Le strane fibrillazioni del Conte bis

Ci sono esponenti del governo che offrono piccole rassicurazioni che assomigliano sempre più a piccole e false scuse. Ci sono esponenti della maggioranza parlamentare che si stracciano le vesti su Facebook (ho letto di alcuni che non dormono la notte, così dicono, perché pensano alla Libia) e raccolgono tanti like.
libia centri detenzione

«Maggioranza in fibrillazione», ci dicono i giornali. Come ben sappiamo, il fattore scatenante è la prescrizione. A dirla tutta, la prescrizione sarebbe anche un argomento molto interessante, che ci aiuta a ragionare e ci interroga sulle nostre idee di democrazia, di libertà, di stato di diritto, di comunità che si dà delle regole e che cerca di restare unita. E un argomento che riguarda direttamente le vite di tanti nostri concittadini.

Ma a dirla davvero tutta, fa decisamente impressione che la fibrillazione della maggioranza si sia manifestata su un tema che, tutto sommato, potrà occupare le pagine dell’attualità per un certo lasso di tempo ma che di certo non riempirà i libri di storia, destino riservato a quanto sta avvenendo – da anni, ormai, e sotto i nostri occhi – in Libia.

Abbiamo cercato a più riprese di sollevare l’attenzione sui decreti sicurezza così come sugli accordi con la Libia, ricevendo in cambio nulla, se non sberleffi. Ci sono esponenti del governo che offrono piccole rassicurazioni che assomigliano sempre più a piccole e false scuse. Ci sono esponenti della maggioranza parlamentare che si stracciano le vesti su Facebook (ho letto di alcuni che non dormono la notte, così dicono, perché pensano alla Libia) e raccolgono tanti like. Ci sono tutti coloro che si propongono di condizionare “da sinistra” le scelte di questo governo che continuano a non condizionare “da sinistra” le scelte di questo governo. Ma non c’è nessuno della maggioranza che vada in fibrillazione per la Libia, per il Mediterraneo, per la tutela dei diritti umani.

La ministra Lamorgese ha di nuovo dichiarato che i decreti sicurezza «vanno cambiati», ma che «ci sono norme che possono servire, quelle potranno rimanere ma è un discorso complessivo che si vedrà con la maggioranza». Nel frattempo il tempo passa, le carceri libiche continuano a funzionare, e questa maggioranza chissà per quanto tempo ci sarà ancora, dopo tutte queste fibrillazioni.
  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati