Cittadinanza, migrazioni e asilo: una storia già vista con un finale scontato

Lo ius culturae torna nel cassetto nel quale era stato chiuso. Dello ius soli non parliamone nemmeno. La riforma della Bossi-Fini continua a essere un argomento tabù, mentre torna di moda la dottrina Minniti. Una storia già vista. Alla fine, vince Salvini. 
ius-soli

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Da alcu­ni gior­ni, nel nostro Pae­se, si è ria­per­to il dibat­ti­to sul­lo ius cul­tu­rae, riac­cen­den­do una fle­bi­le spe­ran­za in chi, negli scor­si anni, si è bat­tu­to per una rifor­ma del­la cit­ta­di­nan­za che pre­ve­des­se non solo lo ius cul­tu­rae, ma anche lo ius soli. Le aspet­ta­ti­ve crea­te duran­te la scor­sa legi­sla­tu­ra sono sta­te ampia­men­te delu­se, gra­zie anche a una fin­ta calen­da­riz­za­zio­ne che ha evi­ta­to che al Sena­to si discu­tes­se la pro­po­sta di rifor­ma già appro­va­ta dal­la Camera.

La dif­fe­ren­za tra i due isti­tu­ti con­si­ste nel fat­to che lo ius soli pre­ve­de il rico­no­sci­men­to del­la cit­ta­di­nan­za dal­la nasci­ta (sep­pur con alcu­ni limi­ti, mol­to spes­so rife­ri­ti alla con­di­zio­ne di resi­den­za dei geni­to­ri), men­tre lo ius cul­tu­rae con­di­zio­na il rico­no­sci­men­to del­la cit­ta­di­nan­za all’a­ver por­ta­to a ter­mi­ne un per­cor­so di stu­di.

Se ne tor­na a par­la­re per­ché doma­ni, 3 otto­bre, ripren­de­rà in com­mis­sio­ne Affa­ri costi­tu­zio­na­li del­la Came­ra la discus­so­ne sul­la pro­po­sta di leg­ge fir­ma­ta da Lau­ra Bol­dri­ni sul­lo ius soli. Alla stes­sa com­mis­sio­ne è sta­ta asse­gna­ta una secon­da pro­po­sta di leg­ge, pre­sen­ta­ta da Rena­ta Pol­ve­ri­ni, depu­ta­ta di For­za Ita­lia, che pre­ve­de inve­ce lo ius cul­tu­rae, e cioè che «Lo stra­nie­ro nato in Ita­lia, che abbia com­ple­ta­to il cor­so di istru­zio­ne pri­ma­ria secon­do la disci­pli­na vigen­te, risie­den­do­vi legal­men­te fino a tale data» diven­ga cit­ta­di­no italiano.

A segui­to di una — a dir la veri­tà, poco con­vin­cen­te — aper­tu­ra ini­zia­le, Lui­gi Di Maio così come alcu­ni espo­nen­ti del Par­ti­to Demo­cra­ti­co, han­no fat­to capi­re che lo ius cul­tu­rae «non è una prio­ri­tà». «Ora non sareb­be com­pre­so», gli ha fat­to eco la sot­to­se­gre­ta­ria Mora­ni (Pd).

Non-prio­ri­tà già viste, paro­le già sen­ti­te. Così come quel­le pro­nun­cia­te ieri dal­la mini­stra Lamor­ge­se che, dopo aver pre­ci­sa­to che lei «stu­dia i dos­sier», ha espli­ci­ta­to qua­le sarà il suo approc­cio alle poli­ti­che migra­to­rie e del­l’a­si­lo, e cioè che con­di­vi­de «com­ple­ta­men­te la linea di Mar­co Min­ni­ti. Ave­va una visio­ne glo­ba­le per­ché affron­ta­re l’immigrazione non signi­fi­ca solo redi­stri­bu­zio­ne». In altre paro­le, biso­gna bloc­ca­re le par­ten­ze e limi­ta­re i cosid­det­ti “fat­to­ri di attra­zio­ne”, inter­ve­nen­do sul­l’o­pe­ra­to del­le Ong (che nume­ro­si dos­sier han­no dimo­stra­to non esse­re fat­to­re di attra­zio­ne) con «del­le rego­le. Biso­gna ripar­ti­re dal Codi­ce del­le Ong pro­po­sto dal mini­stro Min­ni­ti».

Lo ius cul­tu­rae tor­na nel cas­set­to nel qua­le era sta­to chiu­so. Del­lo ius soli non par­lia­mo­ne nem­me­no. La rifor­ma del­la Bos­si-Fini con­ti­nua a esse­re un argo­men­to tabù, men­tre tor­na di moda la dot­tri­na Min­ni­ti. Una sto­ria già vista. Alla fine, vin­ce Sal­vi­ni.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.