In Brasile aumenta la violenza sulle donne, e Bolsonaro continua a tagliare i fondi

Nel Brasile di oggi, secondo i dati del Ministero della Sanità, ogni quattro minuti una donna viene aggredita da persone conosciute, mentre dodici donne sono assassinate ogni giorno. Nel 2019 c’è stata una crescita del 76% di casi di femminicidi nello Stato di San Paolo, una delle regioni più ricche e sviluppate del Paese. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La set­ti­ma­na scor­sa, il fron­te fem­mi­ni­le del Par­ti­to Socia­li­smo e Liber­tà  (PSOL) ha denun­cia­to all’ONU il Pre­si­den­te del Bra­si­le, Jair Bol­so­na­ro. L’accusa al suo gover­no è sta­ta quel­la di aver abban­do­na­to la bat­ta­glia con­tro la vio­len­za sul­le don­ne.

Dal 2015 al 2018, dopo il gol­pe con­tro Dil­ma Rous­seff, duran­te il gover­no di Michel Temer, c’è sta­ta una dra­sti­ca ridu­zio­ne del­le risor­se desti­na­te alla Casa da Mulher Bra­si­lei­ra (Casa del­la Don­na Bra­si­lia­na), che si occu­pa di soste­ne­re le don­ne vit­ti­me di vio­len­za. Nel 2019, inve­ce, quan­do Bol­so­na­ro è arri­va­to alla Pre­si­den­za del­la Repub­bli­ca, le risor­se sono sta­te com­ple­ta­men­te azze­ra­te.

Inol­tre, tra gli anni 2015 e 2019, il bud­get desti­na­to all’”Assessorato alla Don­na” (un ente che appar­tie­ne al Mini­ste­ro del­la Don­na, del­la Fami­glia e dei Dirit­ti Uma­ni) è sta­to ridot­to di più del 90% — da 119 milio­ni di real a 5,3 milioni.

Nel Bra­si­le di oggi, secon­do i dati del Mini­ste­ro del­la Sani­tà, ogni quat­tro minu­ti una don­na vie­ne aggre­di­ta da per­so­ne cono­sciu­te, men­tre dodi­ci don­ne sono assas­si­na­te ogni gior­no. Nel 2019 c’è sta­ta una cre­sci­ta del 76% di casi di fem­mi­ni­ci­di nel­lo Sta­to di San Pao­lo, una del­le regio­ni più ric­che e svi­lup­pa­te del Paese. 

Alle doman­de del­la stam­pa, la rispo­sta del Capo di Sta­to bra­si­lia­no è sta­ta scon­cer­tan­te: “Non è una que­stio­ne di sol­di e di risor­se. In Bra­si­le ci vuo­le un cam­bio nei comportamenti”.

Qua­li com­por­ta­men­ti? Bol­so­na­ro è favo­re­vo­le alla cam­pa­gna dell’attuale mini­stro del­la Don­na, Fami­glia e Dirit­ti Uma­ni, Dama­res Alves, che sug­ge­ri­sce l’astinenza ses­sua­le come modo per evi­ta­re gra­vi­dan­ze pre­co­ci, e ha elo­gia­to il suo lavo­ro nel­lo Sta­to di Pará, dichia­ran­do: “Alves sta svol­gen­do un bel lavo­ro in Ilha de Mara­jó (iso­la del­lo Sta­to di Pará). Là ci sono padri e non­ni allo stes­so tem­po, che met­to­no incin­te le figlie, le nipoti.” 

Una que­stio­ne enor­me come quel­la del­la vio­len­za sul­le don­ne non può esse­re trat­ta­ta in que­sto modo. Di fron­te ai tagli e a una situa­zio­ne diven­ta­ta ormai assur­da, le depu­ta­te del PSOL, Lui­za Erun­di­na, Áurea Caro­li­na, Sâmia Bon­fim, Fer­nan­da Mel­chion­na e Talí­ria Petro­ne han­no chie­sto che la rela­tri­ce dell’ONU, Dubra­v­ka Simo­no­vik, e l’Alto Com­mis­sa­rio, Michel­le Bache­let, fac­cia­no una visi­ta in Bra­si­le, “affin­ché sia­no osser­va­ti diret­ta­men­te gli effet­ti del taglio del­le risor­se sull’aumento del­la vio­len­za nel Pae­se”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?