Libia: la tragedia umanitaria che continuiamo a nascondere

«La Libia non è un porto sicuro», quindi è necessario «ogni sforzo perché venga evitato che le persone salvate nel Mediterraneo siano fatte sbarcare in Libia». A dirlo, questa volta, sono le Nazioni Unite, attraverso la firma congiunta di Unhcr (Alto commissariato per i rifugiati) e Iom (Organizzazione internazionale per le migrazioni).

[vc_row][vc_column][vc_column_text]«La Libia non è un por­to sicu­ro», quin­di è neces­sa­rio «ogni sfor­zo per­ché ven­ga evi­ta­to che le per­so­ne sal­va­te nel Medi­ter­ra­neo sia­no fat­te sbar­ca­re in Libia». A dir­lo, que­sta vol­ta, sono le Nazio­ni Uni­te, attra­ver­so la fir­ma con­giun­ta di Unh­cr (Alto com­mis­sa­ria­to per i rifu­gia­ti) e Iom (Orga­niz­za­zio­ne inter­na­zio­na­le per le migrazioni).

I numeri in Libia

Le due agen­zie, richia­man­do la stra­ge avve­nu­ta nel cen­tro di deten­zio­ne di Tajou­ra, si appel­la­no all’Unione euro­pea e all’Unione afri­ca­na per­ché con­si­de­ri­no i dirit­ti uma­ni dei migran­ti e dei rifu­gia­ti un ele­men­to cen­tra­le del loro impe­gno in Libia. «Chie­dia­mo prio­ri­ta­ria­men­te che 5.600 rifu­gia­ti e migran­ti attual­men­te dete­nu­ti in cen­tri in Libia — scri­vo­no — sia­no libe­ra­ti ed eva­cuati […] La deten­zio­ne di per­so­ne sal­va­te in mare e fat­te sbar­ca­re in Libia deve fini­re». Unh­cr e Iom sti­ma­no che in Libia sia­no pre­sen­ti 50mila rifu­gia­ti e richie­den­ti asi­lo e 800mila migran­ti. Per entram­be le cate­go­rie, scri­vo­no, «è neces­sa­rio che ven­ga­no tute­la­ti meglio i dirit­ti umani».

I salvataggi nel Mediterrano

In pas­sa­to, navi dei Pae­si euro­pei han­no con­dot­to ope­ra­zio­ni di ricer­ca e soc­cor­so nel Medi­ter­ra­neo, sal­van­do miglia­ia di vite. Per l’Italia, in par­ti­co­la­re, ricor­dia­mo l’operazione Mare Nostrum inau­gu­ra­ta dal gover­no Let­ta a segui­to del nau­fra­gio di Lam­pe­du­sa e sospe­sa dopo un anno di azio­ni: «dovreb­be­ro ripren­de­re a com­pie­re que­sto lavo­ro fon­da­men­ta­le». Unh­cr e Iom spen­do­no paro­le anche sull’operato del­le Ong, che svol­go­no un «ruo­lo cru­cia­le nel Medi­ter­ra­neo», e che per­ciò «non andreb­be­ro pena­liz­za­te per il solo fat­to di sal­va­re vite in mare».

La cooperazione con la Libia

«Qual­sia­si assi­sten­za for­ni­ta e respon­sa­bi­li­tà asse­gna­ta alle auto­ri­tà libi­che deve esse­re con­di­zio­na­ta al fat­to che nes­su­no deve esse­re dete­nu­to arbi­tra­ria­men­te dopo esse­re sta­to sal­va­to». In assen­za di garan­zie, «la col­la­bo­ra­zio­ne deve esse­re inter­rot­ta». Un richia­mo rivol­to sicu­ra­men­te anche al nostro Pae­se che però, ormai da anni, igno­ra con­sa­pe­vol­men­te le “clau­so­le uma­ni­ta­rie”. Una poli­ti­ca di cer­to non inau­gu­ra­ta da que­sto gover­no, ma che pog­gia le pro­prie basi su un memo­ran­dum sot­to­scrit­to dall’allora pre­mier Gen­ti­lo­ni all’interno di una più vasta azio­ne pro­mos­sa dall’allora mini­stro Min­ni­ti. Nel memo­ran­dum, infat­ti, si dele­ga sen­za giri di paro­le alle auto­ri­tà libi­che la gestio­ne dei cen­tri di detenzione:

Riaf­fer­man­do la fer­ma deter­mi­na­zio­ne di coo­pe­ra­re per indi­vi­dua­re solu­zio­ni urgen­ti alla que­stio­ne dei migran­ti clan­de­sti­ni che attra­ver­sa­no la Libia per recar­si in Euro­pa via mare, attra­ver­so la pre­di­spo­si­zio­ne dei cam­pi di acco­glien­za tem­po­ra­nei in Libia, sot­to l’esclusivo con­trol­lo del Mini­ste­ro dell’Interno libi­co, in atte­sa del rim­pa­trio o del rien­tro volon­ta­rio nei pae­si di ori­gi­ne, lavo­ran­do al tem­po stes­so affin­ché i pae­si di ori­gi­ne accet­ti­no i pro­pri cit­ta­di­ni ovve­ro sot­to­scri­ven­do con que­sti pae­si accor­di in merito.

Una scel­ta con­fer­ma­ta da emi­nen­ti espo­nen­ti del Par­ti­to demo­cra­ti­co, con buo­na pace di Unh­cr e Iom. E, soprat­tut­to, del­le per­so­ne dete­nu­te e torturate.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.