile.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

08 Feb: Il PD e l’immigrazione: tutto e il suo contrario

Questo PD, con dentro tutto e il suo contrario, che dice tutto e il suo contrario ci sconcerta e ci spaventa. Per questo, da tempo, ci siamo messi in cammino per costruire analisi e risposte serie: quelle che il PD non è più in grado di dare. Ne parleremo, insieme ad altri importanti temi, alla nostra Costituente delle Idee a Roma il 24, 25 e 26 febbraio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

27 Gen: Oggi a Venezia per Pateh Sabally

Oggi pomeriggio sarò a Venezia per partecipare alla manifestazione in ricordo di Pateh Sa-bally, il ragazzo del Gambia morto annegato nel Canal Grande il 22 gennaio scorso. Una storia terribile sulla quale qualsiasi commento potrebbe apparire retorico o strumentale. Mi limiterò a manifestare in silenzio l’indignazione per questa morte assurda, per la morte dei diritti e anche del senso di umanità di quanti hanno guardato senza intervenire, insultando un ragazzo di appena 22 anni che non ha trovato una casa nemmeno nella civilissima Europa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

24 Gen: Le migranti stuprate in Libia e l’Ue si preoccupa dei rimpatri

Il dossier dell’Onu è stato reso noto negli stessi giorni in cui a Bruxelles, con la giustificazione di “evitare che il Mediterraneo si trasformi in un cimitero”, si è concretizzato il programma di rimpatrio dei migranti nei loro paesi direttamente dalla Libia, facendone uno degli hub africani di concentrazione, smistamento e respingimento e impedendo gli imbarchi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

23 Gen: Cosa ho visto tra i migranti ragazzini bloccati a Belgrado

«E’ una situazione mai vista prima». Comincia così il racconto di Lissett, dirigente dell’associazione “Refugees Aid Serbia”. La presenza di profughi bloccati in Serbia non è nuova: questa estate, con la chiusura delle frontiere europee, sono state gettate le basi della crisi umanitaria che, in queste ore, colpisce i profughi presenti a Belgrado. L’unica differenza è il cambio di stagione, che costringe al gelo tra le 700 e le 1200 persone, in capannoni abbandonati nei pressi della stazione di Belgrado, gli stessi dove già questa estate trovavano protezione alcuni di loro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

13 Gen: A Sesto Fiorentino tutti lo sanno, tutti sapevano

Il magazzino (ex Aiazzone) che ospitava, a Sesto Fiorentino, più di ottanta immigrati, ieri notte ha preso fuoco e un uomo ha perso la vita. Il fatiscente stabile era stato occupato sin dal 2014. All’Osmannoro, di case come quella, “in via dei matti al numero zero”, ce ne sono molte, troppe. Tutti lo sanno e tutti sapevano quanto avveniva lì dentro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

12 Gen: Essere di seconda generazione

Essere di seconda generazione, non smetterò mai di dirlo, per me è come un dono: riesco ad immergermi in due società molto simili ma completamente opposte. Sono tunisina e quindi sono fortemente legata alle mie origini, alle mie tradizioni e anche all’attualità del mio paese; d’altro canto vivo in Italia da diciannove anni e nove mesi. Non mi sono mai spostata, non ho mai vissuto più di un mese all’anno in un altro paese. Ogni mese, di ogni anno, mi trovate sempre a Barletta: a casa, a scuola, in biblioteca, al circolo Arci, a fare volontariato da qualche parte o assistere a qualche evento che stuzzica il mio interesse.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •