Mobilitiamoci per la liberazione di Patrick George Zaki

Ci uniamo all'appello dell'Eipr che ne chiede "l'immediata scarcerazione" e che venga "messa fine alla continua persecuzione e alle detenzioni arbitrarie dei professionisti dei diritti umani, dei membri dei gruppi della società civile e dei giornalisti". 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Si mol­ti­pli­ca­no gli appel­li per la libe­ra­zio­ne di Patrick Geor­ge Zaki, il gio­va­ne ricer­ca­to­re arre­sta­to pochi gior­ni fa in Egit­to men­tre tor­na­va a visi­ta­re la pro­pria fami­glia. I flash-mob in piaz­za degli stu­den­ti bolo­gne­si, il grup­po di cri­si del­l’U­ni­bo per segui­re la vicen­da con le auto­ri­tà com­pe­ten­ti, la peti­zio­ne lan­cia­ta su Change.org fino alla let­te­ra che Amne­sty Inter­na­tio­nal Ita­lia ha invia­to all’ambasciatore egi­zia­no a Roma per espri­me­re la pre­oc­cu­pa­zio­ne per la situa­zio­ne del gio­va­ne. Il pen­sie­ro va a Giu­lio Rege­ni: sono tan­ti, trop­pi for­se, i pun­ti in comu­ne con la sto­ria del nostro ricer­ca­to­re. La sen­sa­zio­ne è quel­la di esse­re di fron­te ad un atto di per­se­cu­zio­ne ver­so un atti­vi­sta poli­ti­co. Ed è pro­prio la deten­zio­ne pro­lun­ga­ta che aumen­ta la nostra pre­oc­cu­pa­zio­ne in meri­to al rischio di tor­tu­ra per estor­ce­re infor­ma­zio­ni o strap­pa­re fal­se dichia­ra­zio­ni. Per que­sto ci unia­mo all’ap­pel­lo del­l’Ei­pr che ne chie­de “l’im­me­dia­ta scar­ce­ra­zio­ne” e che ven­ga “mes­sa fine alla con­ti­nua per­se­cu­zio­ne e alle deten­zio­ni arbi­tra­rie dei pro­fes­sio­ni­sti dei dirit­ti uma­ni, dei mem­bri dei grup­pi del­la socie­tà civi­le e dei gior­na­li­sti”.  L’attenzione che è sta­ta crea­ta sul suo caso può fare la dif­fe­ren­za. Per que­sto pre­sen­ta­re la mozio­ne che met­tia­mo a dispo­si­zio­ne diven­ta impor­tan­te e urgen­te: biso­gna agi­re pri­ma pos­si­bi­le, l’a­zio­ne del Gover­no può esse­re deci­si­va ma sia­mo noi a dover­glie­lo chie­de­re e ricor­da­re. Non è un miste­ro che l’E­git­to stia boi­cot­tan­do da quat­tro anni le inda­gi­ni sul­l’o­mi­ci­dio di Giu­lio, per que­sto si dovreb­be met­te­re da par­te l’in­te­res­se a man­te­ne­re un rap­por­to fin trop­po ami­che­vo­le col gover­no egi­zia­no. La stra­te­gia degli ulti­mi quat­tro gover­ni (dal 2016 ad oggi) non ha dato alcun risul­ta­to. Anche su que­sto fran­gen­te ser­vi­reb­be un po’ di chia­rez­za per tace­re del­l’am­bi­gui­tà sul­l’ope­ra­zio­ne di ven­di­ta di pochi gior­ni fa con la qua­le l’I­ta­lia ha cedu­to due fre­ga­te di tipo Fremm agli egi­zia­ni, i qua­li for­ni­sco­no di armi il gene­ra­le Haf­tar. La Far­ne­si­na ha fat­to sape­re di segui­re da vici­no il caso di Zaki tra­mi­te l’Am­ba­scia­ta d’I­ta­lia al Cai­ro e di aver chie­sto di inse­rir­lo fra i casi pro­ces­sua­li moni­to­ra­ti dal­la dele­ga­zio­ne Ue. Que­sto è un bene, pur­chè si istau­ri­no costan­ti con­tat­ti con le auto­ri­tà egi­zia­ne e si eser­ci­ti il dirit­to di visi­ta e, soprat­tut­to, la pre­sen­za di rap­pre­sen­tan­ti ita­lia­ni all’u­dien­za del 22 feb­bra­io. Ade­li­na Sán­chez, respon­sa­bi­le per l’u­ni­ver­si­tà gra­na­di­na del master fre­quen­ta­to da Zaki, rife­ri­sce di come il gio­va­ne faces­se par­te di un grup­po di atti­vi­sti nato nel 2016 dopo la spa­ri­zio­ne di Giu­lio Rege­ni. Anche per que­sto Zaki non sia lascia­to solo.

[LEGGI E DIFFONDI LA MOZIONE PER LA IMMEDIATA LIBERAZIONE DI ZAKi]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?