Libia: la tragedia umanitaria che continuiamo a nascondere

«La Libia non è un porto sicuro», quindi è necessario «ogni sforzo perché venga evitato che le persone salvate nel Mediterraneo siano fatte sbarcare in Libia». A dirlo, questa volta, sono le Nazioni Unite, attraverso la firma congiunta di Unhcr (Alto commissariato per i rifugiati) e Iom (Organizzazione internazionale per le migrazioni).

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«La Libia non è un por­to sicu­ro», quin­di è neces­sa­rio «ogni sfor­zo per­ché ven­ga evi­ta­to che le per­so­ne sal­va­te nel Medi­ter­ra­neo sia­no fat­te sbar­ca­re in Libia». A dir­lo, que­sta vol­ta, sono le Nazio­ni Uni­te, attra­ver­so la fir­ma con­giun­ta di Unh­cr (Alto com­mis­sa­ria­to per i rifu­gia­ti) e Iom (Orga­niz­za­zio­ne inter­na­zio­na­le per le migrazioni).

I numeri in Libia

Le due agen­zie, richia­man­do la stra­ge avve­nu­ta nel cen­tro di deten­zio­ne di Tajou­ra, si appel­la­no all’Unione euro­pea e all’Unione afri­ca­na per­ché con­si­de­ri­no i dirit­ti uma­ni dei migran­ti e dei rifu­gia­ti un ele­men­to cen­tra­le del loro impe­gno in Libia. «Chie­dia­mo prio­ri­ta­ria­men­te che 5.600 rifu­gia­ti e migran­ti attual­men­te dete­nu­ti in cen­tri in Libia — scri­vo­no — sia­no libe­ra­ti ed eva­cuati […] La deten­zio­ne di per­so­ne sal­va­te in mare e fat­te sbar­ca­re in Libia deve fini­re». Unh­cr e Iom sti­ma­no che in Libia sia­no pre­sen­ti 50mila rifu­gia­ti e richie­den­ti asi­lo e 800mila migran­ti. Per entram­be le cate­go­rie, scri­vo­no, «è neces­sa­rio che ven­ga­no tute­la­ti meglio i dirit­ti umani».

I salvataggi nel Mediterrano

In pas­sa­to, navi dei Pae­si euro­pei han­no con­dot­to ope­ra­zio­ni di ricer­ca e soc­cor­so nel Medi­ter­ra­neo, sal­van­do miglia­ia di vite. Per l’Italia, in par­ti­co­la­re, ricor­dia­mo l’operazione Mare Nostrum inau­gu­ra­ta dal gover­no Let­ta a segui­to del nau­fra­gio di Lam­pe­du­sa e sospe­sa dopo un anno di azio­ni: «dovreb­be­ro ripren­de­re a com­pie­re que­sto lavo­ro fon­da­men­ta­le». Unh­cr e Iom spen­do­no paro­le anche sull’operato del­le Ong, che svol­go­no un «ruo­lo cru­cia­le nel Medi­ter­ra­neo», e che per­ciò «non andreb­be­ro pena­liz­za­te per il solo fat­to di sal­va­re vite in mare».

La cooperazione con la Libia

«Qual­sia­si assi­sten­za for­ni­ta e respon­sa­bi­li­tà asse­gna­ta alle auto­ri­tà libi­che deve esse­re con­di­zio­na­ta al fat­to che nes­su­no deve esse­re dete­nu­to arbi­tra­ria­men­te dopo esse­re sta­to sal­va­to». In assen­za di garan­zie, «la col­la­bo­ra­zio­ne deve esse­re inter­rot­ta». Un richia­mo rivol­to sicu­ra­men­te anche al nostro Pae­se che però, ormai da anni, igno­ra con­sa­pe­vol­men­te le “clau­so­le uma­ni­ta­rie”. Una poli­ti­ca di cer­to non inau­gu­ra­ta da que­sto gover­no, ma che pog­gia le pro­prie basi su un memo­ran­dum sot­to­scrit­to dall’allora pre­mier Gen­ti­lo­ni all’interno di una più vasta azio­ne pro­mos­sa dall’allora mini­stro Min­ni­ti. Nel memo­ran­dum, infat­ti, si dele­ga sen­za giri di paro­le alle auto­ri­tà libi­che la gestio­ne dei cen­tri di detenzione:

Riaf­fer­man­do la fer­ma deter­mi­na­zio­ne di coo­pe­ra­re per indi­vi­dua­re solu­zio­ni urgen­ti alla que­stio­ne dei migran­ti clan­de­sti­ni che attra­ver­sa­no la Libia per recar­si in Euro­pa via mare, attra­ver­so la pre­di­spo­si­zio­ne dei cam­pi di acco­glien­za tem­po­ra­nei in Libia, sot­to l’esclusivo con­trol­lo del Mini­ste­ro dell’Interno libi­co, in atte­sa del rim­pa­trio o del rien­tro volon­ta­rio nei pae­si di ori­gi­ne, lavo­ran­do al tem­po stes­so affin­ché i pae­si di ori­gi­ne accet­ti­no i pro­pri cit­ta­di­ni ovve­ro sot­to­scri­ven­do con que­sti pae­si accor­di in merito.

Una scel­ta con­fer­ma­ta da emi­nen­ti espo­nen­ti del Par­ti­to demo­cra­ti­co, con buo­na pace di Unh­cr e Iom. E, soprat­tut­to, del­le per­so­ne dete­nu­te e torturate.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.