Educare alle Differenze è sempre una boccata d’ossigeno

Non sappiamo ancora se il nuovo Governo deciderà di mettere in discussione la chiusura mostrata dalla precedente maggioranza su questi temi. Quello che sappiamo noi, uomini e donne resistenti e resilienti, è che un futuro diverso passa obbligatoriamente dalla Scuola e dalla Formazione. Passa da una Legge nazionale che introduca nelle scuole di ogni ordine e grado l’Educazione alle Differenze, all’Affettività, alla Sessualità libera e consapevole. Solo così potremo abbattere la cultura della paura e dell’odio.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]La sesta edi­zio­ne di Edu­ca­re alle Dif­fe­ren­ze si è tenu­ta a Pisa e ha visto la par­te­ci­pa­zio­ne di cir­ca 700 per­so­ne tra docen­ti, edu­ca­to­ri, for­ma­to­ri e mem­bri del­le asso­cia­zio­ni facen­ti par­te del net­work. Non una scel­ta a caso, quel­la del­la cit­tà tosca­na, che dal­le scor­se ammi­ni­stra­ti­ve è ammi­ni­stra­ta da una Lega che non si nascon­de nel voler can­cel­la­re i tra­guar­di rag­giun­ti in ter­mi­ni di dirit­ti e ugua­glian­za per tut­te e tutti.

Lo slo­gan scel­to quest’anno era “Sull’odio non cre­sce futu­ro”, a testi­mo­nian­za del­la volon­tà di mar­ca­re chia­ra­men­te la dif­fe­ren­za da chi nell’ultimo anno ha costrui­to una nar­ra­zio­ne intri­sa di odio e vio­len­za con­tro le per­so­ne e le iden­ti­tà con­si­de­ra­te diver­se, diver­gen­ti dal model­lo maschi­le e patriar­ca­le che non accet­ta alcu­na sfumatura. 

A Pisa, inve­ce, si è riven­di­ca­ta la dif­fe­ren­za come ele­men­to essen­zia­le di ric­chez­za socia­le e cul­tu­ra­le. Pro­prio per que­sto il mare di par­te­ci­pan­ti che ha inva­so una scuo­la si è mes­so in ascol­to e con­fron­to nei tan­tis­si­mi labo­ra­to­ri (tut­ti tal­men­te pie­ni che per mol­ti è sta­to pos­si­bi­le seguir­li solo in affol­la­tis­si­me aule) che han­no toc­ca­to espe­rien­ze for­ma­ti­ve per ogni fascia d’età e sui tan­ti argo­men­ti che riguar­da­no la com­ples­si­tà socia­le che ci tro­via­mo intor­no a noi.

È sta­to mol­to inte­res­san­te pren­de­re par­te al tavo­lo poli­ti­co che è sta­to incen­tra­to sul con­tra­sto all’odio e le buo­ne pras­si a livel­lo ter­ri­to­ria­le. È pro­prio il livel­lo ter­ri­to­ria­le quel­lo pre­so di mira dal­la destra con­ser­va­tri­ce e radi­ca­le, mol­to più del pia­no nazio­na­le: con le mozio­ni e gli odg nei con­si­gli comu­na­li, si pos­so­no com­ple­ta­men­te disin­te­gra­re le leg­gi del­lo Sta­to sen­za dover­le can­cel­la­re a livel­lo nazio­na­le. È il caso di Vero­na e del­la mozio­ne con­tro la 194, ne sono esem­pio le deci­sio­ni di Pisa e Sie­na di usci­re dal­la rete RE.A.DY. Una deri­va che è sin­to­ma­ti­ca del­la visio­ne che la destra vuo­le impor­re nei gover­ni loca­li spe­cial­men­te in quel­le real­tà dove il cam­bio dal csx alla Lega è sta­to repen­ti­no e drastico. 

Ele­men­ti che sono appar­si chia­ra­men­te negli inter­ven­ti di Cic­cio Aulet­ta, con­si­glie­re di Pisa, e Sara Fer­ra­ri, ex Asses­so­ra alle Pari Oppor­tu­ni­tà del­la pro­vin­cia di Tren­to, oggi con­si­glie­ra di oppo­si­zio­ne: il lavo­ro fat­to negli anni per costrui­re real­tà aper­te, inclu­si­ve, capa­ci di legi­fe­ra­re a rispet­to del­le dif­fe­ren­ze e del­la comu­ni­tà LGBTI, è sta­to mes­so in discus­sio­ne sin da subi­to e can­cel­la­to con atti che ser­vis­se­ro a mar­ca­re un chia­ro ter­ri­to­rio ideo­lo­gi­co.

Di que­sti tem­pi, per­tan­to, non si può resta­re indif­fe­ren­ti, tan­to meno in silen­zio. È neces­sa­rio ed urgen­te che gli ammi­ni­stra­to­ri pren­da­no posi­zio­ne su que­sti temi per­ché è fon­da­men­ta­le fare rete sui ter­ri­to­ri e costrui­re un argi­ne a que­sti feno­me­ni che sono sem­pre più fre­quen­ti. Ser­ve met­te­re in con­nes­sio­ne le buo­ne pra­ti­che che già esi­sto­no, come affer­ma­va Mar­co Giu­sta, asses­so­re di Tori­no e coor­di­na­to­re del­la rete RE.A.DY, e come spie­ga­va Clau­dia Pra­tel­li nel suo con­tri­bu­to dove ha rac­con­ta­to espe­ri­men­ti di inclu­sio­ne nel III Muni­ci­pio di Roma dove è Asses­so­ra all’Istruzione, ai Dirit­ti Civi­li ed alle Pari Opportunità.

Sono emer­se pro­po­ste inte­res­san­ti, pri­ma tra tut­te quel­la di Aulet­ta che ha lan­cia­to una gran­de cam­pa­gna nazio­na­le sui temi del­le dif­fe­ren­ze che pos­sa esse­re accom­pa­gna­ta da pro­po­ste e atti con­cre­ti da ripor­ta­re sui ter­ri­to­ri, ma anche boz­ze di leg­gi regio­na­li capa­ci di col­ma­re, sep­pur non com­ple­ta­men­te, le lacu­ne gene­ra­te da leg­gi nazio­na­li. Un esem­pio su tut­ti: una boz­za di pro­to­col­lo da sot­to­scri­ve­re tra Regio­ne e Uffi­cio Sco­la­sti­co Regio­na­le per chie­de­re l’attivazione di per­cor­si di for­ma­zio­ne sul­le dif­fe­ren­ze e l’inclusione anche in vir­tù del­le nor­me con­te­nu­te nel­la L.107, sep­pur con tut­ti i limi­ti del­la legge.

Con Pos­si­bi­le non pos­sia­mo che soste­ne­re le pro­po­ste che van­no nel­la dire­zio­ne di mag­gio­ri dirit­ti e liber­tà, pro­po­ste che fac­cia­no emer­ge­re la neces­si­tà di attua­re il prin­ci­pio di auto­de­ter­mi­na­zio­ne di tut­te e tut­ti. Per que­sto era­va­mo pre­sen­ti alla con­fe­ren­za stam­pa di pre­sen­ta­zio­ne del­la Rete nazio­na­le di Edu­ca­re alle Dif­fe­ren­ze ed in que­sti anni non abbia­mo mai fat­to man­ca­re il nostro soste­gno par­te­ci­pan­do ai mee­ting e dan­do a que­sti temi la rile­van­za che spet­ta loro, nel lavo­ro che abbia­mo svol­to con le cam­pa­gne “Alla Base La Scuo­la” e Pos­si­bi­le LGBTI+ e che fa par­te del nostro Mani­fe­sto.

Non sap­pia­mo anco­ra se il nuo­vo Gover­no deci­de­rà di met­te­re in discus­sio­ne la chiu­su­ra mostra­ta dal­la pre­ce­den­te mag­gio­ran­za su que­sti temi. Quel­lo che sap­pia­mo noi, uomi­ni e don­ne resi­sten­ti e resi­lien­ti, è che un futu­ro diver­so pas­sa obbli­ga­to­ria­men­te dal­la Scuo­la e dal­la For­ma­zio­ne. Pas­sa da una Leg­ge nazio­na­le che intro­du­ca nel­le scuo­le di ogni ordi­ne e gra­do l’Educazione alle Dif­fe­ren­ze, all’Affettività, alla Ses­sua­li­tà libe­ra e con­sa­pe­vo­le. Solo così potre­mo abbat­te­re la cul­tu­ra del­la pau­ra e dell’odio.

Alla poli­ti­ca spet­ta, inve­ce, un com­pi­to che for­se è anco­ra più dif­fi­ci­le: tro­va­re il corag­gio. Il corag­gio di legi­fe­ra­re per il benes­se­re di tut­te e tut­ti sen­za nascon­der­si come per trop­po tem­po ha fat­to. Un corag­gio che pas­sa anche dal ricam­bio gene­ra­zio­na­le di una clas­se diri­gen­te che in trop­pe occa­sio­ni ha dimo­stra­to di esse­re ina­de­gua­ta nel coglie­re le sfi­de del pre­sen­te e del futuro.

Gian­mar­co Capogna

Por­ta­vo­ce Nazio­na­le Pos­si­bi­le LGBTI+[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.