Emergenza climatica e immigrazione nel sistema giuridico italiano – #GreenSchool

I temi relativi ai mutamenti climatici ed alle migrazioni vengono affrontati separatamente, come se fossero due realtà a se stanti, stando sempre bene attenti a non metterli mai in correlazione,  per una precisa scelta politica. Se si collegasse il mutamento climatico  all'immigrazione, dando conto di come i due temi siano invece connessi, si dovrebbe poi giustificare il silenzio della politica su questa questione.
#

Nel panorama giuridico italiano non esiste la fattispecie del cosiddetto migrante ambientale o quella del rifugiato ambientale. I temi relativi ai mutamenti climatici ed alle migrazioni vengono affrontati separatamente, come se fossero due realtà a se stanti, stando sempre bene attenti a non metterli mai in correlazione,  per una precisa scelta politica. Se si collegasse il mutamento climatico  all’immigrazione, dando conto di come i due temi siano invece connessi, si dovrebbe poi giustificare il silenzio della politica su questa questione.

La Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici distingue i cambiamenti climatici in due categorie: i mutamenti climatici e la variabilità climatica. Mentre tale ultima è generata da cause esclusivamente naturali, il Mutamento climatico è prodotto dall’uomo. I Paesi occidentali, compresa l’Italia, sono responsabili dei peggiori mutamenti climatici in atto nei Paesi di Origine dei flussi migratori provenienti da Africa ed Asia.

Per ragioni meramente economiche, l’Occidente ha devastato e continua a devastare interi ecosistemi, determinando una mutazione ambientale che sta costringendo gli abitanti di questi Paesi a spostarsi in massa.

Nonostante ciò, si continua ad ignorare la necessità di intervenire con una normativa di settore completa e garantista che consenta una migrazione controllata e dignitosa, nel pieno rispetto dei diritti umani dei migranti. La volontà di arginare i flussi migratori e di gestirli in un costante stato emergenziale, dunque, non risponde ad una incapacità sistemica, ma alla precisa scelta del nostro Paese di nascondere le proprie responsabilità, usando la migrazione come arma di distrazione di massa.

L’intervento di Anna Chiara Forte al Politicamp.

Questo post è parte di una breve rassegna delle lezioni tenute durante la #GreenSchool di Possibile. Per aderire e dare forza al nostro progetto, partecipa anche tu, scopri il progetto «FIRMAMENTO».

ASCOLTA LE LEZIONI DELLA GREEN SCHOOL

VAI SU ILFIRMAMENTO.COM​

SCOPRI I SETTE PUNTI STRATEGICI E METTICI LA FIRMA

Guarda i video del panel conclusivo del Politicamp:

Beatrice Brignone – Resistenti

Giuseppe Civati – Il passaggio della borraccia

Paolo Cosseddu – Firmamento

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati