Mobilitiamoci per la liberazione di Patrick George Zaki

Ci uniamo all'appello dell'Eipr che ne chiede "l'immediata scarcerazione" e che venga "messa fine alla continua persecuzione e alle detenzioni arbitrarie dei professionisti dei diritti umani, dei membri dei gruppi della società civile e dei giornalisti". 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Si mol­ti­pli­ca­no gli appel­li per la libe­ra­zio­ne di Patrick Geor­ge Zaki, il gio­va­ne ricer­ca­to­re arre­sta­to pochi gior­ni fa in Egit­to men­tre tor­na­va a visi­ta­re la pro­pria fami­glia. I flash-mob in piaz­za degli stu­den­ti bolo­gne­si, il grup­po di cri­si del­l’U­ni­bo per segui­re la vicen­da con le auto­ri­tà com­pe­ten­ti, la peti­zio­ne lan­cia­ta su Change.org fino alla let­te­ra che Amne­sty Inter­na­tio­nal Ita­lia ha invia­to all’ambasciatore egi­zia­no a Roma per espri­me­re la pre­oc­cu­pa­zio­ne per la situa­zio­ne del gio­va­ne. Il pen­sie­ro va a Giu­lio Rege­ni: sono tan­ti, trop­pi for­se, i pun­ti in comu­ne con la sto­ria del nostro ricer­ca­to­re. La sen­sa­zio­ne è quel­la di esse­re di fron­te ad un atto di per­se­cu­zio­ne ver­so un atti­vi­sta poli­ti­co. Ed è pro­prio la deten­zio­ne pro­lun­ga­ta che aumen­ta la nostra pre­oc­cu­pa­zio­ne in meri­to al rischio di tor­tu­ra per estor­ce­re infor­ma­zio­ni o strap­pa­re fal­se dichia­ra­zio­ni. Per que­sto ci unia­mo all’ap­pel­lo del­l’Ei­pr che ne chie­de “l’im­me­dia­ta scar­ce­ra­zio­ne” e che ven­ga “mes­sa fine alla con­ti­nua per­se­cu­zio­ne e alle deten­zio­ni arbi­tra­rie dei pro­fes­sio­ni­sti dei dirit­ti uma­ni, dei mem­bri dei grup­pi del­la socie­tà civi­le e dei gior­na­li­sti”.  L’attenzione che è sta­ta crea­ta sul suo caso può fare la dif­fe­ren­za. Per que­sto pre­sen­ta­re la mozio­ne che met­tia­mo a dispo­si­zio­ne diven­ta impor­tan­te e urgen­te: biso­gna agi­re pri­ma pos­si­bi­le, l’a­zio­ne del Gover­no può esse­re deci­si­va ma sia­mo noi a dover­glie­lo chie­de­re e ricor­da­re. Non è un miste­ro che l’E­git­to stia boi­cot­tan­do da quat­tro anni le inda­gi­ni sul­l’o­mi­ci­dio di Giu­lio, per que­sto si dovreb­be met­te­re da par­te l’in­te­res­se a man­te­ne­re un rap­por­to fin trop­po ami­che­vo­le col gover­no egi­zia­no. La stra­te­gia degli ulti­mi quat­tro gover­ni (dal 2016 ad oggi) non ha dato alcun risul­ta­to. Anche su que­sto fran­gen­te ser­vi­reb­be un po’ di chia­rez­za per tace­re del­l’am­bi­gui­tà sul­l’ope­ra­zio­ne di ven­di­ta di pochi gior­ni fa con la qua­le l’I­ta­lia ha cedu­to due fre­ga­te di tipo Fremm agli egi­zia­ni, i qua­li for­ni­sco­no di armi il gene­ra­le Haf­tar. La Far­ne­si­na ha fat­to sape­re di segui­re da vici­no il caso di Zaki tra­mi­te l’Am­ba­scia­ta d’I­ta­lia al Cai­ro e di aver chie­sto di inse­rir­lo fra i casi pro­ces­sua­li moni­to­ra­ti dal­la dele­ga­zio­ne Ue. Que­sto è un bene, pur­chè si istau­ri­no costan­ti con­tat­ti con le auto­ri­tà egi­zia­ne e si eser­ci­ti il dirit­to di visi­ta e, soprat­tut­to, la pre­sen­za di rap­pre­sen­tan­ti ita­lia­ni all’u­dien­za del 22 feb­bra­io. Ade­li­na Sán­chez, respon­sa­bi­le per l’u­ni­ver­si­tà gra­na­di­na del master fre­quen­ta­to da Zaki, rife­ri­sce di come il gio­va­ne faces­se par­te di un grup­po di atti­vi­sti nato nel 2016 dopo la spa­ri­zio­ne di Giu­lio Rege­ni. Anche per que­sto Zaki non sia lascia­to solo.

[LEGGI E DIFFONDI LA MOZIONE PER LA IMMEDIATA LIBERAZIONE DI ZAKi]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.