Stop Accordi con la Libia: la terribile testimonianza di Junior

Junior è un ragazzo che potreste incontrare in metropolitana, mentre ascolta musica con gli auricolari, o all’università, o al bar mentre fate colazione, è un bel ragazzo, i suoi modi sono educati, i capelli colorati e insomma non è diverso da tanti suoi coetanei, anche se non potrebbe esserlo di più, ognuno di noi potrebbe incrociarlo o scambiare con lui qualche parola senza sapere che invece è passato attraverso l’inferno, come racconta nel video che vi proponiamo.
Schermata 2020-02-05 alle 09.30.56

Junior è un ragazzo che potreste incontrare in metropolitana, mentre ascolta musica con gli auricolari, o all’università, o al bar mentre fate colazione, è un bel ragazzo, i suoi modi sono educati, i capelli colorati e insomma non è diverso da tanti suoi coetanei, anche se non potrebbe esserlo di più, ognuno di noi potrebbe incrociarlo o scambiare con lui qualche parola senza sapere che invece è passato attraverso l’inferno, come racconta nel video che vi proponiamo.

L’Italia rinnova gli accordi con la Libia tra imbarazzi, tentativi di minimizzare, falsità, insabbiamenti, delegando così il controllo dei flussi a un Paese terzo, che però non è un Paese nella misura in cui non corrisponde a uno Stato di diritto, a un comune terreno di regole. Bande armate gestiscono un traffico di esseri umani che parte dal cuore dell’Africa e arriva fino ai lager libici, dove si consumano torture, ricatti, omicidi, con la benedizione e i generosi fondi dello Stato italiano.

Junior spiega con terribile semplicità cosa accade, e come la sua molte altre sono le testimonianze che sono state raccolte in questi anni, a volte accompagnate da foto e video. Insostenibili, inguardabili, ma che proprio per questo vanno visti. Gli occhi delle istituzioni occidentali e civilizzate sono ciechi, ma quelli del mondo sono aperti e nessuno può dire di non sapere e tutto questo, peraltro, non più mentre al Governo siede il bieco leghista, ma anche quella che in teoria dovrebbe essere la sinistra.

Salvini è già indagato per i blocchi navali che ordinò quando era ministro, ma ben altri processi saranno necessari in futuro, quando i responsabili di queste politiche disumane saranno chiamati a rispondere di ciò che hanno fatto e permesso. Un giorno vedremo sfilare le testimonianze di Junior e di tanti altri in una corte, magari quella del Tribunale dell’Aja, ed è per questo che è importante raccoglierle, parlando con questi ragazzi normali che una vita normale non hanno avuto, e che potremmo incontrare in metro, all’università, al bar.

Noi di Possibile faremo tutto ciò che possiamo perché siano ascoltate, e siamo a disposizione di chiunque voglia fare lo stesso.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Post Correlati